Argentina e Cile

Un viaggio indimenticabile

Diario letto 1347 volte

  • di Simona Mangini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Oltre 3000 euro

Arriviamo a Buenos Aires in mattinata presto, rinfrescatina in albergo e passeggiata nel quartiere di Sant’Erasmo, pranzo veloce e incontro con la guida per il tour della città con i suoi caratteristici quartieri, fra cui il quartiere Boca dove spiccano le casette colorate, la Bombonera, stadio del Boca Junior e tantissimi locali. A seguire ripassiamo da Sant’Elmo, poi passiamo da Playa de Mayo bellissima piazza conosciuta per la Casa Rosada ma anche per le numerose manifestazioni delle madri dei Desparcidos. Da qui passiamo al quartiere Palermo dove ci accoglie un parco bellissimo all’interno del quale spicca una scultura molto particolare fatta con i pezzi degli aerei raffigurante un fiore i cui petali si aprono alla luce del sole e si chiudono quando fa buio. Il nostro tour termina con il quartiere la Recoleta, quartiere definito “in” dove si trova il cimitero con la tomba di Evita Peron. Al mattino seguente partiamo molto presto per Trelem e da qui ha inizio il giro nella penisola di Valdes.

Partiamo con la macchina per un bellissimo tour, durante il quale visiteremo posti fantastici e proveremo emozioni indescrivibili. Cominciamo da Punta Tombo dove vive una colonia di pinguini di Magellano, siamo circondati da questi simpatici esemplari, ce ne sono a migliaia, alcune femmine covano i loro piccoli, altri se ne stanno li placidamente a farsi osservare, camminare in mezzo a loro è veramente fantastico ed emozionante. Nel pomeriggio partiamo alla volta di Puerto Madryn dove ceniamo e pernottiamo. La mattina seguente raggiungiamo la località balneare per un escursione in barca per assistere ad uno degli eventi più emozionanti del viaggio, ovvero l’incontro con le balene. Dapprima arrivano i delfini, ci accompagnano un po' durante la navigazione e finalmente eccole le balene con i loro balenotteri che sembrano voler giocare con noi l’emozione è fortissima.

Dopo questa bellissima esperienza partiamo alla volta di Punta Delgada, qui pernottiamo in un faro, su una spiaggia dove vive una colonia di elefanti marini, sono tantissimi, spiaggiati sulla costa, il paesaggio è bellissimo , l’atmosfera al tramonto, unica!

La mattina dopo partiamo per Trelew passando per da Punta Norte dove speriamo di avvistare le orche, ma purtroppo queste non si fanno vedere, pazienza, sapevamo che poteva essere molto difficile, e cosi dopo una pausa pranzo a Porto Piramides arriviamo in albergo, la mattina seguente abbiamo il volo da Buenos Aires e da lì a Calafate, poi 3 ore di pulman per la nostra prossima destinazione, El Chalten,

El Chalten si trova ai piedi di due delle montagne più belle al mondo, il Fitz Roy e il Cerro Torre. Il percorso per arrivare alla laguna del ghiacciaio è bellissimo, attraverso sentieri circondati da boschi e ghiacciai, accompagnati dalle cime di queste imponenti montagne, l’ultimo pezzo si rivela molto impegnativo ma una volta arrivati veniamo ripagati della nostra fatica, la laguna è bellissima, l’emozione unica, pare veramente di stare dentro una cartolina.

Il giorno dopo ci aspetta un’altra passeggiata naturalistica per raggiungere il Mirador Cerro Torre. Paesaggi mozzafiato ci accompagnano lungo il sentiero fino a raggiungere il punto dove la montagna si staglia davanti a noi in tutta la sua magnificenza.

Ecco arrivato il giorno del Perito Moreno uno dei ghiacciai più famosi al mondo, ci imbarchiamo per una piccola crociera che ci porta proprio sotto il ghiacciaio, è veramente emozionante, ogni tanto sentiamo il rumore del ghiaccio che si stacca e pare davvero che questo abbia vita. Una volta scesi dalla barca facciamo un passeggiata sul camminamento intorno al ghiacciaio per poterlo ammirare attraverso diverse prospettive. Ed ecco avverato il sogno di una vita!

Oggi giornata intera di navigazione sul Lago Argentino per raggiungere altri 2 ghiacciai. Attraverso lo stretto del Diavolo, chiamato così perché il punto più stretto del lago, ci avviciniamo al ghiacciaio Upsala che non possiamo raggiungere perchè ritenuto instabile e quindi pericoloso. Continuando la navigazione in mezzo a grandi pezzi di iceberg, raggiungiamo il ghiacciaio Spiegazzini, ghiacciaio bellissimo ed imponente. Finita quest’escursione andiamo al museo del ghiaccio, anche questo molto interessante

  • 1347 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social