Belgrado-Bucarest-Transilvania-Budapest

Un viaggio in macchina alla scoperta di Belgrado e della Romania, con un budget ridottissimo e pochissime aspettative, che ci ha permesso di vedere posti meravigliosi e incontrare persone stupende.

Diario letto 10205 volte

  • di verotep
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

29 LUGLIO

Si parte da Milano alle 6 del mattino, arrivo previsto a Belgrado prima di cena. La strada è lunga ma in quattro ci si riesce a dare abbastanza cambi alla guida. Superiamo l’Italia, la Slovenia (per evitare di pagare la vinieta in andata evitiamo l’autostrada slovena e passiamo da Fiume), la Croazia e infine arriviamo in Serbia. Le strade sono tenute benissimo e scorrevoli, i panorami mozzafiato: viaggiare in macchina ci permette di gustare a pieno tutti i posti in cui anche solo passiamo velocemente. L’arrivo a Belgrado ad ora di cena ci lascia un po’ perplessi: la periferia della città è tenuta maluccio, i palazzoni degradati non sono proprio il massimo dell’accoglienza e in più fa un caldo assurdo; arriviamo in ostello, doccia veloce e decidiamo di andare ad esplorare il centro città. Cena ad un centro commerciale enorme vicino al fiume e poi passiamo la serata (è lunedì e non ci sono tantissimi posti aperti) nei locali sul fiume, felicissimi perché la vita costa davvero poco e spendiamo meno di 6€ per tre birre gigantesche.

30 LUGLIO

Oggi giornata intera a Belgrado, decidiamo di noleggiare la bicicletta perché ci sono piste ciclabili ovunque per la città e soprattutto lungo il fiume; arriviamo fino alla città vecchia sulla collina da cui c’è una vista spettacolare del fiume e della città. Pranzo abbondantissimo al solito modico prezzo, e poi si ricomincia il giro per le vie del centro città. Ci piace molto, inoltre tutte le persone a cui chiediamo informazioni sono gentilissime! La sera ceniamo alla catena Caldo, che fa dei panini con carne tipica imbottiti di tutto e di più a meno di 2€, e poi passiamo la serata tra i locali di una viuzza pedonale ciottolata che stanno aperti fino a tardissimo.

31 LUGLIO

Con dispiacere ce ne andiamo da questa città che ci ha lasciato un’ottima impressione: consigliata per chi vuole divertirsi e vivere un posto carino a una bassissima cifra! Ci rimettiamo in macchina, destinazione: Bucarest. La strada in Serbia fino alla dogana con la Romania è meravigliosa, si passa attraverso paesini caratteristici e poi si costeggia per un bel pezzo il Danubio, che divide Serbia e Romania. Arriviamo alla dogana sul ponte, ed emozionati entriamo finalmente in Romania. I controlli passaporti sono veloci e poco approfonditi. Il paesaggio in Romania cambia radicalmente, la parte sud di questo stato è quella più povera e lo si nota subito. Alla fine dopo più di 10 ore di guida arriviamo a Bucarest accolti da un forte acquazzone; cena veloce e ci prepariamo per l’indomani.

1 AGOSTO

Sveglia a Bucarest, usciamo presto e facciamo l’abbonamento giornaliero per i mezzi di superficie che ci permette di girare comodamente tutta la città. Anche qui la prima impressione di Bucarest non è stata delle migliori: palazzoni giganteschi e tenuti non molto bene anche in centro città e incontri con persone poco disponibili ci lasciano un po’ di amaro, che nel corso della giornata però è presto smentito: troviamo tantissime persone disponibili che ci aiutano in ogni modo che possono, e Bucarest riserva degli scorci davvero piacevoli per chi ha un po’ di pazienza per trovarli! Arriviamo al Palazzo del Parlamento che ci lascia sbigottiti per la sua immensità; poi giriamo per la vecchia città piena di posti carini per mangiare ma purtroppo troppo turistici e poco tipici (mangiare del cibo romeno in Romania è un’impresa veramente difficile!) e infine, andando alla ricerca dell’Hard Rock Cafè, percorriamo tutta la città tagliandola verticalmente e arriviamo in un parco molto quieto e carino. La sera Bucarest è una città piena di vita e divertimenti; è anche sicura, siamo a piedi in giro alle 4 del mattino e non abbiamo nessun timore. I taxi inoltre costano poco, con neanche 2€ dal centro città torniamo in ostello

  • 10205 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social