BudaPest 10 giorni meno di 500 euro

Come fare una vacanza di lusso con meno di 500 euro. Le capitali europee le ho viste quasi tutte e Budapest è senza dubbio la migliore come qualità/prezzo. Una lunga e incredibile storia da Impero a feudo nazista al socialimo ...

Diario letto 8018 volte

  • di mirco.b
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Pomeriggio giro piazza degli eroi, castello e parco antistanti. Sera quartiere ebraico.

Quarto giorno visita alla grande sinagoga e al museo dell'Olocausto. La sinagoga è la più grande d'europa considerato che anche la comunità ebraica ungherese è la maggiore d'europa. Anche gli zingari sono in numero consistente. Nel pomeriggio abbiamo visitato la parte malfamata del famoso ottavo distretto, un girone infernale. Mentre tutta la città è sicura si dice che la parte dell'ottavo distretto che va da Blaha Luza al cimitero monumentale sia una specie di bronx. Ci siamo andati, prima del tramonto ovviamente, effettivamente pare ci sia stata la guerra, palazzi antichi bellissimi che dire fatiscenti è dire poco, una quantità di barboni ed alcolisti che rappresentano la grande maggioranza delle persone che abbiamo incontrato. Bar che inquietano. Ma non ci è successo niente. Neanche ci hanno chiesto soldi. Arrivati al cimitero monumentale lo abbiamo visitato. E' un luogo interessante, vi sono le tombe barocche degli aristocratici, dei poeti, degli intellettuali di inizio secolo, e i mausolei comunisti, tutti ugualmente brutti come i palazzi e le statue del parco della memoria.

Quinto giorno piazza Vorosmarty, dove durante il Natale e la Pasqua si tiene il caratteristico mercato e poi direzione mercato coperto, passando per la famosa Vaci utca. Il mercato coperto è un bel posto dove passare una mezza giornata. Sotto nel sottosuolo ci sono i venditori di pesce vivo, ci sono vasche con carpe, tinche e siluri. Al piano terreno ci sono i banchi alimentari, frutta, verdura, salami, paprica e così via, sopra ci sono i souvenir e poi c'è il motivo principale per cui siamo qui. Il Langos. Una pasta di pane fritta e ricoperta di una abbondante spolverata d'aglio su cui si adagia formaggio e altre cose a scelta. Si dice che occorrano due giorni per digerirlo. E' vero. Se avevo mangiato un pezzo di asfalto mi sarei sentito più leggero. Buono, tipico, ma un mattone. Serata al bellissimo Szimplakert, uno dei locali più belli e caratteristici, tipo un pub-centro sociale, comunque la descrizione non rende l'idea, qui all'ovest non ci sono posti così, qui siamo troppo fighettini conformisti per concepire un posto veramente figo come quello. Ho bevuto tre palinke e un vin brulé come nulla fosse, il Langos del pomeriggio avrebbe assorbito qualsiasi cosa avessi tracannato come una spugna. Giusto perché tanto ormai la digestione era compromessa ho preso anche una fetta di pane con spalmato un bel cucchiaio di sugna e paprica. La sugna sarebbe il grasso del maiale, noi si usa per ammorbidire le scarpe, loro lo spalmano sul pane. Penso che con un regime alimentare del genere non sarei arrivato alla primavera.

Sesto giorno finalmente il classico ponte delle catene, la cremagliera, il quartiere del castello, il bastione dei pescatori, la chiesa di mattia, molto belli e molto bello pure il panorama. Pomeriggio talpa, ossia prima labirinto poi ospedale nella roccia. Consigliati entrambi, fa molto catacombe e guerra fredda.

Settimo giorno, museo del castello di Buda, musei di piazza degli Eroi. Ci sono tutti i più grandi nomi della pittura dal rinascimento al primo novecento.

Ottavo giorno lungodanubio e Parlamento. La mattina bisogna mettersi in coda e verso le undici arriva una guida italiana che accompagna dentro il parlamento gratuitamente. Il palazzo del parlamento è notevole fuori e dentro.

Nono giorno terme rudas. Vasca ottagonale, sono le terme costruite dai turchi, forse l'ottagono è lo stile turco? Comunque molto molto belle, vasca centrale ottagonale, più 4 vasche laterali ognuna con temperature diverse, da 25 a 42 gradi. Sauna di vapore e sauna secca a 70 gradi. Si cuoce ma davvero, sconsigliata a chi ha problemi di pressione. Pomeriggio a passeggio, cotti dalle terme, sera cena ad una tavola calda turca, ormai eravamo in tema. Ottima cucina anche se mi da sempre l'idea di sudicio, ma sono pregiudizi

  • 8018 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social