Dalle città coloniali al Nordest passando da Noronha

Rio, Minas Gerais, Olinda e Noronha con tre bambini al seguito

Diario letto 15872 volte

  • di family
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro

Siamo già stati in Brasile nel 2009 con i nostri 3 figli e ci è rimasta nel cuore la allegria di questo popolo e la bellezza della natura, cosi abbiamo deciso di tornare a Rio, che avevamo già visitato, e di visitare delle mete che non avevamo potuto raggiungere la scorsa volta, ma di cui ci avevano parlato benissimo i brasiliani conosciuti durante il primo viaggio.

28 luglio

Volo Roma-Rio de Janeiro. Comodissimo il volo alle 22.30. In volo pochi italiani e tanti brasiliani.

29 luglio

Arrivo in anticipo a Rio verso le 5 del mattino; prendiamo un taxi con coopertramo (costo 105 real) e alle 5.50 siamo già all'hotel E' ancora buio e le stanze non sono pronte ma noi ci cambiamo nel bagno dell' hotel e all'alba siamo già ad Ipanema in spiaggia. Ci rechiamo all'Arpoador, punto di ritrovo dei surfisti: c'è una gara e vediamo spuntare surfisti da tutte le parti, ancorché siano ancora le sette del mattino. I bambini sono esaltati! E anche loro iniziano a cavalcare le onde a modo loro. E’ domenica e il lungomare di Ipanema è chiuso al traffico e pieno di runner, pattinatori, skateboarder, biker e famiglie con passeggini. Un must è bere l’acqua di cocco alle cabanas e così proviamo anche noi. Pranzo con crepe di tapioca e churros al cioccolato; giro per un mercato hippy della domenica, riposino pomeridiano e tramonto al pan di zucchero e cena al Porcao Rio’s, ottima e panoramica churrascheria.

30 luglio

Manuela fa una corsa all'alba a Ipanema: il lungomare è pieno di runner di tutte le età e sulla spiaggia il comune di Rio organizza persino lezioni di ginnastica per la terza età. Qui lo sport fa parte della cultura nazionale: bellissimo! Poi colazione e relax a Ipanema. In spiaggia facciamo merenda con i “globo”, dei biscotti leggeri, tipicamente carioca, salati o dolci, che vengono trasportati in enormi sacchi per essere venduti in spiaggia. In effetti in spiaggia vendono di tutto: splendidi costumi, parei, bijou vari e gelati.

Ad Ipanema compriamo i biglietti per l’autobus per Tiradentes e cambiamo i soldi (tasso: 100 euro = 250 real).

Pomeriggio al giardino botanico e cena alla storica Garota de Ipanema, luogo di nascita della bossa nova.

31 luglio

All'alba si prende il taxi per la Rodoviaria efficientissima stazione da cui partono bus per tutto il Brasile. La nostra compagnia di bus è la Paraibunas e l’autobus è nuovissimo e molto confortevole; la nostra destinazione e' Tiradentes dove arriviamo alle 12,00 dopo circa 5 ore dalla partenza, attraversando delle montagne bellissime a ridosso di Rio e facendo una lunga pausa ad una stazione di servizio lungo la strada.

Prendiamo un taxi e arriviamo alla pousada Arraial Velho. Siamo tutti e 5 (2 adulti e tre bambini di 6, 10 e 12 anni) in una stanza molto carina e ci accoglie la simpaticissima Cleo. Facciamo subito un giretto per Tiradentes citta' deliziosa, tutta lastricata di pietra e piena di negozi di antiquariato e artigianato. La citta' e' semideserta e pare che viva solo il fine settimana quando si popola di ricchi brasiliani, attirati dai bei negozi di antiquariato e dalla buona cucina (la città è sede di un famoso festival gastronomico,ospita numerose trasmissioni televisive con temi gourmet ed è ricca di ristoranti). In effetti e' tutto tirato a lucido e piuttosto caro. Facciamo pranzo a Quinta de Ouro,self service, semplice ma di sostanza, dove si paga a chilo e proviamo la cucina “miniera” (ossia tipica dello stato del Minas Gerais), piuttosto pesante ma saporita, a base di fagioli, farina di manioca, polli e verdura: Gustiamo il piatto chiamato “ora pro nobis”, a base di verdura. Il pomeriggio lo trascorriamo alla nostra pousada dove viene offerto il “cha da tarde”, ossia il tè del pomeriggio e giochiamo a carte a burraco

  • 15872 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social