Perth-sydney in auto-2

E ricomincio... eravamo rimasti a mundrabilla, questa stazioncina di servizio in mezzo al deserto chiamato "nullarbor plain", perché privo di vegetazione per miglia e miglia. la cena la si consuma in un localino della stazione di servizio, tende e tovaglie ...

Diario letto 3148 volte

  • di eloisa_v
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia

E ricomincio...

Eravamo rimasti a mundrabilla, questa stazioncina di servizio in mezzo al deserto chiamato "nullarbor plain", perché privo di vegetazione per miglia e miglia.

La cena la si consuma in un localino della stazione di servizio, tende e tovaglie a quadretti bianchi e rossi, fuori un cane che rincorre delle oche e si diverte un mondo. Il menu é quello tipico dei pubs: pollo con moooooolta salsa, e verdure (piselli e zucca), patata (una ) e broccolo (uno). Due bicchieri di latte e una fettona di torta alle mele annegata nella salsa di vaniglia!!!! i camionisti sorridono tra i pochi denti e i molti tatuaggi. La padrona é davvero grassa e davvero gentile. La tratta é stata lunga, 650 km. Per niente faticosa però. Quello che ci ha colpito di più é stato guardare nel retrovisore e vedere esattamente lo stesso paesaggio che stava di fronte a noi: la strada era deserta e così diritta, che le due visioni corrispondevano!!! nemmeno un canguro o un cespuglio a fare la differenza.

Mundrabilla-ceduna ceduna é una cittadina del south australia, sulla costa. Da mundrabilla a ceduna ci sono molte cose da vedere: le dune bianche di eucla, al confine tra western australia e south australia, le scogliere alte fino a 100 metri a picco sull'oceano e laghi salati che si alternano ad immensi campi di grano.

Partenza dal motel alle 7.30. (nota: il cane é sempre lì che corre e le oche sono sempre lì che scappano...!!!). Alle 8.00 imbuchiamo una stradina in terra battuta che ci porta ad eucla. Il posto é magnifico, ed a quest'ora la luce é stupenda. Infiliamo le scarpe da trekking e ci avviamo per un giro nelle dune. Sono candide, e la sabbia é finissima. Lontano lontano vediamo l'oceano. Ogni tanto capita di vedere una rovina di una vecchia costruzione mezza sommersa dalle dune che viaggiano velocemente. da dietro un cespuglio spuntano due emù... Questi piccoli struzzi hanno un caratterino parecchio irascibile. Mamma ed io non vorremmo sicuramente irritarli per provare il loro becco. Così ci mascheriamo in perfette cacciatrici, a 4 gambe e sottovento decidiamo di seguirli ed avvicinarli. La cosa funziona benino. A poco meno di dieci metri da loro, ci vedono, ma ci snobbano, e noi li fotografiamo e ce ne andiamo subito. Non ci piace disturbare chi fa colazione! passiamo il controllo di frutta e verdura ed entriamo nel nuovo stato, avanzando gli orologi di 3/4 d'ora.

A poca distanza dalla strada i cartelli indicano i belvedere sul "great australian bight" (il grandioso morso australiano), che , a differenza del "great australian white"(lo squalo bianco), non attacca. Il great australian bight é una formazione di scogliere a picco sull'oceano. Viste dall'alto si presentano come una curva frastagliata nella terra australiana, ricordando un morso, appunto. In questo punto le scogliere sono particolarmente alte ed imponenti. Mentre mi sporgo a vedere giù, mia madre urla, come tutte le madri. Allora decido di tornare indietro. Ma non prima di avere scattato una qualche foto. Nella stagione giusta di qua si possono osservare le balene nelle loro migrazioni stagionali.

Ci fermiamo per pranzo in una boscaglia. Appena posizionate le sedie però ci assale uno sciame di vespe che aveva il nido proprio nel suolo, sotto al mio sedere!!! raccogliamo armi e bagagli e ce ne andiamo: che bestioline suscettibili perdio! ma torniamo a noi: vi consiglio di prendere delle stradine in terra battuta secondarie, per raggiungere ceduna: ce n'é una che porta all'oceano ed ad un paesino di pescatori alquanto grazioso, passando per un paio di laghi salati dai colori stupefacenti. Ritornando nell'entroterra si passa per pascoli enormi e campi di grano infiniti: siamo nel granaio d'australia. Qui pascolano pure tantissime pecore. Animali stupidi. Appena uno si avvicina scappano a migliaia, disordinatamente. Non hanno conquistato la nostra simpatia

  • 3148 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social