Basilicata: una regione da scoprire!

Forse sono di parte, essendo al 50% una lucana, ma secondo me la Basilicata è una regione che vale la pena conoscere! Vale la pena fare un giro da quelle parti: la tranquillità e la pace che vi si respira ...

Diario letto 8280 volte

  • di atena82
    pubblicato il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Basilicata una regione da scoprire! Forse sono di parte, essendo al 50% una lucana, ma secondo me la Basilicata è una regione che vale la pena conoscere! Vale la pena fare un giro da quelle parti: la tranquillità e la pace che vi si respira sono rari, ma ci sono anche splendidi panorami e interessanti aspetti culturali da conoscere!

Il paese di mia mamma (e anche di mio cognato!) si trova in Val d’Agri, zona ricca di petrolio. La Valle è ovviamente verdissima e di un certo valore naturalistico, pensate che da più di 30 anni è stato istituito il Parco Nazionale della Val d’Agri e del Lagonegrese ma non è ancora del tutto attivo anche a causa dell’estrazione petrolifera. In questa zona si possono fare passeggiate piacevoli nella natura o nei borghi (Viggiano o Marsico Nuovo sono sicuramente molto carini). L’ideale è visitare questi luoghi nei giorni di festa cittadina. Il giorno precedente la festa c’è la fiera con numerosissime bancarelle, la processione religiosa è molto sentita e di solito è accompagnata da tradizioni del luogo, la sera della festa è consuetudine assistere ad un concerto gratuito di qualche famoso cantante. A Paterno si festeggia la Madonna del Carmine il 16 luglio, dopo la messa nella Chiesa Madre la Madonna scende in piazza accompagnata dalla banda, e da persone vestite con gli abiti tradizionali, in piazza poi un bambino/ragazzo, ogni anno diverso, vestito da angelo, viene issato e sospeso in aria e al cospetto della statua della Madonna recita una preghiera portando 5 doni diversi a Maria. Quest’anno c’è stato il concerto gratuito della PFM, gruppo storico italiano. Un concertone, con una prima parte dedicata all’esecuzione di alcune canzoni di Fabrizio De Andrè con il quale fecero un famosissimo concerto, e la seconda parte dedicata ai lori successi più famosi (“Impressioni di settembre” su tutte).

Paterno è ai confini con la Campania e percorrendo la strada “Paterno-Padula” (dalla quale si ammira il panorama sulla valle) in pochi minuti sarete a Padula dove potrete visitare la famosissima Certosa. Per arrivare passerete una radura bellissima, uno dei luoghi che in assoluto amo di più.

Non lontano dalla Val d’Agri segnalo:

Grumento con gli scavi romani, una visita da fare se vi trovate nei paraggi, certo non siamo a Roma ma la testimonianza di questi resti è comunque significativa;

Il lago formato dalla Diga del Pertusillo: magnifico, offre scenari bellissimi, assolutamente da vedere. Un consiglio è anche quello di visitare Sarconi (affacciata proprio sul lago) durante la festa dei Fagioli, prodotto tipico tra i più famosi e apprezzati della Basilicata. Tantissima gente, musica, allegria in un borgo caratteristico.

Proseguendo verso sud, quindi verso le spiagge, troverete un breve tratto che vi ricorderà il far west, un canyon protagonista di molti film.

Tornando però verso nord come non parlare delle piccole dolomiti lucane che solo quest’anno ho visitato per la prima volta. Per raggiungerle abbiamo seguito il navigatore: non lo avessimo mai fatto! per percorrere circa 70 km alla fine ne abbiamo fatti 200 perché il navigatore ci voleva far percorrere una strada da Corleto che definire sterrata è farle un complimento, forse solo un fuoristrada ultima generazione riesce a percorrerla … una stradina dissestata in mezzo ai pozzi petroliferi … Abbiamo così rinunciato a seguire quel percorso e siamo tornati verso Corleto, abbiamo percorso altri chilometri ma alla fine siamo stati bloccati perché bisognava proseguire su una provinciale che quel giorno era chiusa al traffico. Abbiamo così deciso di andare fino a Potenza, che è la strada migliore!

Ci abbiamo messo 3 ore … ma per fortuna ne è valsa la pena. Abbiamo parcheggiato poco fuori dall’entrata di Pietrapertosa abbiamo preso un gelato al bar situato alle porte del paese da un gentile signore che ci ha chiesto se avessimo fatto il volo dell’angelo. Io personalmente sono un po’ paurosa … credo che potrebbe pure piacermi ma a spaventarmi è la parte iniziale quando ti imbragano e resti sospeso a pancia in giù per un po’ prima del lancio … Il volo dell’Angelo consiste nell’andare da Pietrapertosa a Castelmezzano (e viceversa) appesi ad una fune supini!

Ci siamo limitati ad una bella passeggiata, a fare tante foto, anche a chi partiva con il volo, a goderci i panorami sicuramente inusuali in questa regione.

Il passaggio dalla provincia di Potenza a quella di Matera si percepisce in modo evidente dai paesaggi, verdi, ricchi di boschi quelli del potentino, arsi e tipici del Sud quelli del materano, caratterizzati in ampie zone dai Calanchi, affascinanti formazioni geomorfologiche

  • 8280 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. atena82
    , 25/8/2014 15:28
    Quest'anno sono riuscita a visitare Metaponto. Il Museo Archeologico è ricco e ben struttrato, vi cosiglio di visitarlo!!! L'area archeologica è meno chiara ma comunque una visita veloce si può fare. Le Tavole Palatine sono davvero belle!!! Meritano una visita anche veloce. Ingresso gratuito!!!
  2. Giovanni 31

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social