Viaggio di nozze in Australia

Un tour alla scoperta del "nuovo mondo" che rimarrà per sempre nei nostri cuori... dallo spettacolo che offre la costa fino ai canyon, passando per città, foreste e cascate

Diario letto 24003 volte

  • di Tony_75
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro

Giovedì 19 Aprile

Ci alziamo di buon ora e facciamo il carico di energie con fette tostate e marmellata, peccato che qui usano solamente il nescafè che sciolgo nel latte, Tony con il suo tè non ha problemi, anzi, c’è anche il boiler che ti lascia subito acqua calda… questa mattina ci rechiamo dall’altra parte del fiume Yarra verso Alexandra Gardens osservando un bello skyline della città, poi non può mancare la visita al Royal Botanic Gardens (363 ettari di flora e fauna australiana, semplicemente stupendo), all’interno del Royal da vedere l’Ornamental lake. Visitiamo lo Shrine of Remembrance (il monumento commemorativo ai soldati del Victoria morti durante la seconda guerra mondiale), per pranzo decidiamo di andare a mangiare a St Kilda, la spiaggia di Melbourne, prendiamo il tram n. 16 ( 2.60$ solo andata) e in meno di 20 minuti siamo alla fermata Luna Park non si può sbagliare il Luna Park è enorme davanti un Mac Donald, lì pranziamo, passeggiamo lungo l’Esplanade, la spiaggia è lunghissima e pulitissima arriviamo fino al molo, dove vive una colonia di pinguini ma non li abbiamo visti purtroppo poiché arrivano alle 5 del mattino! Nel pomeriggio rientriamo all’ostello, ci riposiamo e siamo pronti per ammirare la città dall’alto, andiamo all’Eureka Tower in ascensore e in meno di 40 secondi siamo all’88° piano dove c’è una vista spettacolare! Dalle grandi pareti vetrate si vede tutta la città con miliardi di luci; scendiamo e visitiamo la zona del SouthBank che di notte si popola di artisti di strada, e tanta bella gente, non c’è caos, tutto sembra così ordinato,Tony fa tante foto allo skyline dai diversi punti del ponte, mangiamo e poi a nanna domani ci aspetta la Great Ocean Road.

Venerdì 20 Aprile

Ci alziamo prestissimo, facciamo il check-out da soli perché alla reception in quel momento non c’è nessuno, mettiamo gli asciugamani e le lenzuola negli appositi contenitori, l’unica cosa che dimentichiamo di restituire sono le chiavi della stanza che Tony ha in tasca ma quando ce ne accorgiamo ormai è troppo tardi ... gliele spediremo per posta pazienza! Piove, ma non ci scoraggiamo. A piedi ci rechiamo in 10 minuti a Southern Cross per ritirare l’auto a noleggio EuropCar, dopo l’accertamento dei documenti, una caparra di 100$ e presa la cartina stradale ritiriamo una Hyunday con guida a sinistra naturalmente… si parte! All’inizio Tony ha un po’ di difficoltà non ci sono le marce! Ma poi fila tutto liscio come l’olio. Usciamo dalla città prendiamo la M1 West gate Fwy direzione Geelong dopo 103 km arriviamo a Bells Beach, la famosa spiaggia di Point Break, si raggiunge facilmente le indicazioni stradali sono ottime ed è difficile sbagliare, infatti tutto l’itinerario lo abbiamo percorso senza navigatore… Al posteggio già ci sono un sacco di macchine e in mare tantissimi surfisti che aspettano l’onda perfetta… è stupendo… scendiamo in spiaggia da una scalinata di legno, è bello sentire il rumore del mare, risaliamo e dall’alto vediamo i surfisti imbattersi in queste grandi onde… da non perdere. Ripartiamo direzione Anglesea, dove inizia la famosa Great Ocean Road, questa strada che offre scorci suggestivi e una vista mozzafiato, è stata costruita dai reduci della Prima Guerra Mondiale, l’ingresso è presidiato da un monumento che ricorda questi eroi. Il paesino è carino, le persone sono molto cordiali e rispettose delle regole stradali (ad esempio ricordate di non parcheggiare sul lato opposto al senso di marcia, e attenervi al limite di velocità, ci vuole poco per beccarsi una multa…); ci fermiamo al supermercato dove si trovano anche moltissimi prodotti italiani, mangiamo un panino e via. Lungo la strada ci fermiamo per andare a vedere lo Split Point Lighthouse, un faro dove c’è un bellissimo panorama; passando per Lorne prendiamo William St, e dopo 10 km arriviamo alle Erskine Falls, delle bellissime cascate che si raggiungono dopo una passeggiatina di 10 min e 250 gradini, non male per sgranchirsi le gambe. Riprendiamo la Gor e dopo 46 km passiamo per Apollo bay. Qui la strada passa all’interno del Great Otway National Park una foresta rigogliosa, natura incontaminata, purtroppo non riusciamo ad andare a vedere il faro di Cape Otway poiché ci aspetta il tramonto ai 12 Apostoli, ma siamo in ritardo sulla tabella di marcia il tramonto è alle 18 in punto ma continuiamo a macinare km , e dopo circa 83 km arriviamo ai 12 Apostoli ma è quasi buio e abbiamo perso il tramonto per 15 minuti, pazienza domani mattina vedremo l’alba; ci dirigiamo verso il nostro ostello a Port Campbell altri 10 km più avanti. È già buio pesto ma facilmente troviamo il nostro ostello (Port campbell hostel,18 St Tregea, € 62.83 per 2 persone, camera grande,tutto nuovissimo ,le docce e i bagni sono nel corridoio) tutto è tranquillo, sistemiamo le cose e andiamo a piedi a fare un giro dove si respira pace e silenzio ... Girato l’angolo c’è un grazioso locale, il Waves 29 lord street dove ci facciamo una bella abbuffata di fish and chips, insalata, e birra tutto buonissimo e spendiamo solo 55$ in due. Fino ad ora abbiamo percorso 301 km

  • 24003 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Tony_75
    , 8/10/2012 21:14
    Ogni tanto mi viene la nostalgia e mi leggo il diario...sigh sigh

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social