Bruxelles, Bruges e la magia del Belgio: tre giorni di sorprese!

Weekend (lungo) low-cost in Belgio, fra Bruxelles e Bruges, per festeggiare il nostro primo anniversario di matrimonio

Diario letto 24287 volte

  • di Resdan
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Con ristrette risorse economiche e tanta voglia di viaggiare, per festeggiare il nostro primo anniversario di matrimonio, io e mio marito ci siamo lasciati tentare dai famosi voli a 12 € di Ryanair per concederci 3 giorni alla scoperta del Belgio! Fra tutte le destinazioni proposte a 12 € mai avremmo scelto Bruxelles senza l’incoraggiamento di cari amici appassionati viaggiatori che ne sono rimasti incantati tanto da concedersi una “doppietta” nel giro di pochissimi mesi. Mai scelta è stata più azzeccata! Atmosfera magica, città museo a cielo aperto, bel vivere e buon cibo… prima volta nel Nord Europa e non ci aspettavamo niente di tutto ciò!

Primo giorno – Arrivo a Bruxelles

Partiti con il volo da Bergamo delle 14.00 circa, convinti che avremmo avuto mezza giornata per cominciare a fare qualche giretto, siamo approdati a Bruxelles alle 18.00; in realtà l’aereoporto Charleroi è parecchio fuori, circa un’ora di pullman per arrivare a Gare du Midi. All’uscita dell’aereoporto si trova subito la biglietteria per la navetta che conduce a Bruxelles e conviene fare il biglietto “unico” sia di andata che ritorno per risparmiare qualcosina, la spesa complessiva è di 22 euro. Per il biglietto del ritorno è importante indicare in maniera abbastanza precisa l’orario, noi siamo stati colti un po’ di sorpresa e abbiamo sparato un orario un po’ troppo approssimativo pensando che non fosse vincolante; in realtà prendendo il pullman del rientro ad un orario diverso da quello indicato sul biglietto si rischia di rimanere a terra nel caso in cui il pullman sia pieno. In ogni caso, conviene considerare il fattore distanza e il costo della navetta nel valutare altri voli che operano sull’aereporto principale di Bruxelles. Arrivati a Gare du Midi cerchiamo di capire come raggiungere la metropolitana, impresa niente affatto semplice. Perdiamo un po’ di tempo per capire come e che tipo di biglietto conviene fare per i mezzi pubblici, alla fine optiamo per un biglietto da 5 viaggi a 7.50 € (http://www.stib.be/5-voyages-ritten.html?l=fr) dal momento che è nostra intenzione girare la città a piedi visto che ci hanno parlato tutti di dimensioni abbastanza contenute. Fortunatamente il nostro albergo si trova sulla linea 2 direzione Simonis per cui non occorre cambiare linea, otto fermate di metro e siamo comodamente arrivati a Botanique (http://www.bxel.net/metro-de-bruxelles/plan-du-metro.html); da lì 10 minuti a piedi ed ecco il nostro albergo.

Abbiamo scelto l’Hotel Prestige in Rue Meridien nel quartiere St.Josse sebbene la zona non venisse considerata centrale cercando tramite Booking o simili. In realtà, tutte le recensioni parlavano di una posizione molto comoda ed effettivamente così è stato. St. Josse è il quartiere turco, e sarà anche perché siamo appena rientrati dalla Turchia, ci appare subito molto tranquillo, quasi familiare e comunque assolutamente non pericoloso. Con una cifra decisamente conveniente rispetto ad alberghi più centrali, 60 € a notte per camera comprensivi di colazione (cosa difficilissima da trovare compresa negli alberghi di Brux) e senza alcuna tassa aggiuntiva, abbiamo soggiornato in un questo albergo di piccole dimensioni, molto curato, arredamento moderno, camera confortevole e colazione abbastanza varia. Sicuramente l’ideale per chi ha bisogno di un punto di appoggio confortevole e senza troppe pretese. Arrivati in camera, il tempo di una doccia al volo, e corriamo incamminandoci verso il centro, e più precisamente verso la Cattedrale di St. Michelle e Gudule (effettivamene 10 minuti a piedi percorrendo la centralissima Rue Royale), dove abbiamo appuntamento con una coppia di amici italiani che vivono in città. Prima serata grandiosa con la preziosa guida dei nostri amici. Ci dirigiamo subito verso una delle birrerie storiche più famose e meritevoli della città, La Morte Subite, ed io che non sono una grande estimatrice di birra, faccio gradita conoscenza con la Kriek, un particolare tipo di birra nella quale vengono aggiunte le ciliegie durante la fermentazione. Ne esistono anche a base di altri tipi di frutti, la Framboise per esempio è con i lamponi, la Pêcheresse è alla pesca; in ogni caso sono l’ideale per chi solitamente non ama il gusto acidulo della birra

  • 24287 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. kokice
    , 18/10/2012 09:34
    consordo che Bruxelles è bellissima città e merita a pieno di essere la capitale europea - dalla bellezza e l'eleganza dei palazzi,le infrastrutture moderne e perfette,collegamenti impeccabili,tanta storia,archittetura,e non per l'ultimo tante golosità - che ci vuole di più.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social