Canada on the road: due settimane tra Ontario e Quebec

Una magnifica vacanza alla scoperta delle Canada orientale, tra grandi città, laghi, parchi naturali e famose località di villeggiatura

Diario letto 132247 volte

  • di Comax
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Il giorno seguente si rivela il più torrido di tutto il viaggio e già dalle prime ore del mattino il caldo e l'afa erano insopportabili. Decidiamo così di passare la mattinata all'Ontario Science Centre, una cittadella della scienza dove i bambini si divertono moltissimo facendo scoperte, esperimenti e visitando l'esposizione delle stranezze di Ripley’s Believe It or Not! Il pomeriggio è dedicato allo shopping nel centro di Toronto, principalmente su Queen Street, mentre per cena andiamo all'Hard Rock Café a Yonge-Dundas Square, che la sera si accende con mille luci ricordando da vicino Piccadilly Circus.

Il terzo giorno è dedicato al lago Ontario. Arriviamo presto al Jack Layton Ferry Terminal e prendiamo uno dei primi traghetti per le Toronto Island (biglietti in loco), che raggiungiamo in circa 10 minuti di gradevole navigazione nella baia. Le isole sono immerse nella vegetazione, non girano mezzi a motore e complice l'ennesima giornata soleggiata e calda ci divertiamo tantissimo ad esplorarle sia a piedi che con un risciò. Centre Island è sicuramente quella che offre più divertimenti con una bella spiaggia, numerosi laghetti, giardini fioriti, un labirinto di siepi, giochi d'acqua, una piccola fattoria ed un luna park. Da qui si ammira uno spettacolare skyline di Toronto, con la CN Tower che svetta in tutta la sua imponenza. Restiamo qui fino al tardo pomeriggio per poi ritornare in hotel a sistemarci per la serata sul lungolago.

La zona è stata completamente rinnovata ed ospita l'Harbourfront Centre, un immenso centro culturale ed artistico con teatri all'aperto ed altri spazi che propongono concerti ed altre attività gratuite per grandi e piccini. Molto bella la passeggiata sulla camminata in legno che costeggia il lago dalla quale si ha una vista meravigliosa sulle isole. Per cena ci affidiamo ad uno dei numerosi truck food presenti in zona, specializzato in cibo messicano. Raggiungiamo poi a piedi il vicino Rogers Centre, lo stadio del baseball che ospita le partite dei Toronto Blu Jays e quindi la CN Tower che si trova proprio al suo fianco. Avevamo già acquistato su internet i biglietti per salire nel punto più alto (lo Skypod), ma questo ci risparmia solo la fila al botteghino e non anche quella per gli ascensori, che si rivelerà a dir poco estenuante. Dopo circa 2 ore riusciamo a salire e ci godiamo la vista notturna della città dall'alto che ripagherà la fatica fatta. Altra fila, più veloce, per scendere e poi rientro in hotel per il meritato riposo.

DA TORONTO A MONTREAL

Per il prosieguo della vacanza avevamo noleggiato parecchi mesi prima un paio di autovetture con Hertz, con consegna alla Union Station e restituzione all'aeroporto Pearson, spendendo veramente poco. Purtroppo quando arriviamo in stazione le autovetture non ci sono e dobbiamo prendere un taxi per arrivare all'ufficio Hertz di Mississauga dove le nostre Toyota Corolla sono disponibili. Perdiamo un po' di tempo, ma fortunatamente il costo del taxi ci verrà rimborsato da Hertz. Inizia da qui il nostro viaggio itinerante in Canada, la prima sosta, dopo circa 3 ore, è a Gananoque, da dove parte la migliore crociera per il parco naturale delle Thousand Islands. La navigazione sul fiume San Lorenzo è uno spettacolo per gli occhi, con una miriade di isolotti che quasi sempre ospitano una singola abitazione. Costeggiamo il Vermont e la sua Millionaire's Row, le case da sballo dei Paperoni americani, passiamo sotto ai due ponti internazionali che uniscono Canada e USA fino ad arrivare al Boldt Castle, un maestoso castello immerso nel verde che circumnavighiamo un paio di volte senza però fermarci.

Tornati in porto risaliamo sull'auto in direzione Quebec e più precisamente verso la capitale Montreal, dove arriveremo dopo circa 2 ore e mezza. Qui alloggeremo per 4 notti all'Hotel Quartier Latin, che si trova nell'omonimo quartiere pieno zeppo di ristoranti e teatri ma abbastanza mal frequentato. Anche l'albergo non è il massimo della vita, sebbene si trovi in un ottima posizione per raggiungere il centro città e vicino ad un parcheggio coperto. Per la colazione utilizzeremo ogni giorno un vicino Tim Hortons, la principale catena di fast food canadese

  • 132247 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social