Bordeaux, la petit Paris

Fine settimana lungo a Bordeaux con escursione alla Dune du Pilat

Diario letto 31756 volte

  • di steber
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro

Venerdì 18 luglio 2014 - Bologna – Bordeaux

Dopo 45 minuti di autostrada, l’auto trova un comodo ricovero al P3 dell’aeroporto Marconi di Bologna al costo di 29 euro per 4 giorni, prenotando tramite internet sul sito ufficiale dell’aeroporto si ha diritto ad uno sconto. Il volo Ryanair delle 15.25 (60 a/r cadauno) parte in ritardo, ma durante la traversata recupera ed attera a Bordeaux in orario alle 17.20. I voli low cost partono e arrivano al terminal Billi, all’uscita teniamo la sinistra ed a 100 metri è presente la fermata del bus n. 1 (corsa ad 1.40 euro, ogni 20 minuti – biglietteria automatica) che in meno di un'ora arriva alla nostra destinazione a Piazza Gambetta, vicino al nostro hotel. Il bus è il mezzo più economico per raggiungere il centro, con lo stesso biglietto è possibile cambiare e utilizzare il tram per proseguire la corsa. L’Ibis Hotel Meriadeck (40 euro a notte la doppia) è vicino al Palazzo di Giustizia (un moderno edificio avveniristico), in pieno centro a pochi metri dall’imponente Cattedrale, le camere sono spartane ma pulite ottimo il rapporto qualità-prezzo, a parte la colazione a 5.90 euro, che per il cibo offerto non vale la spesa.

Sistemati gli zaini in camera partiamo per una prima visita dell’immenso centro storico girovagando per le maestose strade della città. La prima impressione è decisamente positiva, di una “petit Paris”, passiamo davanti alla splendida Cattedrale, allo scenico Hotel de Ville e passeggiando per la Via principale Rue Ste Catherine prendiamo possesso di un tavolo all’aperto alla pizzeria turca AZ in Place Saint Pierre, davanti all’omonima chiesa. Pizza buona e birra con antipasto di patatine, quest’ultime da evitare, 13 euro cadauno. I prezzi dei ristoranti sono in linea con i nostri, e scegliendo i menu si riesce a risparmiare. Percorriamo il bellissimo lungo Garonna e arriviamo alla meravigliosa Piazza della Borsa, che da sola vale un soggiorno a Bordeaux. Torneremo spesso in questa impressionate piazza, aspettandoci da un momento all’altro di vedere comparire re Luigi con corte al seguito. Respiriamo l’atmosfera regale della Piazza, già Place Royal, ideata da Jacques Gabriel nel settecento ornata al centro una finissima fontana delle Tre Grazie in bronzo. Attira la nostra attenzione, e di tutti i turisti, un vasto specchio d’acqua davanti alla Garonna che ad intervalli regolari “nebulizza” per la gioia dei più piccini, ma anche degli adulti.

Davanti alla spianata di Quincoces, la piazza più vasta d’Europa, è stata allestita una pista da ballo, assistiamo a qualche esibizione, visto l’orario e la stanchezza che inizia a farsi sentire percorrendo Course de Intendace passiamo davanti all’incantevole teatro illuminato e arriviamo in hotel.

Sabato 19 luglio 2014 – Bordeaux – Arcachon – Dune du Pilat 70 km

Prima di partire è utile scaricare dal sito www.ladunedupilat.com gli orari dei treni e dei bus per arrivare alla duna. Per arrivare in stazione utilizziamo due tram A e C (1.40 euro), compriamo il biglietto per il treno (22.40 a/r cadauno – una corsa ogni ora) ed in 50 minuti arriviamo alla graziosa stazione di Arcachon, dove un autobus è già in attesa dei turisti. In 45 minuti e 1 euro di biglietto veniamo portati al parcheggio a 200 metri dalla duna. I treni per Arcachon partono dal binario A, guardando i binari tutto a destra per circa 100 metri. La fermata del bus n. 1 ad Arcachon per la duna si trova a 50 metri a sinistra appena usciti dalla stazione ferroviaria. Arriviamo in loco alle 10 del mattino, ottima soluzione, i turisti sono pochi ed è possibile apprezzare quest’incanto in tutta tranquillità. Ero scettico sulla duna, ed invece ne sono rimasto stregato, il panorama strabiglia! Una enorme pineta con una montagna di sabbia finissima quasi corallina alta più di 110 metri, larga 500 e lunga 3 km lambita dal mare, un’emozione unica affondare i piedi fino alle caviglie e salire in vetta alla duna lungo il crinale e ammirare l’orizzonte nei quattro punti cardinali “non ha prezzo”. La scenografia è surreale sembra di camminare in pieno deserto del Sahara o addirittura su un altro pianeta, non mi stupirei di vedere comparire dietro una duna un cammello con a bordo un beduino o un omino verde con una tuta spaziale.

Nonostante sia estenuante affondare ad ogni passo nella sabbia, godiamo di questo luogo incantevole per un paio d’ore, dopo un frugale pasto davanti alla stazione di Arcachon (baguette farcita e coca 6 euro) alle 15.03 si riparte in direzione Bordeaux. Non dimenticatevi di obliterare i biglietti del treno come in Italia

  • 31756 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. sozi
    , 10/9/2016 00:12
    Ciao! Bellissima guida.
    vi volevo segnalare allora anche il sito web www.visitingbordeaux.com
    ottima guida per visitare la citta

    ciaoooo
  2. steber
    , 24/9/2014 13:10
    Grazie del commento, è sempre un onore essere letto, sicuramente il viaggio sarà stato meraviglioso, attendo notizie.
  3. TripTote
    , 6/8/2014 22:17
    Tra una settimana partirò con destinazione Bordeaux e Dune du Pilat... navigando alla ricerca di informazioni ed impressioni sono giunto quassù e mi ha fatto molto sorridere che il viaggio che ho in mente è praticamente quello che hai descritto qua sopra :D sono abbastanza impressionato!
    scherzi a parte grazie mille per il dettagliato racconto pieno di spunti e suggerimenti che verranno colti! e se ce ne saranno altri... beh sono qua che li aspetto! ;)
    Matt

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social