Un salto a Bratislava

Una piccola Capitale da considerare

Diario letto 527 volte

  • di artemisia59
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Quest'anno pare proprio che da noi il freddo non voglia arrivare, quindi lo andiamo a cercare, atmosfera pre-natalizia compresa, in una capitale che manca alla nostra lista: la piccola Bratislava.

Volo Ryanair da Ciampino acquistato a poche decine di euro, rigorosamente solo bagaglio a mano, per questi pochissimi giorni.

Per evitare le discussioni con i tassisti, come troppo spesso accade nell'Europa dell'Est, prendiamo comodamente il bus 61 per la stazione centrale (Hlavnà Stanica) La fermata è all'estrema destra dall'uscita dell'aeroporto, e il biglietto si fa alla macchinetta, scegliendo la durata della corsa, Facciamo il biglietto da 60 minuti, al costo di 90 centesimi a testa.Da qui poi vi sono gli altri bus per la vostra destinazione finale in città , oppure potete proseguire a piedi per il centro, semplicemente superando il grande sottopassaggio che si trova sulla strada principale, e continuando diritti per non più di un paio di km. Anche noi potremmo arrivare a piedi al nostro hotel, ma essendo ormai notte, preferiamo prendere il bus 84, che ci lascia praticamente ad un passo.

Gli hotel di Bratislava non sono così economici come si potrebbe credere: ad esempio li abbiamo trovati in proporzione più cari che a Praga. Scegliamo il Petite Dependance, un b&b con ottime recensioni, e ci troviamo bene. Camere piccole ma molto confortevoli, pulitissime e silenziose. Colazione buona, servita nel bar adiacente. Nota importante, una birreria proprio nello stesso stabile (a fianco al bar della colazione), dove poter sedersi e gustare le birre locali a tutte le ore, ad un costo direi ridicolo. La birra costa meno dell'acqua.

27 novembre

Prima tappa del nostro giro in città non può essere che il Castello. Ciò che più colpisce è la sua posizione, da cui si ha una vista spettacolare sul Danubio. Il castello risale al X secolo, ma purtroppo dopo il devastante incendio del 1811 andò in rovina e venne completamente ricostruito solo nel 1953. Oggi è sede del Parlamento. Lo chiamano anche “il tavolo rovesciato”, e direi che la sua forma non proprio elegantissima e molto lineare, lo richiama.

La giornata è piovigginosa, e facciamo appena in tempo a godere della vista dal Castello, prima che inizi a formarsi una fastidiosa nebbia. Scendiamo dalla collina e ci inoltriamo per le strade del centro. Inutile fare l'elenco di chiese e palazzi barocchi: Bratislava è una piccola capitale, da visitare a piedi perdendosi lungo le sue eleganti vie, in questo momento già addobbate per le feste natalizie. L'atmosfera è retro e vagamente pretenziosa, con una chiara concorrenza alla pomposa Vienna, ma molto piacevole. Le famose sculture in bronzo , che ogni tanto fanno capolino (una su tutte l'uomo al lavoro nel tombino), danno una nota più leggera e divertente.

Appena fuori dal centro, ad est della Città Vecchia, presente in ogni foto di Bratislava è la Chiesa di Santa Elisabetta, meglio nota come Chiesa Blu, bell'esempio di Art Nouveau.

Essendo già allestiti i mercatini natalizi e soprattutto i banchi con il cibo tipico, è qui che consumeremo i nostri pranzi e le nostre cene. Molto divertente assaggiare un po' di tutto: dalla carne in mille modi e salse, alle palacinke dolci e salate, ai miei amati trdelnik, all'immancabile vino caldo.

Nel pomeriggio prendiamo l'autobus 29 dalla fermata sotto il Ponte Nuovo (Novy Most) di fronte alla torre UFO e in una mezz'ora arriviamo al Castello di Devin. In estate ci sono anche barche che partono da Bratislava e vi ci portano, oppure si può scegliere di arrivarci a piedi o in bicicletta lungo la pista ciclabile in circa due ore

  • 527 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social