Bretagna e Castelli della Loira

Una splendida vacanza in luoghi dove la natura è ancora la padrona indiscussa e un tuffo in uno scenario da favola.

Diario letto 17457 volte

  • di mau14
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 8
    Spesa: Fino a 500 euro
 

A volte le cose migliori nascono per caso. E per caso è nato questo viaggio in Bretagna. Tutto inizia con una telefonata del mio omonimo Maurizio che mi racconta che, insieme a due amici del lago sta organizzando un viaggio in Bretagna, e la conclusione fu: “Perché non venite anche voi, sai anche Roberto sarebbe interessato, se siamo in otto, possiamo andare o con due auto o meglio noleggiando un Van, pensaci”. Valutate alcune priorità familiari e sentito l’amico Roberto, la decisione è presa. Andiamo!

Mauri, compagno di altri indimenticabili viaggi, organizza come sempre con la massima precisione. Prenotiamo il Van Mercedes Vito, nove comodi posti, su Booking blocchiamo i vari alberghi o “chambre d’hotel” che ci ospiteranno, apportiamo alcune varianti al percorso iniziale e siamo pronti per partire. Siamo quattro coppie; Maurizio e Tiziana, Maurizio e Isa, Roberto e Maurizia e Delfino con Donatella.

Partiamo all'alba di domenica 26 agosto e la nostra prima tappa bretone è in realtà in Normandia: il paese di Pontorson a pochi chilometri da Mont Saint Michel. Attraversiamo il passo del Fréjus, acquistando il biglietto A/R valevole otto giorni che ci consente un notevole risparmio, e circa ogni trecento chilometri Mauri, Roberto ed io ci alterniamo alla guida. Sostiamo nella zona dei Vulcani per uno spuntino, ammiriamo un paesaggio molto rilassante, collinare, con ampi spazi coltivati, enormi campi di girasole purtroppo secchi, mandrie di placide mucche e deliziosi paesini con i tetti di ardesia spioventi. Dopo un viaggio di ca. 1200 km arriviamo a Pontorsol intorno alle venti. Siamo divisi in due alberghi diversi. Noi, Roberto e consorte all’”Am de Gourmand”, mentre le altre due coppie al “Mont B&B”. Ad attenderci all’Am de Gourmand il simpatico Didier, chef e albergatore della piccola ma accogliente struttura. Avevamo prenotato la cena, che si presenta di piena soddisfazione, dall'aperitivo al dolce tutto perfetto e per la modica cifra di 25 euro a persona! Dopo cena un salto a Mont Saint Michel è d’obbligo. Lasciato il Van al parcheggio, una navetta ci porta proprio sotto il complesso abbaziale. Maurizio ed io l’avevamo già visitato nel nostro viaggio in Normandia una decina di anni fa, ma rivederlo è sempre una grande emozione. C’è bassa marea e soprattutto, vista l’ora, c’è anche poca gente, quindi possiamo camminare nelle vie buie del complesso in tutta tranquillità. Ritorniamo stanchi ma soddisfatti nel nostro albergo, dove ci attende una bella dormita per riprenderci dalle fatiche del viaggio. In fondo non siamo più ragazzini, ma reggiamo bene!

LUNEDI 27 AGOSTO

Al mattino Didier ci sorprende nuovamente con una ricca colazione che consumiamo su un unico tavolo dove conosciamo due simpatici ragazzi italiani che stanno ultimando il loro viaggio in Bretagna. Il programma odierno prevede la visita di Mont Saint Michel e il successivo trasferimento a Saint Malò. Ritorniamo al parcheggio della sera prima, parcheggiamo e ci mettiamo in fila per salire sulla navetta che ci porterà ai piedi del monte. In alternativa si può raggiungere la struttura o a piedi o con caratteristiche carrozze trainate da cavalli. Rivedere Mont Saint Michel è assolutamente affascinate. Sarà per la struttura unica, la spoglia bellezza del complesso monastico o per lo spettacolo delle maree ma ritornare in quei luoghi a distanza di qualche anno è una forte emozione. Entrando dalla porta principale si accede a un piccolo borgo medioevale, commercialmente molto sfruttato con locali, ristoranti, hotel e negozi di souvenir. Ma che comunque mantiene il suo fascino. Salendo dalla Grand Rue si raggiunge il complesso monastico, un monumento unico nel suo genere, la cui pianta non è paragonabile ad altri monasteri. Entriamo, decidendo di un usufruire della visita guidata ma di seguire il piccolo dépliant consegnato all'ingresso. Visitiamo in tutta tranquillità le varie stanze, ammiriamo lo splendido chiostro e mentre siamo nella sala dei Cavalieri, a Mauri squilla il telefono. E’ Didier che ci informa che nel rassettare le camere ha trovato i pantaloni di un pigiama dimenticati da Maurizia. Nessun problema. Al ritorno passeremo a recuperarli. Terminata l’interessante visita a quello che dal 1979 è dichiarato patrimonio mondiale dall’UNESCO, ci concediamo un po’ di shopping e ritorniamo, sempre con la comoda navetta, al parcheggio. Il tempo è stato clemente. Nuvoloso, coperto ma senza pioggia. Questo ci ha consentito di visitare e ammirare un complesso unico nel suo genere. Ritorniamo a Pontorson, recuperiamo il pigiama, ringraziamo Didier e ci concediamo delle splendide crépes alla “Creperie du Coueson”, accompagnata da una bottiglia di sidro, la tipica bevanda bretone. E’ tempo di dirigersi verso Saint Malò. Il paesaggio è molto rilassante, ampie campagne con le solite mandrie di mucca pigramente accovacciate nei pascoli e deliziosi paesini con le case con i tetti spioventi. Parcheggiamo sotto le mura nei pressi del porto. Entriamo dalla porta Saint Vincent e saliamo sui larghi bastioni, dove è possibile camminare intorno alla città. La vista è incredibile. Da un lato il mare con le sue spiagge e i segni lasciate dalle maree. Dall'altra parte eleganti palazzi testimoniano un passato, quando la città era il centro d’importanti scambi commerciali e marittimi. Nella spiaggia molte persone approfittano della bassa marea per abbronzarsi, bambini che giocano e qualche temerario che si addentra nel mare per un bagno. Raggiungiamo la piscina di acqua salata situata direttamente sulla spiaggia che si riempie con l’alta marea. Molto spettacolare. Scendiamo dalle mura e ci addentriamo nella città. Pulita, ordinata con tanti negozi di ogni genere. Una città viva, forse anche un po’ caotica ma che, a mio avviso, ha saputo mantenere la sua identità originale. Si respira "Bretagna"... Visitiamo la cattedrale di Saint Vincent, passeggiamo nelle eleganti vie della cittadina e ripreso il Van, raggiungiamo la cittadina di Plurien, dove alloggiamo all’hotel "Le Bon Cap". Ceniamo al “Bistrot des Caps”a Frehel. Lungo il tragitto ammiriamo la marea che cresce e un bellissimo tramonto. Cena discreta con buoni piatti principali ma dolci non all’altezza

  • 17457 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social