Partenza il 4/10/2018 · Ritorno il 7/10/2018
Viaggiatori: 1 · Spesa: Fino a 500 euro

Berlin Calling!

di glo.travel - pubblicato il

Sono partita dall'aeroporto Marconi di Bologna giovedì 04 ottobre alle ore 13.15 con Ryanair e dopo due ore circa di volo, sono atterrata all'aeroporto di Berlino Schonefeld, dove all'ufficio della Berlin Welcome Card (la carta dei trasporti berlinesi con validità diversa in base alla durata del soggiorno, io l'ho fatta di 72 ore al costo di 28.90€ per la zona AB - quindi esclusa la zona dell'aeroporto, che è già zona C-. Presentandola nei locali e attrazioni convenzionate, si ha diritto a sconti sui prezzi, quindi è utile farla). Per raggiungere l'hotel, acquisto un biglietto del treno RE7 fino ad Alexanderplatz e di seguito, prendo la metro U2, fino alla fermata Bulowstrabe, dove, a due minuti a piedi, raggiungo l'albergo. Dall'aeroporto ci ho messo all'incirca un' oretta e pagato 3.40€ per il treno. Effettuo le operazioni di check-in al Postdamer Inn, dove la signora alla reception non parla neanche inglese... ed esco subito per un breve passeggiata con cena a seguito. Verso le 18/ 18.30 il sole tramonta sul cielo berlinese e come primo assaggio di Berlino decido di prendere la metro e di raggiungere la Porta di Brandeburgo, uno dei simboli della capitale tedesca. Classiche foto di rito, nonostante sia per metà transennata a causa dei festeggiamenti del giorno prima dovuti al Giorno dell'unità tedesca. Una breve sosta sotto la porta e subito dopo mi dirigo verso il palazzo del Parlamento, il Reichstag, con la famosa cupola di recente costruzione. Inutile a dirsi che la fila per prenotare la visita alla cupola è interminabile. Nell'attesa che la fila si smaltisca per l'ora di cena (a Berlino già alle 19 molti cenano già) decido di costeggiare i giardini (Tiergarden) che si trovano di fronte alla Porta di Brandeburgo ed adiacenti al Parlamento. Camminando per circa 20 minuti arrivo alla celeberrima Colonna della Vittoria, dove scatto alcune foto. Torno indietro e, grata nel vedere solo 10 persone in attesa di prenotare per i prossimi due giorni l'entrata alla Cupola del Palazzo del Parlamento, decido di mettermi in fila e prenoto la visita per il giorno dopo alle 9.45 del mattino, sperando in una bella giornata di sole.. La visita alla cupola è gratuita.

Una volta prenotata la visita, mi sposto verso Postdamer Platz, una delle piazze simbolo di Berlino, piena di grattacieli (uno dei più famosi è il palazzo della Sony, il Sony Center), nonché di ristoranti e delle più famose catene di fast food mondiali. Ritorno nei pressi della porta di Brandeburgo e girando tra le vie che la costeggiano, mi ritrovo a cenare in una classica locanda tedesca (Alt Berliner Wirthaus) dove assaggio il currywurst, una variante del classico wurstel con aggiunta di curry... buono! Dopo cena rientro in hotel.

VENERDÌ 05 OTTOBRE: mi sveglio di buon'ora e non avendo la colazione inclusa nell'hotel, opto per andare al famoso Cafe Einstein Stammhaus, camminando per circa 10 minuti dall'hotel. Entrando sembra di tornare nelle caffetterie del primo Novecento con la musica lirica in sottofondo. Il menu è molto vario e considerando il vari km che dovrò affrontare nella giornata, scelgo yogurt greco con cereali e frutta e a seguire un caffè marocchino, il tutto a 12€. Mi dirigo con la metro verso il Reichstag, dove mi metto in fila per la visita alla cupola. Una volta raggiunta la sommità con l'ascensore, classiche foto di rito con annesso panorama a 360° su Berlino. Tornando verso la metro, passo davanti alla Porta di Brandeburgo, quindi al Memoriale per gli Ebrei assassinati d'Europa. Ho passeggiato in mezzo alle lapidi che lo compongono, attorniata dal silenzio che loro stesse emanano. Un gran impatto emotivo. Dopo questa visita, proseguo il mio tour berlinese dirigendomi con la metro verso il famoso Checkpoint Charlie, il posto di blocco che divideva l'armata sovietica da quella statunitense durante la II Guerra Mondiale. Non mi ha lasciato particolari emozioni, preso d'assalto dai turisti e dalla classica foto di rito dei turisti con i marines... Torno indietro, utilizzando sempre la linea della metro U6 e da Friedrichstrabe, a piedi, raggiungo l'isola culturale di Berlino, “L'isola dei musei”, nella zona Mitte. Entrare nel Duomo di Berlino (Berliner Dom) costa 5€ con la Berlin Welcome Card. All'interno faccio alcune foto poi mi dirigo sulla sommità, da cui ammiro il panorama. Uscendo, faccio una sosta nel parco davanti. Nell'arco di pochi metri, per chi volesse, si possono visitare i vari musei di Berlino... ma per mancanza di tempo ho optato per scegliere altre attrazioni. Dopo pranzo mi dirigo verso Alexander Platz, il cuore di Berlino, stracolmo di turisti, gente, locali, nonché luogo dove si trova il Municipio di Berlino, di colore rosso...e la famosissima Torre della Televisione, la Berliner Fernsehturms, che andrò a visitare alle ore 18.00, come da biglietto prenotato qualche giorno prima online al costo di 21.50€. Lo consiglio per chi ha il tempo ristretto come me, ma ammetto che la fila per prenotare la visita alla torre è molto scorrevole anche per chi decide all'ultimo minuto di volerci salire. Io ho optato per le ore 18.00 in modo da godermi la luce del sole al tramonto... Durante il pomeriggio mi siedo sulle panchine di Alexander Platz dove mi faccio letteralmente prendere dai vari skaters che intrattengono i vari turisti con le loro acrobazie. Essendo periodo di Octoberfest, ad Alexander Platz gironzolo tra i vari banchetti e negozietti che espongono i prodotti tipici tedeschi... Qualche minuti prima delle 18 mi sposto verso la torre della televisione e, dopo i controlli di rito, salgo fino alla sommità della torre, dove si può ammirare di un panorama a 360° di Berlino al tramonto, e per chi vuole, godersi un bell'aperitivo con vista nel bar al piano. Rientro in hotel e sfogliando la guida della Berlin Welcome Card, opto per la cena in un locale lounge ad ispirazione egiziana, il Marooush. Essendo locale convenzionato, avrò diritto ad uno sconto sul cibo presentanto la Berlin Welcome Card. Dall'hotel raggiungo il ristorante a piedi e dal menu scelgo un cous cous vegetariano, acqua e caffè...il tutto è accompagnato da musica lounge, che dalle ore 21.00 lascia il posto alla musica egiziana con intrattenimento danzesco di un ballerina di danza del ventre.

