Pasqua 2011 in Baja California Sur

Viaggio on the road alla ricerca di posti sperduti dove il turismo di massa non è ancora arrivato.

Diario letto 14568 volte

  • di honey-sunny
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Paesaggi: spettacolari. Si passa dal paesaggio marino costellato di isole alle oasi verdi sino ad arrivare ai deserti aridi e polverosi dove riescono a vivere solo i cactus.

Flora: cactus e poi cactus e per finire cactus. Siamo stati fortunati perché in questo periodo sono in fiore e la fioritura dura pochi giorni. Una tipologia di cactus (Pachycereus pringlei: ha un “tronco” e poi si ramifica ad un metro da terra) ha il fiore bianco e giallo all’interno, quelli che si ramificano da terra hanno il fiore violetto. Osservandoli nel corso del viaggio sono arrivata alla conclusione che si aprono dopo il tramonto e si chiudono dopo poche ore che sorge il sole. Si concentrano soprattutto ad ovest della pianta così non vengono colpiti dai raggi e riescono a rimanere aperti più a lungo. Ci sono anche tante agavi e palme dove ci sono sorgenti di acqua dolce. Essendo primavera molte piante hanno ancora piccole foglie verdi ed alcune piccoli fiori ma nel giro di poco tempo tutto sarà completamente secco.

Fauna: abbiamo visto solo qualche coniglio e scoiattolo. Nei mesi caldi ci sono serpenti a sonagli e scorpioni. In mare abbiamo visto leoni marini, delfini e una balena. Per quanto riguarda le balene grigie la Baja California è famosa in tutto il mondo come posto migliore per l’avvistamento di questi pacifici giganti del mare. Vivono nel mare di Bering al largo dell’Alaska ma vengono in questi mari da gennaio a marzo per partorire e per fare crescere i piccoli fin tanto che non sono pronti per affrontare il lungo viaggio di ritorno. Questi posti si prestano molto in quanto sono insenature protette. Ce ne sono tre sul Pacifico e sono da nord verso sud: Guerriero Negro (Laguna Ojo de Liebre), la Laguna di Sant Ignacio e la Laguna di San Carlos nella Bahia Magdalena. Nel mar di Cortez c’è la Bahia di Los Angeles. Invece la baia di La Paz è il paradiso dello squalo balena. Si vedono anche dalla barca. Questa zona è ottima per fare sub. Nel cielo ci sono sempre gli avvoltoi che volano disegnando cerchi.

Spiagge: al contrario di quello che si potrebbe pensare, quelle che si trovano sul Mar di Cortez non hanno nulla a che invidiare ai Carabi. Sono bianche e coralline, l’acqua è di un azzurro trasparente incredibile l’unica cosa è che alle spalle delle spiagge non ci sono le palme ma cactus e deserto rosso.

Gente: abbiamo trovato tutte persone gentili. Ti salutano addirittura quando passi con la macchina. Abbiamo trovato scortesi sono i gestori dell’hotel Serenidad.

Sicurezza: avevamo qualche titubanza quando organizzavamo il viaggio perché viaggiando con i nostri bambini volevamo essere sicuri di non aver problemi. Devo dire che non c’è nessun rischio. Ci sono posti di blocco verso nord dopo La Paz e dopo Loreto ma sono solo per cercare di fermare i corrieri della droga che vanno verso gli Stati Uniti. Se non portate nulla di illegale non avete problemi … Sulle spiagge ci siamo spaventati il primo giorno perché c’era tanta “Polizia preventiva”, uomini della “Marina” e militari in mimetica con tanto di passamontagna e fucile impugnato. Vedendo quest’immagine siamo andati in panico e ci siamo detti: ma dove siamo finiti …? … Poi parlando con diverse persone ci hanno rassicurati sul fatto che sono presenti per “prevenire”. Le persone gradiscono la loro presenza perché così sono sicure che nessuno osa fare nulla di non consono perché verrebbe immediatamente fermato. Ci siamo effettivamente resi conto che la loro presenza ci faceva stare tranquilli. Non avevamo l’assillo di prendere il sole con la testa sopra lo zaino dei documenti e dei soldi ecc.ecc

  • 14568 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social