Ad Atene si respira la storia, ma non solo!

Tutto quello che c'è da sapere per vivere la città un po' da turisti e un po' da veri greci!

 

A cura di Ornella (@puccy) e Renata (@Artemisia59), guide per caso della Grecia

A cavallo fra Occidente e Oriente, luccica bianca e sospesa su quel lembo di terra contornato dal mare che fu la culla della civiltà occidentale. Ad Atene si respira la storia: si verifica uno strano fenomeno per cui il viaggiatore sarà portato a sentirsi parte della città, come le foglie appartengono alle radici di un albero.

La prima volta

Ci sono dei luoghi irrinunciabili che appartengono all’immaginario collettivo e che non possono assolutamente mancare nel programma di un primo viaggio ad Atene.

L'Acropoli: Per avere una vista del Partenone improvvisa e strepitosa, conviene salire da Nord-Ovest, seguendo la via Dioskuron dopo i negozietti della Plaka, poi a destra lungo la Theorias, infine a sinistra per l'unico ingresso dell'Acropoli. Si accede attraverso i Propilei, magnifico portico di marmo pentelico, e da qui inizia un viaggio nella storia senza uguali: intorno al Partenone, l'Eretteo, il tempio di Atena Nike, l'Odeon di Erode Attico, il Teatro di Dioniso... Solo la vista dalla cima dell'Acropoli è un'emozione unica. Dall'Odeon di Erode Attico, si può attraversare la via principale e seguire una qualunque delle strade in salita: si arriverà in cima alla Collina di Filopappo, da cui si gode un altro scenografico panorama.

Il biglietto di 12 euro, comprende anche la visita del Museo dell'Acropoli e dell'Antica Agorà con il meravigliosamente conservato Tempio di Efesto (si ammira dalla strada appena percorsa) e la restaurata Stoà di Attalo, che ospita un Museo. Non si dimentichi però che il vero, storico museo di Atene è il Museo Archeologico Nazionale (zona Omonoia, ingresso 7 euro), uno dei più importanti musei al mondo, e la cui visita difficilmente si riuscirà a completare in una sola volta.

I musei di Atene: Oltre al citato e imperdibile Museo Archeologico Nazionale la città è ricchissima di musei di ogni genere, ma ci limiteremo ai più importanti. Nella zona di Plaka ci sono il Museo dell'Arte Popolare Greca e il Museo Kanelopoulos (dove è raccontata la storia di Atene dal III millennio a.c. Al XIX sec.). Nella zona di Syntagma abbiamo invece 4 musei importanti il Museo Benaki (dal nome del collezionista che la donò allo Stato), il Museo della Guerra (vi si trovano equipaggiamenti militari, ma anche testimonianze storiche e di vita), la Galleria Nazionale, di recente ampliata, il Museo Bizantino.

Cambio della guardia: Gli Evzones in gonnellino davanti al Parlamento in Piazza Syntagma, sono uno dei simboli di Atene. La domenica mattina alle 11, o negli altri giorni ad orari variabili, potrete ammirare questi bei giovanotti con il gonnellino dalle 150 pieghe (gli anni della dominazione turca), darsi il cambio davanti alla tomba del Milite Ignoto.

Collina del Licabetto: Per una serata romantica, è molto particolare salire al tramonto su questa collina che domina Atene (in funicolare o a piedi). La vista spazia fino al mare e, nelle giornate limpide, fino all'isola di Egina. Vedere accendersi le luci della città è molto suggestivo, e si può anche cenare sul posto.

CON POCO TEMPO

Se siete di passaggio, se avete pochissimo tempo a disposizione o, semplicemente, vi piace guardarvi intorno ascoltando una guida, ecco cosa fa per voi.

City Bus: Un tour con il pullman turistico a due piani che ferma vicino ai luoghi di interesse turistico. Vengono proposti 2 itinerari diversi, il biglietto costa 18 euro per un solo itinerario e 22 euro per entrambi, dura tutto il giorno, così si può salire e scendere a piacimento

  • 7350 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Mileno Spinadin
    , 29/1/2016 16:26
    Mi è piaciuta molto la vostra "visita di Atene". Sono stato una decina di volte ed anche con amici italiani e con una amica di Atene. Il traffico è caotico ed è proprio con una gran parte di strade a senso unico è lunghissime,tanto che da casa dell'amica andavamo a piedi in 15 minuti da un altro,perché con l'auto ci avremmo messo circa 45 minuti. Ho frequentato molto spesso la zona di piazza Omonia,perché in quella famosa farmacia trovavo tutto quiello che vilevo e nno c'era altrove.Veramente avete fatto una descrizione perfetta. Auguri e cordialità.
    P.S. mia moglie parlava greco,nata in Dodecanneso ed era grande comodità. Attenti ad una cosa:molte vie si ripetono nwl nome,perciò occorre specificare il quartiere.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social