Tra Baviera e Franconia passando per Salisburgo

Un viaggio all'insegna della cultura tra creazioni fantastiche e il trionfo del Rococò e del Barocco

  • di girovaga54
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Unica nota negativa, che ci accompagnerà per tutto il nostro viaggio: la presenza di vespe ed api che ti ronzano intorno, entrano nei piatti, muoiono annegate nei bicchieri, ma che mai ci hanno punto e con cui ti devi abituare a convivere. Per conforto, dicono che questo sia sintomo di località ecologicamente ineccepibili.

Breve riposo in hotel per recuperare un po’ del sonno perso e poi di nuovo in marcia: in pochi minuti, a soli 7 chilometri, ci troviamo di fronte all’immenso complesso dell’Abbazia benedettina di ETTAL, considerata una delle più notevoli testimonianze del barocco bavarese, oggi sede di un prestigioso liceo. Splendida la cupola affrescata. Nel negozio annesso al complesso abbaziale si possono acquistare la birra bionda e quella scura di cui i monaci sono sempre stati produttori insieme a vari tipi di liquori.

Percorrendo da qui altri 11 chilometri, la nostra successiva tappa prevede la visita al Castello di LINDERHOF, iniziando così la serie delle fantastiche dimore di Ludovico II e della sua famiglia, i Wittelsbach, principi di Baviera fino al 1918.

E’ da premettere che la visita delle numerose residenze, palazzi o castelli di questa famiglia, sono uno dei motivi per cui i viaggiatori si recano in questo angolo d’Europa ma che presuppone un minimo di conoscenza storica dei personaggi che ne sono i protagonisti. Sono personaggi a volte strambi, a volte a dir poco eccentrici, a volte effettivamente folli. Ma vanno conosciuti per apprezzare e perché no anche criticare le loro scelte di vita. Nella fattispecie, siamo a casa di Ludovico II, il re misogino e solitario con la mania di edificare palazzi sfarzosi che contenessero al loro interno riproduzioni di epoche passate che lo affascinavano. Ludovico fu dichiarato pazzo da una perizia psichiatrica nel 1886 e morirà “suicida” pochi giorni dopo nelle acque del lago di Starnberg, vicino Monaco.

Un consiglio pratico: nella biglietteria del primo castello che si va a visitare è conveniente acquistare la Mehrtagesticket , una specie di abbonamento della durata di 14 giorni (PASS 14 giorni) che permette di entrare gratuitamente in un sacco di posti. Il costo è di € 24,00 a persona, € 44,00 a coppia: se considerate che mediamente ogni biglietto di ingresso costa € 10/12,00, il risparmio è presto calcolato.

Acquistiamo perciò l’abbonamento e ci comunicano che la prossima visita in italiano ci sarà alle ore 17:20. Ok, abbiamo più di un’ora per girare a piacimento il bellissimo parco con le fontane dorate e le altre costruzioni sparse al suo interno, compresa la famosa Grotta di Venere: il re Ludovico, attratto dalle opere di Wagner in maniera ossessiva, si era fatto costruire questa grotta artificiale che riproduce una scena del primo atto dell’opera “Tannhauser”. Sicuramente un po’ kitsch, ma esplicativa della personalità del re.

Tra una sorpresa e l’altra, è arrivato il momento della nostra visita agli interni: fantastici, oro e stucchi dappertutto (la Sala delle udienze, la Camera da letto, la Sala da pranzo, la Sala degli Specchi) assolutamente da vedere, non sono descrivibili e poi, per questo, esistono già tante pubblicazioni.

Usciamo abbagliati da tanto splendore, siamo anche parecchio stanchi e decisamente rientriamo nel nostro tranquillo paese di montagna, decidendo di cenare nuovamente all’Alte Post in compagnia di vespe ed api, spendendo € 50,00.

Mercoledì 12 agosto

Oggi visiteremo i due castelli più famosi di Ludovico e perciò ci dirigiamo verso la località di SCHWANGAU. E’ pressoché indispensabile prenotare la visita al Castello di HOHENSCHWANGAU e a quello di NEUSCHWANSTEIN on line con parecchio anticipo: ciò consente di evitare una fila chilometrica alla biglietteria e di scegliere gli orari di ingresso ai due siti prendendosela comoda perché non sono vicinissimi tra loro. Si parcheggia l’auto a pagamento (€ 8,00 per tutta la giornata) in una delle vaste aree adibite e ci si presenta all’orario indicato nella prenotazione alla biglietteria per ritirare i biglietti per entrambi i castelli già precedentemente acquistati on line. Paghiamo il diritto di prenotazione di € 1,80 a persona per ciascun castello. La fila per i prenotati è di dieci persone circa, dei non prenotati una cosa indescrivibile e sotto il sole. L’ingresso al castello di Hohenschwangau è l’unico a non essere compreso nell’abbonamento PASS 14 giorni e costa € 12,00 a persona

  • 10402 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social