Australia fai da te

Tour di diciotto giorni nelle zone principali della costa est, da Cairns fino a Kangaroo Island, organizzato da casa con voli interni e auto a noleggio

Diario letto 42425 volte

  • di Uzzo76
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro

Il giorno seguente siamo andati fino a Cape Tribulation, ci vuole circa 1,5 ore di macchina. Il consiglio è di cominciare da lì che è il punto più lontano e tornando indietro fermarsi nei vari altri punti di interesse per addentrarsi nella foresta, vedere altre spiagge incontaminate o fare un tour per avvistare i coccodrilli (cosa però che non abbiamo fatto).

La sera siamo rientrati verso Palm Cove, bellissima cittadina di fronte al mare, piccola e tranquilla con dei bei locali sul lungo mare. Abbiamo alloggiato per 2 notti al The Reef Retreat, bagno con vasca idromassaggio, bella camera, angolo cottura, piscina e zona bar con a disposizione dei barbeque per cucinarsi qualcosa ai ferri se a qualcuno va, ottimo quando da loro è estate. Per mangiare c’è un ristorantino nella piazzetta sopra l’ufficio postale dove si mangia divinamente, altrimenti noi abbiamo poi provato un altro locale chiamato (se ricordo bene) The after beach. Abbiamo mangiato in entrambi molto bene, il primo è più piccolo e più riservato quindi c’è anche un’atmosfera più intima.

Per il giorno dopo c’erano tantissime possibilità, da un’escursione sulla barriera in giornata, ad un tour nel wooroonooran park (a sud di Cairns) che dura tutta la giornata e che chi ha fatto mi ha detto essere molto bello. Noi abbiamo optato per un tour nella zona nord di cairns, visitando un’altra parte di foresta pluviale, stavolta con la guida di una guardia forestale di origine aborigena che ci ha spiegato le varie piante, i frutti, come faceva la gente sopravvivere in quell’ambiente ecc. molto interessante. Ci siamo poi recati al granite gorge, un piccolo parco in cui svettano queste enormi rocce di granito dal nulla abitate da wallabi a cui è possibile dar da mangiare. Il posto è interessante più che altro per queste rocce, i wallabi erano abituati all’uomo, era una specie di parco-zoo e non ci è piaciuto molto. A seguire dovevamo andare nelle wet lands visto l’orario, erano le cose più vicine, ma il parco ha chiuso alle 16 anziché alle 16:30 come indicava la Lonley. Preparatevi perché in Australia, almeno in questo periodo, dopo le 17 non troverete praticamente nulla di aperto, chiude tutto! Abbiamo fatto giusto in tempo a visitare una cantina che produce vini con il mango. I “vini” son quel che sono, ma il liquore da mettere sul gelato non era male e ne abbiamo presa una bottiglia. Sui voli nazionali si può portare a bordo da bere, bottiglie d’acqua o di vino, non è un problema.

Finito il soggiorno a Palm Cove il mattino seguente abbiamo preso il traghetto per Green Island. Il traghetto era compreso nella prenotazione avendo deciso di spendere una notte sull’isola(per gli orari basta scrivere al lodge, vi indicheranno quelli disponibili e sceglierete voi quelli che vi vanno meglio), cosa che consiglio vivamente se ve lo potete permettere (meglio ancora 2-3 notti). L’isola è meravigliosa per non parlare dei coralli e dei pesci. Dopo le 16:30 sull’isola restano solo gli ospiti del lodge, alle 17:00 dal pontile danno un po’ da mangiare ai pesci della barriera e si vedono tanti pesci, squali compresi, alle 17:15 aperitivo in spiaggia con champagne, birra o succhi di frutta per ammirare il tramonto, favoloso! Cena sull’unico ristorante dell’isola, a pagamento, e giorno successivo ancora dedicato allo snorkeling. Tutta l’attrezzatura è noleggiabile al centro diving dell’isola, vi consiglio di fare presto perché se finiscono le mute della vostra taglia restate a piedi e d’inverno l’acqua è freschina. Per chi dorme al lodge tutta l’attrezzatura è compresa. Se posso suggerirvi, quando siete in spiaggia guardate sulla tabella del bagnino gli orari di alta e bassa marea, con la bassa vi assicuro che si fa fatica a tornare a riva, le nuotate più belle erano al mattino con l’alta marea quando si poteva girare tra i coralli tranquillamente senza l’ansia di strisciarci addosso

  • 42425 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Francesca D'Angelo
    , 3/9/2012 15:42
    scusate sto organizzandomi per il mio primo viaggio in australia e volevo sapere se esiste la possibilità di fare un unico biglietto aereo roma-melbourn - Brisbane, Cairns, adelaide direttamente dall'agenzia Italiana?
    grazie

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social