Australia (quasi tutta) e un veloce contatto con Tokyo

Mare, giungla, deserto, città: Australia, cosa vuoi di più?

Diario letto 17019 volte

  • di Stefano1966
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Oltre 3000 euro

Cosa si può acquistare in questo posto folle con una temperatura esterna di 38 gradi? Un bel maglione di lana! Si prova ancora a fare un giro per i negozi, ma siamo cotti e torniamo dal solito Starbuks a rifiatare. Quindi per andare a Narita, questa volta, si prende una comoda navetta da hotel che costa come il treno, ma è molto più veloce. Si decolla alle 21,30 in un A330 della Jetstar che ha un microclima artico.

17 agosto

Ore 5,30, si atterra a Cairns, Australia: controlli di frontiera veloci con funzionario gentile che commenta simpaticamente il nostro programma di viaggio: in 4 settimane vedrete più di quanto io possa vedere del mio paese in una vita! Attesa in aeroporto per volo delle 10,30 diretto a Sidney. Volo di 2,5 ore per Sydney che si presenta coperta di nubi e con pioggerellina fine, ma non fastidiosa: ci sono circa 17 gradi. Prendiamo pulmino privato che ci porta in hotel: si tratta di edificio di 30 piani organizzato in vari appartamenti; il nostro - 22* piano - è grande (80/90 mq), con due camere, due bagni, cucina, lavanderia, soggiorno e bellissima vista su grattacieli. Subito a spasso per la città: un po' Ny, un po' Londra, molto carina. Spesa e cena in hotel, dove ci addormentiamo subito (alle 20, qualcuno anche prima).

18 agosto

La mattina il tempo è migliorato e spunta un bel sole. Visitiamo il centro e arriviamo alla Sudney Opera House e al Circular Quay, di fronte c'è il ponte di ferro (Harbour Bridge). Vogliamo fare le foto con la mitica Nykon, ma durante il viaggio è rimasta accesa e la pila è scarica: siamo sicuri che domani, una volta caricata, il tempo sarà fetente!

La baia è bellissima; anzi la più bella anche rispetto a Frisco e NY. Foto con Iphone e macchinetta Canon, filmino HD con videocamera.

Facciamo due passi sulla banchina e ci fermiamo a pranzo di fronte all'imbarco dei traghetti che solcano la baia per raggiungere le varie località della città. Prendiamo il traghetto che raggiunge Darling Habour; il viaggio è molto carino: si attraversa la baia e si passa sotto il ponte, poi si prosegue all'interno e si raggiunge DH che è davvero carino con il suo ponte girevole di legno. Tutto il porticciolo è circondato di locali e ristoranti. Visita da Hard Rock Café per comprar la magliettama non hanno la taglia: ci accontentiamo di portachiavi, dopo avere saputo che non ci sono altre sedi salvo una sulla costa ovest (dove proprio non andremo) e una a Surfers Paradise, vicino Brisbane: vedremo! Ancora passeggiata in città per raggiungere Oxford Street che è un po' una delusione. Stanchi rientriamo verso Hotel passeggiando per vie residenziali con casette a due piani di tipo inglese. Spesa per cena e cena a casa. Si vede il TG di SKY sull'Ipad e si scarica il Corsera.

19 agosto

La giornata inizia presto (un po' di insonnia); il tempo è brutto (piove) anche se speriamo che cambi presto perché l'idea era di andare con il battello a Manly e con il bus a Bondi Beach. Ora finisco questi appunti e usciamo. Visto il brutto tempo decidiamo di prendere la monorotaia sopraelevata che va verso Darling Harbour e poi la metropolitana leggera che ferma a Fish Market. Appena arrivati, gabbiani che 'urlano' e odore di pesce, entriamo al mercato. Montagne di ostriche di varie tipologie e forma (pare che gli abitanti di Sydney siano i più grandi consumatori), gamberi, aragoste, altri crostacei, pesci giganteschi. Scopriamo l'esistenza delle aragoste di Tasmania: dei mostri enormi (2/3 kg) scure e fortissime che lottano furiosamente quando vengono messe sulla bilancia per la vendita. Facciamo uno spuntino al banco che vende pesce da asporto e da cucinare: mezza aragosta (al di sotto delle aspettative) ottimi gamberoni alla griglia e fritti

  • 17019 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social