Tour della Borgogna

Otto giorni tra vigneti, borghi e abbazie medioevali, senza trascurare la buona cucina

Diario letto 58583 volte

  • di Gabry1962
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

BORGOGNA DAL 6.9.2013 AL 14.9.2013

6.9.2013 AOSTA-MACON-CLUNY-TOURNUS

Partiamo da Aosta verso le 09.00 e dopo circa tre ore arriviamo a Macon, cittadina posizionata sulla Saone che segna il confine della Borgogna. Da vedere la Maison de Bois in Place aux Herbes e la chiesa di Saint Pierre. Lasciamo Macon e percorriamo la strada panoramica (preferibile all’autostrada), che passando in mezzo ai primi vigneti raggiunge Cluny, meta principale di oggi. Prima di arrivare a Cluny, bella veduta del castello che domina il paese di Berzè le Chatel.

Cluny, famosa per le rovine di una gigantesca chiesa abbaziale. Parcheggiamo e saliamo al parco dell’abbazia, con belle vedute del complesso ecclesiastico. Poi vediamo il Palais di Jean de Bourbon ed il resto del paese. Si riesce ad immaginare molto bene quanto grande era questa abbazia e si percepisce come la cittadina si sia sviluppata attorno ad essa. Saliamo sulla torre des Fromages (2 euro e 120 scalini!), sede dell’ufficio turistico, ma non vale la fatica…

Prossima tappa Cormatin con visita all’omonimo castello (che ora appartiene a privati): paghiamo i biglietti (solo parco 6.00 euro) e conversiamo un po’ con il custode. Una persona molto colta e gentile che ci spiega con molta disponibilità il sito che vogliamo visitare. Quindi vediamo un’ala del castello e il parco, fiorito con bei giardini e un labirinto, un grande orto/giardino con verdure e fiori.

La nostra ultima meta è Tournus, dove pernotteremo. Percorriamo la D14 e lungo la strada facciamo una breve sosta nel piccolo villaggio di Chapaize, con una bella chiesa romanica. Ci fermiamo anche in un altro villaggio (medievale) Brancion, che merita sicuramente la visita! Bisogna lasciare l’auto nel parcheggio prima dell’ingresso del paese e con una camminata di circa 7/8 minuti si raggiunge il grazioso villaggio. Arrivate fino alla chiesetta in fondo al paese da dove si gode un bellissimo panorama della campagna circostante. Purtroppo la bellissima giornata di sole con 30°, ha lasciato spazio a un minaccioso cielo scuro, che non fa risaltare le foto da noi scattate. Il temporale incombe e quindi scappiamo verso il nostro hotel a Tournus (Hotel Colibrì, 71.00 €). Dopo il temporale usciamo per la cena. Volevamo andare al ristorante “Le Bourgogne”, ma purtroppo era pieno e ripieghiamo su “La Fenelon”, dove comunque abbiamo mangiato bene. Questo ci servirà di lezione, e così per le sere successive prenoteremo in anticipo nei ristoranti che avevamo previsto di mangiare. In ogni caso consigliamo sia il ristorante che l’hotel.

7.9.2013 TOURNUS- CHALON SUR SAONE- COUCHES -SULLY-NOLAY-LA ROCHEPOT- BEAUNE

Ci svegliamo presto e ritorniamo in centro a Tournus, prima per fare colazione e poi per visitare l’abbazia Saint-Philibert. L’itinerario di oggi prevede come prima tappa Chalon sur Saone. Il tempo non è per niente bello e quando arriviamo piove a dirotto. Posteggiamo in un parcheggio sotterraneo della zona centrale e sbuchiamo nell’enorme piazza dell’Hotel de la Viile. Percorriamo tutta la via pedonale centrale ed arriviamo alla cattedrale di S. Vincent che si trova sull’omonima piazzetta circondata da casette a graticcio. Proprio bella! Da vedere assolutamente! Lasciamo questa bella cittadina e passiamo da Couches, dove ci fermiamo per fotografare il bel castello medievale. A seguire raggiungiamo Sully, con un altro castello circondato dall’acqua e con un grazioso parco. Visto che ha smesso di piovere decidiamo di visitarlo (4 euro)

  • 58583 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social