Overland Italia Australia: navigazione e arrivo!

Una settimana su una nave cargo porta container e, dalla Malesia, l'arrivo in Australia. Ce l'ho fatta!

Diario letto 1007 volte

  • di overland giorgio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Oltre 3000 euro

Buon anno! Sono arrivato in Australia, ci sono riuscito! Ecco l'ultimo aggiornamento del viaggio partendo da dove ci eravamo lasciati. Ero impaziente d’imbarcarmi, ne avevo abbastanza di aspettare a Kuala Lumpur. Ormai giravo per Chinatown conoscendo le viuzze come un locale, perfino gli ambulanti non cercavano più di propormi la loro merce. Il cargo, la MV Loire, doveva arrivare a Port Kenang il 27 dicembre e l’imbarco era previsto per mezzogiorno. Pensavo di partire in mattinata e in un'oretta raggiungere Port Kenang per le pratiche di dogana ed emigrazione. Il giorno prima ho passeggiato per l’oasi di eco-foresta lasciata integra nel centro città e dotata di camminamento sopraelevato per osservarla meglio. Poi una delusione, l’agente di navigazione mi ha comunicato un ritardo nell'imbarco. Infine la mattina del 28, espletate tutte le formalità, finalmente sono salito sulla portacontainers. Trecento metri di lunghezza e novantatremila di stazza. Il capitano mi ha accolto con cordialità e lo chief officer mi ha mostrato la cabina. Di fianco c'era una saletta per i passeggeri e dato che ero l’unico, sarebbe stata tutta per me. L’equipaggio era in maggioranza croato e ucraino. Un buon pasto con cibo sostanzioso e robusto e il terzo ufficiale mi ha mostrato le dotazioni di sicurezza. Verso le sette abbiamo lasciato la Malesia, la navigazione cominciava.

I giorni successivi dopo colazione salivo sul bridge - Il ponte comando - e curiosavo tra le procedure di navigazione e gli strumenti, con gli ufficiali che mi spiegavano i principali rudimenti. La routine di bordo era organizzata tipo caserma, con ruoli e ritmi ben precisi. La rotta prevedeva la discesa a sud ripassando per Singapore, poi lo stretto della Sonda e ci siamo diretti verso l’oceano aperto e la Western Australia. Naturalmente il punto più trafficato è stato lo stretto di Singapore dove le navi si affiancavano e si sorpassavano come auto in autostrada. Nella notte del 30 dirigendoci verso Giava e con Sumatra sulla dritta, abbiamo passato l’equatore e il capitano ha rispettato una simpatica procedura marinara consegnandomi un attestato. Nello stretto della Sonda il traffico navale si è di nuovo intensificato e riflettevo che qui tra Giava e Sumatra, doveva trovarsi l’isola di Krakatoa, dove nel 1883 era avvenuta la più grande esplosione vulcanica mai registrata con una tsunami di 40 metri. La mattina dell’ultimo dell’anno siamo passati vicino a Christmas island, l’isola australiana più vicina all'Indonesia; il paese di Oz si avvicinava! A mezzanotte sono andato sul bridge e ho festeggiato l’anno nuovo con gli ufficiali di guardia. Negli auguri di questi in fondo sconosciuti, vi era una sincerità forse dovuta alla particolarità geografica: eravamo isolati nell'oceano con la nave più vicina a centosette miglia. Il cielo senza nuvole mostrava la Croce del Sud, e con serenità ero grato al destino per questa esperienza. Passaggio navale costoso, ma confortevole in confronto ai viaggi del passato. Ho capito meglio che sulla terraferma cosa vuol dire seguire la rotta australiana. Viaggiare nel passato per mesi abbandonando le sicurezze di casa per raggiungere il continente nuovo con implicazioni di clima, rischi per le condizioni del mare, malattie; un tagliarsi i ponti alle spalle!

L’ultimo giorno prima dell’Australia, il mare è aumentato a forza 6 e al rollio si è aggiunto il beccheggio. Infine la mattina del quattro gennaio si è mostrata la costa australiana. Ormai Fremantle era vicina e potevo distinguerne le strutture a occhio nudo. Nel pomeriggio il pilota è salito a bordo per l'attracco e dopo le procedure di immigrazione sono sceso a terra. Uno scambio di telefonate e ho abbracciato mia figlia Gabriella. Un’emozione difficile da metabolizzare e ancora di più da descrivere. Sommerso dal ricordo degli oltre 25 mila chilometri percorsi per arrivare su quella banchina, ci vorrà tempo per metabolizzarla. Ora sono a casa di Gabriella e ho flashback degli episodi del viaggio che sembrano come un grande rotolo che si svolge con le immagini della geografia e dell'umanità di questo enorme spazio euroasiatico/pacifico che rappresenta la maggior parte del pianeta. Mi avete seguito e supportato con passione e costanza commovente. Grazie! Spero con gli aggiornamenti pubblicati d'essere riuscito a passare il messaggio che mai ci si deve arrendere se si ha un sogno, sia quello che sia; meno che mai per l'eta. Che è uno scandalo vedere tanti giovani andare via non per scelta ma perché da noi non trovano giuste opportunità. Lungo la strada ho incontrato persone meravigliose e con il generoso contributo al fundraising su FB, abbiamo aiutato chi è meno fortunato, solo questo motiva il viaggio. Ora prima di rientrare resterò un po qui a Perth, intanto un abbraccio commosso.

  • 1007 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. DemmeH
    , 31/8/2020 14:29
    Mi chiamo Jonathan Demme, vengo dalla Francia ti informerò di più una volta che ti avrò sentito il prima possibile mi piacerebbe discutere con te, ma non qui a turistipercaso scrivimi a (jonathandemmi@gmail.com)
    Cordiali saluti
    Jonathan Demme

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social