Australia surf & wildlife

Giro in auto fai da te del sud-est australiano con tappe a Sydney, Melbourne, Adelaide, Kangaroo Island e... l’Ocean Road

Diario letto 12598 volte

  • di cato
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Ciao a tutti siamo Barbara e Davide di Cuneo. Quest’anno come meta delle nostre vacanze invernali abbiamo optato per l’Australia. Scelta dettata dalla fissa che Barbara aveva per questo stato grosso quasi due volte l’Europa.

Dopo aver visto molte foto e documentari anch’io mi sono fatto contagiare da questa sua euforia. Molti ci hanno detto che tre settimane sono un periodo troppo corto , ci vuole quasi un giorno di volo solo per arrivare, ma noi ci siamo detti: "Tanto più di questo non riusciremo mai ad avere" e abbiamo deciso di partire lo stesso.

Abbiamo visitato lo stato di Vittoria con Melbourne e l’Ocean Road, il South Australia con Adelaide e Kangaroo Island e il New South Walles con la sua città simbolo: Sydney.

Durante il viaggio ci siamo trovati immersi in una natura incontaminata e fantastica nella quale siamo stati a stretto contatto con un’infinità di animali liberi e indisturbati quali canguri, wallaby, koala, leoni marini, otarie, pinguini, pappagalli e wombat oltre a moltissime specie di uccelli.

Come ogni viaggio fai da te ci siamo armati di guide (Lonely planet e National Geographic) e letto moltissimi racconti ma devo dire che non ci sono serviti un gran che. L’Australia è una delle mete per viaggi di nozze e quindi tante persone che si recano in questo paese hanno un itinerario prestabilito concordato con un’agenzia di viaggio. Noi cercheremo, con questo racconto, di essere i più precisi possibile per consentire, ad ogni lettore, di avere delle informazioni utili sul dormire e sulle cose da fare e da vedere (almeno spero). Partiamo dal presupposto che non siamo in un paese del terzo mondo, anzi, quindi le nostre difficoltà sono state solamente quelle di evitare di farsi spennare.

L’Australia è un Paese carissimo per noi italiani e noi abbiamo sforato di gran lunga il nostro consueto budget. Alla luce di quanto detto, abbiamo sempre optato per gli ostelli con letto in camerata e spesso e volentieri ci siamo cucinati i pasti. Nonostante tutto la nostra vacanza di tre settimane c’è costata meno di tremila euro a testa. Bisogna tener conto di una spesa media per dormire di circa 30-35$ a testa per notte. Il resto delle spese vanno in escursioni, benzina, noleggio dell’auto, traghetti, visita dei parchi, pasti ed eventuali spese extra. Abbiamo constatato che i mezzi pubblici, a noi tanto cari nei viaggi precedenti, sono praticamente impossibili da usare visto il poco tempo a nostra disposizione.

Partiamo dall’inizio.

Prima cosa prenotazione del volo. Noi ci siamo appoggiati ad un’agenzia che ci ha dato assistenza sia prima che al nostro ritorno. Poi vi spiegherò.

I prezzi dei voli su internet erano gli stessi che ci ha proposto il titolare.

Costo del pacchetto volo con assicurazione medico bagaglio e annullamento dello stesso c’è costata 1257 euro p/p con partenza l’otto marzo e ritorno il primo di aprile. Arriveremo a Sydney per poi ritornare in Italia da Melbourne.

Considerando le grandi distanze australiane prenotiamo anche un volo interno tra Sydney e Melbourne (185 $ a coppia) e, sedici giorni di noleggio auto con la Europecar per 490 euro. Per il noleggio siamo andati sul sito www.easycar.it che è una sorta di broker assicurativo (l’agenzia viaggi era troppo cara) che ci ha fornito una Hunday i30 con cambio automatico (molto utile per la guida a sinistra). Alla fine del noleggio faremo circa 3700 chilometri.

La scelta del noleggiatore non è stata facile. Noi abbiamo cercato quella più completa annullando tutte le franchigie sia in caso di furto, di incidente o urto con animali (sembra che in Australia sia una causa molto frequente)

  • 12598 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social