SABATO 06 OTTOBRE: dopo una veloce colazione al Brezel Berlin Café ( a 10 minuti a piedi dall'hotel), prendo la metro U2 in direzione Zoo di Berlino, lo zoo con la più vasta varietà di specie animali del mondo, famoso per la storia dell'orso Knut, per intenderci...con la Berlin Welcome Card pago l'ingresso 11,70€ (senza audioguida). Alla cassa mi consegnano la mappa e inizio il mio tour... dopo circa due ore sono fuori e prendendo la metro S-Bain 5, raggiungo il celeberrimo Muro di Berlino, dopo una camminata di 10 minuti dalla fermata della metro. Durante il tragitto a piedi, già noto le differenze dalla Zona Est alla zona Ovest di Berlino,che avevo assaporato nei due giorni antecedenti. Le case, i locali, tutto ha un' aria diversa... nonostante sia una zona che a mio avviso stanno cercando di “ravvivare” con la costruzione di diversi palazzi pieni di appartamenti...

Il muro: una galleria a cielo aperto magnifica. Occorre percorrerlo tutto, ogni opera è da ammirare e da vedere e se si riesce (a causa dei numerosi turisti a tutte le ore del giorno) fotografare. Passeggiare lungo il muro che ha spaccato un'intera città per decenni crea un forte impatto, ci si rende conto del vero senso della parola Unità, che i Berlinesi conoscono molto bene...

Dopo la visita all'East Side Gallery è già l'una e mi fermo a mangiare un hamburger con bibita al Pirates Berlin, sfruttando la giornata di sole opto per un tavolo “vista fiume”.. tutto ottimo, lo consiglio vivamente.

Torno alla stazione della metro e torno in centro, alla Porta di Brandeburgo. Da qui proseguo passeggiando per la famosa Unter den Linden, il viale dei tigli, una delle strade più famose di Berlino, dove ha sede l'Opera, i negozi delle catene più famose, oltre all'Università. Durante il tragitto ne approfitto per acquistare qualche regalino, souvenirs...

Verso sera torno in hotel, il tempo di prepararmi ed esco di nuovo per una veloce cena... alle 20.30 mi aspetta l'autobus che mi porterà a girare per Berlino, che dal 5 al 15 di ottobre di ogni anno (anche se le date possono variare sensibilmente), si colora durante il Festival delle Luci: ogni sera le attrazioni di Berlino si colorano di mille luci che vengono proiettate sulle facciate fino alle ore 24.00.

Il biglietto dell'autobus l'ho prenotato online tramite il sito ufficiale della manifestazione e ho scelto quale delle due fermate mi fosse più comoda dall'hotel e ho scelto la fermata vicina ad Alexander Platz. Il costo del biglietto è di 15€ e il tour dura circa due ore, con due fermate (ci siamo fermati 10 minuti nei pressi della Porta di Brandeburgo e 10 minuti a Postdamer Platz). Esperienza bellissima, la consiglio vivamente perchè si ha la possibilità di vedere quasi tutte le attrazioni illuminate in una sera sola ed è l'ideale per chi trascorre poco tempo a Berlino, come me. Una volta terminato il tour, mi dirigo verso il Duomo di Berlino e proseguo per il viale Unter Den Linden e scatto due foto al Teatro dell'Opera (l'autobus per problemi di spazi non era riuscito a farci vedere queste due attrazioni). Torno indietro nei pressi di Alexander Platz, dove aspetto la mezzanotte ammirando i giochi di luce sotto la torre della televisione... al termine, rientro in hotel con la metro (quasi tutte le linee chiudono all'una...e bene o male c'è sempre gente).

Questa è stata la mia ultima serata in quel di Berlino, la mattina seguente rientrerò a Bologna...che dire, è una città dal vissuto storico importante, che tuttora ne risente... merita di essere visitata per l'impronta che la sua storia ha avuto e per i suoi aspetti moderni che la rendono una delle città più importanti a livello europeo.

di glo.travel - pubblicato il
Parole chiave: , , ,