Berlino, città immensa che sa di casa

Una metropoli dai mille colori, che sembra accogliere ogni volto, ogni nazionalità, ogni aspirazione. Un diario di viaggio con informazioni utili, consigli in pillole, avvertenze per tutti i turisti

Diario letto 42737 volte

  • di ninfea87
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Cari viaggiatori e sognatori, con questo racconto speriamo (io e il mio ragazzo) di farvi ritrovare con la mente dentro l’incantevole e mutevole capitale tedesca. Non vogliamo solo descrivere ogni posto visitato e dare consigli sulle cose migliori da fare e da vedere, ma alla fine del diario ci saranno note più tecniche, suggerimenti pratici su come muoversi, sui problemi che abbiamo incontrato giornalmente, sui luoghi dove recarsi per necessità varie.

Cosa dire di Berlino? Descriverla, raccontarla non è così facile; è una città dai così tanti volti, dai così tanti colori e che suscita emozioni forse un po’ differenti da quelle che ci regalano altre incantevoli città, proprio perché è “diversa”, multiforme e sembra accogliere tutti in un abbraccio, senza razzismi, senza pregiudizi.

È la metropoli europea per eccellenza, una commistione tra antico e moderno che ti fa sentire confuso, perché ci si può ritrovare dalla super-futuristica Potsdamer Platz all’artistica-storica Gendarmenmarkt, a distanza si può vedere la modernissima Torre della Tv (Fehrnsehturm) ma anche i due campanili dell’antica Nikolaikirche.

E non solo, Berlino ci ha sorpresi per le sue grandissime distese verdi, a partire dall’atterraggio con l’aereo durante il quale vedevamo solo quelle, mentre ci aspettavamo di vedere un ammasso distinto di edifici. Il verde è ovunque, a partire dal centro della città fino ad arrivare ai suoi numerosissimi e sempre diversi parchi, che sono veramente straordinari e che regalano relax, romanticismo, freschezza.

E’ multietnica, c’è gente di tutti i tipi e la cosa che ci ha colpito moltissimo è che sono tutti molto gentili, che la tranquillità è la parola chiave di questa città, nonostante sia gigantesca. La gente si ferma per aiutarti se ti vede spaesato ed è sempre cortese ovunque ci si reca.

E’ sorprendente, quindi, come Berlino, nonostante la sua immensità, ci abbia fatti sentire non ospiti ma cittadini, ci abbia dato tranquillità (cosa che difficilmente si ha altrove), ci abbia fatto davvero sentire a casa nonostante fossimo lontani dal Centro Italia. Insomma, è una città dove vivere sarebbe fantastico perché ce n’è per tutti i gusti, dall’arte, alla storia, al verde, alla modernità.

Inizia il viaggio

Per noi il viaggio comincia nel tardo pomeriggio del 19 agosto, partenza da Napoli e arrivo dopo un paio d’ore a Berlino, all’aeroporto di Schoenfeld.

Una cosa ci colpisce positivamente già durante l’atterraggio, mentre ancora siamo sospesi in aria dentro l’aereo: non troviamo Berlino, ci chiediamo dove sia… senza accorgerci subito che è lì, sotto i nostri occhi.. una grandissima distesa verde con un lago enorme. Non individuiamo dunque la città ben visibile dall’alto, come ci è successo per Parigi l’estate precedente, ma solo questa distesa immensa che ci lascia increduli, avendo immaginato, come molti, Berlino moderna, quindi “tutta cemento”. Invece sembra l’apoteosi della Natura!

Una volta atterrati dall’aeroporto il primo passo da fare è andare al punto informazioni, dove si possono avere la cartina della città, della metropolitana e la Berlin Welcome Card (parleremo di tutto questo nelle note tecniche).

È stato semplice arrivare dall’aeroporto alla linea S-Bahn che ci ha portati direttamente all’albergo, grazie ad una pensilina che li collega. Il nostro hotel era l’ Ibis Styles Berlin City Ost nel quartiere Friedrichshain, un quartiere che rende evidente la sua passata appartenenza alla ex Berlino Est divisa dal Muro, nel quale ci siamo quasi sentiti in Italia, perché il posto appare meno curato di altri. Questo però non deve spaventare, perché comunque l’atmosfera è molto tranquilla, le persone che si incontrano sono cortesi e la zona dell’albergo è molto silenziosa. Eravamo sistemati in una posizione ottimale per quanto riguarda la distanza dal centro della città, visto che dopo cinque fermate ci trovavamo alla grandissima stazione di Alexanderplatz

  • 42737 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. ninfea87
    , 23/12/2012 19:50
    Ciao guivin, ti ringrazio moltissimo, mi fa piacere che venga apprezzato il mio diario, ci metto molto impegno :)
  2. guivin
    , 22/12/2012 01:06
    Bellissimo reportage!! Coinvolgente e con ottime indicazioni. Soprattutto mai banale.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social