Vienna e Budapest in cinque giorni

Alla scoperta dell’elegante e sobria capitale austriaca e della moderna e vivace capitale ungherese

  • di marviu
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Quest’anno abbiamo deciso di trascorrere le nostre vacanze pasquali in un tour di 5 giorni fra Vienna e Budapest in compagnia di una coppia di amici, Riccardo e Alessandra.

VIENNA

Partiamo dall'aeroporto di Bologna alle prime luci dell’alba di giovedì 2 aprile destinazione Vienna. Voliamo con Austrian Airlines (andata e ritorno 200 euro a testa), il volo è abbastanza movimentato a causa delle forti raffiche di vento che imperversano su Vienna. Atterrati prendiamo il CAT (City Airport Train) che con 16 euro a testa ci porta nel centro città. Dopo il check-in al consigliatissimo Motel One Wien Staatsoper (posizione centrale e prezzi sotto la media viennese), iniziamo a girare la città non prima di aver fatto uno spuntino con pane e bratwurst. Ci dirigiamo alla Cattedrale di Santo Stefano dove saliamo sulla torre campanaria (343 gradini) per godere della vista anche se rimaniamo in parte delusi poiché si arriva solo a metà della torre ed è tutto chiuso da vetrate. Proseguiamo il nostro tour seguendo l’itinerario consigliato dalla guida e, ammirando le austere e eleganti vie del centro, arriviamo fino all'Hofburg (da non perdere gli appartamenti dell’imperatrice Sissi). La nostra passeggiata continua nella zona dei musei dove si può scegliere di passare qualche ora ammirando le opere d’arte del Kunsthistorisches Museum o la ricca selezione di fossili e minerali del Naturhistorisches Museum. A pochi passi da questi due musei situati uno di fronte all'altro si trova il Quartiere dei Musei, un grande complesso museale dedicato interamente alla cultura dove si trova un po’ di tutto dall'architettura all'arte moderna contemporanea. Comincia a piovere e lo stomaco inizia a brontolare per cui decidiamo di infilarci nel primo ristorante a portata di mano, il vietnamita Saigon, davvero una gradita sorpresa con cibo di qualità e molto saporito. La restante parte del pomeriggio la dedichiamo al Naschmarkt, un caratteristico mercato dove immergersi in odori e sapori di tutto il mondo. E’ un vero e proprio microcosmo multietnico in cui poter assaggiare specialità asiatiche o arabe e al tempo stesso comprare frutta e verdura dal contadino austriaco. Imperativo fermarsi a fare un aperitivo in questo coinvolgente luogo sorseggiando un boccale di birra o un calice di vino. Ultima tappa della giornata al Belvedere, una delle residenze estive degli Asburgo, al cui interno è gelosamente custodito dagli austriaci Il Bacio di Klimt; meritano attenzione anche gli altri dipinti del museo, soprattutto quelli impressionisti. Per cena ci dirigiamo nel “Triangolo delle Bermuda”, il centro della movida viennese e mangiamo al Bermuda Brau, caratteristico locale che cucina schnitzer e ribs favolose. Tornando a piedi verso l’hotel troviamo la Cattedrale aperta e una volta entrati ci imbattiamo in una magica atmosfera all'interno, creata da una luce viola che illumina la navata centrale con il resto della chiesa immersa nella penombra.

La giornata seguente la dedichiamo allo Schonbrunn, la residenza estiva della imperatrice Sissi dove acquistiamo il Classic Pass, il biglietto per alcune attrazioni dei giardini e per l’interno del palazzo imperiale. Si possono acquistare diverse combinazioni, dalla semplice visita degli interni al Gold Pass che con 50 euro permette di accedere anche allo zoo e ad altre attrazioni come il giardino del deserto, la serra delle palme e il museo delle carrozze. I giardini non sono ancora fioriti e sicuramente rendono di più verso maggio-giugno ma abbiamo comunque apprezzato il labirinto di siepi. Pranziamo nei mercatini allestiti per le festività pasquali a ridosso della reggia con spatzle e bretzel e compriamo le tipiche uova di legno colorate

  • 26725 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. marviu
    , 16/5/2015 10:20
    Ciao!
    Scusa ma leggo solo ora
    Ti consiglio i due ristoranti in cui ho cenato durante il mio viaggio a Vienna e che ho riportato nel diario di viaggio, il Bermuda Brau è una birreria tipica viennese in Rabensteig 6 dove mangiare ottime cotolette con patate. Sennò la trattoria austriaca Quell (in Reindorfgasse 19) frequentata da gente del posto, prezzi bassi e ottima qualità
  2. muncarori
    , 8/5/2015 08:33
    Devo andare a Vienna per tre giorni, un consiglio per ristorsnti non tanto cari. grazie

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social