Bali e la filosofia del Wahaha

Il detto cita "Come Angry, Leave Happy"... perché Bali è un po’ così, l’isola che sembra una Thailandia "ripulita" e che al terzo massaggio ti cambia la vita!

Diario letto 332 volte

  • di accipicchiolina
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Viaggio family per chi cerca una destinazione che non sia solo mare o solo cultura, per chi è attirato dall'Asia, ma ha paura di un impatto troppo forte, per chi cerca anche il relax per mamma e papà! Ecco il racconto della nostra avventura con la segnalazione delle spiagge top e quelle adatte ai bambini

22 novembre: partenza

Volo Qatar via Doha... partenza alle 22 da Fco, arrivo alle 23 del giorno dopo

24 novembre: Lengian - Sanur ( 20 minuti)

Il primo giorno lo passiamo sulla spiaggia di Lengian, dove affittiamo ombrellone e lettini per 100k e la tavoletta da bambini per 10k. Spiaggia ampia, il mare è una tavoletta, acqua calda anche se l'estetica non è tropicale (adatto ai bambini). Dopo mangiato decidiamo di spostarci a vedere la spiaggia di Sanur visto che questa sera alloggeremo al Mercure, ma, mentre l’albergo é super, la spiaggia è una delusione totale (Spiaggia ampia, mare con tante alghe), anche se c’è il mercato della domenica che ci rallegra un po’. La sera mangiamo con i piedi sulla sabbia da Retró (il che ha sempre il suo perché).

25 novembre : Sanur - Ubud ( 11 ore)

Oggi giornata di spostamento con arrivo finale ad Ubud. Prima tappa è il Penengan Lempuyan a 2.30 h di macchina. Tempio carino, porta del cielo apprezzabile, bella vista sul vulcano, ma se cercate la spiritualità questo tempio non è per voi. Qui si entra con una donazione (noi in linea con gli altri abbiamo lasciato 30k) e si pagano a parte i sarong (10k, bambini gratis). Dopo circa una trentina di minuti di visita ci siamo diretti al tempio dell’acqua Tirta Gan Ghan , ingresso 40k, bambini 15k, guida 50k. Qui i bambini si sono divertiti molto a dare da mangiare i pesci e a saltare sulle pietre galleggianti. Pagando un supplemento si può fare anche un bagno in piscina. Dopo pranzo siamo andati a caccia di spiagge ed abbiamo visitato la Blue Lagoon (molta corrente, alle 4 va via il sole, non adatta ai bambini) e la white sand beach (più ampia, si può fare il bagno). In entrambe ci sono dei locali sulla spiaggia x acqua o cibo. Questa sera dormiamo in un posto pagato poco (40€) ma bellissimo: il "Murni’s House" o "Tamarind Spa" dove per 795k ci fanno 2.5 ore di massaggio ( disponibile anche per bambini da 5 a 12 anni). Cena da Miro’s con bel giardino illuminato tutto per noi (470k).

26 novembre: dintorni di Ubud ( 8 ore)

Altro giorno, altre avventure: partiamo dalla Monkey Forest (80k adulti, 60k bambini) e l’ora di passeggiata passa tra i vari attacchi di scimmie alla mia bottiglietta d’acqua. Abbiamo visto una ragazza a cui le scimmie hanno preso lo zaino lasciato incustodito e hanno rubato dentro borraccia e beauty case. Consiglio di non portare proprio nulla. Poi ci dirigiamo alle terrazze di riso di Tegalalang dove il nostro driver ci porta in una sorta di parco avventura dove si fa lo swing ( ovvero l’altalena con l’imbracatura), ma di riso neanche l’ombra...bocciatissimo anche perché noi avevamo capito che saremmo andati a fare swim :( . Ci facciamo allora portare a Celing (10k adulti), dove le terrazze sono vere e soprattutto il riso c’è. Volendo anche qui potete fare lo swing. Dopo pranzo ci dirigiamo al Pura Gunung Kawi (50k adulti,25k bambini), che dopo circa 200 scalini in discesa ci accoglie con tutta la sua maestà. Si narra che gli 11 Candi presenti siano in realtà tombe funeraria della famiglia reale e che risalgano all’XI secolo. Il sito è molto bello e particolare. I bambini si sono messi a contare le scale e neanche si sono accorti della faticaccia :)

L’ultima tappa di oggi è il Tirta Empul (50k adulti,25k bambini), dove assistiamo al rito della purificazione ( ci si immerge in una piscina e si bagna la testa sotto una fontana dopo aver fatto un’offerta). Qui le donne per entrare devono legare i capelli. Se volete partecipare al rito ci sono dei locker e le dressing room per cambiarsi. All’uscita c’è un vero e proprio mercato dove tutto è in vendita per “1 hundred thousand rupias”. È un buon posto per fare qualche compera

  • 332 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social