Perché Bordeaux non è solo un colore

Una settimana slow sulle rive della Garonna

  • di letisutpc
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Bordeaux, perché? Esasperati dall’afa che incombe sull’Italia, vorremmo passare una settimana di relax in una città tranquilla e fresca. Un’amica residente in Francia ci ha parlato molto bene di questa città quindi… non ci rimane che partire!

ORGANIZZAZIONE

Come sempre ci siamo affidati ad un pacchetto volo +hotel di Expedia: con 780 € complessivi siamo volati da Bologna a Bordeaux Merignac ed abbiamo alloggiato per 7 notti all’hotel Ibis Styles Meriadeck (1^ colazione inclusa).

GUIDE DI VIAGGIO

Abbiamo utilizzato “Weekend a Bordeaux” di Giunti editore, integrandola con tante informazioni prese dal web e dai sempre utili Diari di viaggio di Turisti per caso. Tutto pronto? Allora allons enfants!

Giorno 1

Dopo un volo di poco più di un’ora arriviamo al terminal Billi dell’aeroporto di Merignac e subito ci dirigiamo a sinistra dove l’autobus n. 1 è pronto per partire. Cerchiamo di acquistare i biglietti dall’autista che ci dice “Dopo”, in effetti l’autobus è stipatissimo e il poveretto non riesce proprio a farli i biglietti, comunque questo dopo non è mai arrivato…

Dopo circa 40 minuti scendiamo al volo alla nostra fermata e ci accorgiamo con grande disappunto che anche qua è caldissimo: riusciremo a sfuggire alla terribile afa dell’estate 2017? Arrivati all’hotel veniamo subito accolti da uno spuntino di benvenuto, caffè/the e mini croissant, ottimo, adesso sì che ci sentiamo in Francia!

Dalla finestra della nostra stanza al 5° piano vediamo i campanili gotici delle chiese del centro, però fuori fa troppo caldo, rilassiamoci un po’ prima di partire alla scoperta di questa nuova città.

Dopo un’oretta, indossati i nostri vestiti più leggeri partiamo, il centro dista circa 800 metri dal nostro hotel. Il primo edificio degno di nota che incontriamo è il Tribunal de Grande Instance che ci sorprende non poco in quanto sembra tutto fuorchè il tempio della legge: costruito nel 1998, ha la forma di grossi bottiglioni di vino racchiusi in una teca trasparente. L’intento simbolico del costruttore era infatti quello di rappresentare la trasparenza della giustizia, beh, almeno dal punto di vista formale c’è riuscito! Come scopriremo nei prossimi giorni, il tribunale di Bordeaux ha anche una facciata molto meno originale in stile neoclassico che si affaccia su Place de la Republique e che ospita la Corte d’Appello. Completa la cittadella giudiziaria l’Ecole Nationale de la Magistrature. Ancora qualche passo e siamo davanti alla chiesa di Saint Andrè, bellissimo esempio di gotico fiammeggiante. A qualche metro di distanza il suo campanile, la Tour Pey-Berland. La distanza fra i due edifici è spiegata col fatto che la chiesa, costruita sopra un terreno paludoso, diede cenni di cedimento, quindi per precauzione si decise di erigere la torre a debita distanza. La chiesa è bella e fresca, non possiamo visitarla liberamente perché sta per iniziare la funzione religiosa, semmai ritorneremo. La scalata alla torre (231 gradini) ci sembra improponibile con questo caldo, diamo quindi un’occhiata al cortile del Palais Rohan, l’Hotel de Ville: peccato che, come ci dice una guardia, non si possa oltrepassare una balaustra di ferro posta poco oltre l’ingresso. Anche se in giro c’è movimento, sia di residenti che di turisti, la nostra prima impressione di Bordeaux è di una città in cui è piacevole vivere e passeggiare soprattutto perché, grazie ad un fantastico sistema di trasporto su tram, il centro è quasi totalmente precluso alle automobili, un vero sogno

  • 18704 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social