Viaggio di nozze in Australia

Questo è il diario del viaggio di nozze in Australia di Fre e Saretta, freschi sposini il 27 Luglio 2008 e subito partiti due giorni dopo, il 29 Luglio, per l’Australia, per un fantastico viaggio di 4 settimane con soste ...

Diario letto 12091 volte

  • di Frerroviere
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia

Questo è il diario del viaggio di nozze in Australia di Fre e Saretta, freschi sposini il 27 Luglio 2008 e subito partiti due giorni dopo, il 29 Luglio, per l’Australia, per un fantastico viaggio di 4 settimane con soste ad Hong Kong e Singapore. Con l’aiuto della mitica Lonely Planet, della ‘quasi’ altrettanto mitica agenzia Australia Alternativa di Roma e della nostra fantasia abbiamo deciso prima della partenza tutte le tappe, i noleggi auto ed i pernottamenti. L’itinerario partorito è stato quindi:

• 3 giorni ad Hong Kong, per spezzare il volo diretto da Roma a Sydney

• 3 giorni a Sydney, per entrare in Australia dalla ‘porta principale’

• 3 giorni a Kangaroo Island, passando per Adelaide

• 1 giorno a Darwin

• 3 giorni in 4x4 al Kakadu National Park

• 4 giorni in 4x4 dal Kakadu National Park fino ad Ayers Rock attraverso l’outback

• 1 giorno a Cairns, dopo esserci lasciati alle spalle il deserto del ‘Red Centre’

• 3 giorni nella foresta pluviale di Daintree

• 1 altro giorno a Cairns

• 3 giorni a Green Island sulla barriera corallina

• 2 giorni a Singapore, per ritardare il più possibile il momento del rientro...E spezzare anche al ritorno il volo diretto dall’Australia all’Italia

- 29 LUGLIO

Con le immagini del matrimonio ancora negli occhi e le valige preparate in tutta fretta la sera prima(!) alle 11 siamo a Fiumicino per imbarcarci sul volo Cathay delle 13.50 con destinazione Hong Kong. Il volo procede tranquillo: tra pranzi, cene e colazioni Saretta si imbarda con i tappi per le orecchie e la mascherina e, grazie al cuscino e alla coperta forniti dalla Cathay, riesce a dormire come una bambina! Per Fre le cose sono meno semplici...Ma ci sono anche i film!

- 30 LUGLIO

Dopo 12 ore di volo, alle 7.05 ora locale, si atterra ad Hong Kong. Recuperiamo i bagagli e via in taxi, una fantastica Toyota Crown Comfort rossa d’annata, verso il nostro albergo, il Regal Oriental a Kowloon. Per il nostro orologio biologico è mezzanotte, quindi caschiamo dal sonno, però abbiamo letto dovunque che per adeguarsi in fretta al nuovo fuso bisogna forzare il proprio corpo al nuovo orario...Quindi dovremmo rimanere svegli! Ma due ore di sonno ce le concediamo...E, dopo una doccia rigenerante, a mezzogiorno siamo pronti ad esplorare la città! Shopping per Tsim Sha Tsui, foto davanti al Peninsula Hotel, poi con lo Star Ferry, il traghetto, attraversiamo il canale fino all’isola di Hong Kong. Fa un caldo umido terribile ma le luci, il fiume di gente, i grattacieli, le bancarelle dei mercati sono uno spettacolo! Non è proprio tardo pomeriggio quando ci infiliamo in un ristorante per la nostra ciotola di riso e pollo...Ma in fondo abbiamo sei ore di jet lag da superare!!!

Sul far della sera riprendiamo il ferry e torniamo in albergo...Siamo un po’ “cotti”...Come prima giornata può bastare! Prima di rientrare però ci fermiamo all’ufficio informazioni del Pier per chiedere lumi su un’eventuale gita a Macao per il giorno successivo! Non ci mettiamo molto a farci convincere...

- 31 LUGLIO

I traghetti per Macao partono con cadenza oraria...Quindi senza fretta, vista l’abbondante colazione “full” che ci regaliamo al Regal Oriental e concedendoci un altro po’ di shopping, ci dirigiamo al porto. Il viaggio dura un’ora ed è anche piacevole...Verso mezzogiorno siamo a Macao e dopo una fila estenuante per il visto (mamma mia! ma prima funzionava così anche in Europa?!?) siamo pronti per visitare la città!

Purtroppo piove e capiamo subito che il porto dove siamo arrivati è abbastanza distante dalla città...Ma non ci perdiamo d’animo ed in breve siamo sull’autobus verso il centro. Scendiamo non appena scorgiamo gli imponenti profili dei casino e ci addentriamo nei vicoli. Ma diluvia che Dio la manda...Ed i nostri ombrelli sono rimasti nelle valige! Fortunatamente troviamo un emporio dove compriamo 2 scintillanti ombrelli cinesi...Saranno i primi ma, ahimé, non gli ultimi!

Ora siamo davvero pronti a scoprire le meraviglie di questa ex colonia portoghese: passiamo davanti alla dorata facciata barocca del casino Lisboa, passeggiamo tra negozi di elettronica ed arriviamo al Largo do Senato, bellissimo coi suoi ciottoli bianchi e neri! Continua a piovere ma noi ci addentriamo ancora nei vicoli dei mercati, dove insistenti signore vogliono a tutti i costi farci assaggiare pezzetti di carne di maiale dolce, fino ai resti della chiesa di S. Paolo. L’abbiamo letto sulla guida che vale la pena visitarla...Ma trovarsi dal vivo di fronte ad una Chiesa della quale è rimasta in piedi solo la facciata non è un’esperienza che capita di frequente!

Veniamo riportati alla realtà dal brontolio del nostro stomaco...Che ci ricorda che è ormai pomeriggio e non abbiamo pranzato! Facciamo allora una sosta in un ristorante dove Saretta si concede un piatto di noodles, gli spaghetti cinesi, ed io una fetta di torta

  • 12091 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. isotta.b
    , 23/3/2011 23:05
    Ciao!
    Anch'io ho adorato il vostro viaggio di nozze!!!! Soprattutto l'itinerario in Australia è quello che vorrei fare anch'io!
    Posso essere sfacciata e chiedervi anch'io le stesse cose che vi ha chiesto Boddy quasi un anno fa?
    In più vorrei sapere se avete organizzato tutto da soli o vi siete appoggiati ad una agenzia.
    Ciao e grazie
    La mia mail è isotta.b@libero.it
  2. BODDY
    , 22/3/2010 18:40
    Ciao
    mi è piaciuto il racconto.sto organizzando il mio viaggio di nozze cn partenza ad agosto che dovrebbe toccare tutte le tappe che avete fatte. mi sai dare qualche dettaglio in + su hotel di Sydney, Lodge di kangaroo island, il resort di kakadu e hotel di katherine.
    un altra domanda.noi si pensava di fare 4 giorni di relax a green island ma,come hai detto nel racconto, la critica che ho sentito è il fatto di sentirsi come in prigione con orde di turisti che arrivano ad ogni ora del giorno.
    dopo tutto tu la consiglieresti?
    ciao grazie ecco la mia mail: bodratoluca@yahoo.it

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social