Il sud della Francia: un tour un po' per caso

Da Presqu’ile de Giens alle Dune di Pilat, attraversando la Camargue, il Canal du Midi e la Provenza, terminando alle Gorges du Verdon

Diario letto 46153 volte

  • di CTI75
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Protagonisti: Cristina (reportage e navigatore); Roberto (pilota)

Mezzo di trasporto: 2 mountain bike - AUDI A3 1.9 alla partenza con ben gia 250mila km

Km percorsi 3250

Costi:

Benzina euro 230

Caselli euro 170

Tot vacanza euro 1400

Accomodation: Campeggio Presqu’ile de Giens a Giens euro 102 ( 3 notti, con piazzola, 2 persone, auto ed elettricità)

Le Petit Mas des Barres a Les de la Mer euro 123 (2 notti senza colazione)

Campeggio La Forest a Dune sur Mer euro 52 ( 2 notti, con piazzola, 2 persone, auto ed elettricità)

Vieux a Carcassone euro 70 (una notte con colazione)

Conforhotel ad Avignone euro 45 ( una notte senza colazione)

Hotel Castel Luberon a APT euro 56 (una notte senza colazione)

E’ dal 2006 che vorrei completare il giro iniziato con Nizza, Cannes, Antibes, Grasse e via dicendo, ma poi è stato chissà perché, sempre rimandato.

Quest’anno lo decidiamo all’ultimo, il martedì prima della partenza ci viene l’idea: e’ giunta l’ora di completare "quel viaggetto".

Non abbiamo tempo nulla, organizzare niente, carichiamo in macchina anche la tenda nel caso ci siano difficoltà a trovare posto in hotel, recupero le mie vecchie cartine della Francia, la guida già usata la scorsa volta, carichiamo le bici e partiamo.

1° giorno: domenica 25 agosto 2013

Sveglia ore 7, nella mia testa avevo la partenza prevista per le ore 8, ma mi domando perché ogni volta m’illudo che non ci siano mai imprevisti, accidentali o voluti.

Perché la mattina della partenza, bisogna anche pensare a: gonfiare le gomme, fare benzina, prelevare, caricare il telefono, ad aggiungere l’olio nel motore "perché non si sa mai". Meno male che arrivano i suoceri con le fettine panate per il pranzo a sacco per alleviarmi il cattivo umore.

Facciamo colazione al bar e partiamo, h. 10.20 la mia ira non ha uguali.

Pero’ discutendo, arriviamo a Ventimiglia…

Arriviamo sulla penisola Giens, una piccola Camargue in miniatura e ci accoglie un vento pazzesco, la prima spiaggia è l'Almanarre, lunga ben 4 km, una miscela di sabbia e ciottoli, è colma in cielo di enormi aquiloni. E’ la spiaggia ideale per i surfisti, che la considerano come uno dei migliori luoghi di windsurf nel mondo.

In macchina con il tablet, prima di attraversare il confine, avevo trovato qualche campeggio, e dopo aver letto qualche recensione ci dirigiamo al camping "Presqu’ile de Giens". Noi preferiamo i 4 stelle, quando si sta in campeggio, certe piccole accortezze ci vogliono: come avere i bagni sempre puliti ed in ordine.

Sulla penisola se ne trovano molti e anche di meno cari, ma per la qualità... non saprei dire.

Il campeggio a noi è piaciuto molto, la zona tende è su una splendida collina all’ombra della vegetazione mediterranea (querce, corbezzoli, pini), le piazzole sono disposte su terrazze, ideale per chi cerca tranquillità relax e il canto delle cicale sullo sfondo.

Non ci resta che montare la tenda e fare un giretto per la zona, siamo stanchi e usiamo la macchina. Parcheggiamo a Giens - paese, ci sono 2 negozietti, un bar e un piccolo ristorante tutto concentrato davanti alla chiesa. Compriamo una delle tantissime baguette che mangeremo in questa vacanza e rientriamo per una cenetta veloce.

2° giorno: lunedì 26 agosto

In campeggio, bisogna proprio dirlo, i ritmi sono davvero molto lenti: 2 ore per prepararci (mettere il costume) e far colazione, ma questi 2 giorni devono essere di assoluto relax

  • 46153 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social