Puna Argentina, un altopiano andino dalle mille sfaccettature

Il mio primo viaggio con avventure nel mondo. Il mio primo viaggio, non di lavoro, al di fuori dell’Europa: Argentina. In particolare il Nord-Ovest argentino, la Puna, altopiano andino dalle mille sfaccettature.

Diario letto 484 volte

  • di Pennywise1982
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 8
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Il mio primo viaggio con avventure nel mondo. Il mio primo viaggio, non di lavoro, al di fuori dell'Europa: Argentina. In particolare il Nord-Ovest argentino, la Puna, altopiano andino dalle mille sfaccettature. La compagnia, gli autisti/guide, i luoghi, tutto perfetto. Non avrei potuto chiedere di meglio. È stato un viaggio incredibile.

Giorno 1 – sabato 30 marzo 2019

Partenza da casa intorno alle 10. Dopo aver lasciato la macchina al comodo Central Parking di Malpensa sono giunto in aeroporto alle 11.30 con largo anticipo: la partenza del volo è programmata per le 15.15. Mangiata l'ultima pizza, nel primo pomeriggio, ho incontrato i miei compagni di viaggio: tre uomini e tre donne. Sono il piccolo del gruppo. A primo impatto, cosa che si confermerà nei giorni successivi, mi sono sembrati tutti molto simpatici. Atterraggio a Roma alle 16.30 ed incontro con la nostra coordinatrice. Decollo, alle 18.30, per Buenos Aires che raggiungeremo dopo ben 14 ore di volo!

Giorno 2 – domenica 31 marzo 2019

Alle 4.30, ora locale e quindi 5 ore indietro rispetto all'Italia, siamo atterrati a Buenos Aires. Purtroppo ad uno dei partecipanti è stato smarrito il bagaglio che che per fortuna verrà recapitato tre giorni dopo. Intorno alle 7 del mattino è partito il nostro volo per Salta, raggiunta un paio d’ore dopo. Dopo un breve briefing con il titolare dell’agenzia che ha fornito gli autisti abbiamo lasciato in Albergo, l’Inti Masi, i nostri bagagli e siamo usciti per un giro in centro. Salta è una città di medie dimensione con un ricco patrimonio storico coloniale. La vita sembra scorre placidamente ma devo ammettere che, come gran parte delle piccole cittadine che abbiamo visitato, non mi ha colpito particolarmente. Probabilmente faccio ancora fatica ad impedirmi di fare paragoni con le nostre bellissime città italiane. Oggi città andrebbe giudicata in base al contesto nel quale si trova. Dopo aver girovagato in po’ ci siamo fermati in nella in piazza 9 Luglio, che è la principale, cercando un posto dove mangiare un boccone. Ho avuto modo di provare le prime empanadas: fagottini di pasta ripieni di carne. A primo impatto mi sono sembrate buone ma, tutto sommato, si riveleranno le peggiori di tutta la vacanza. Nel primo pomeriggio abbiamo visitato il MAAM (Museo de Arqueología de Alta Montaña). Molto interessante soprattutto perché ospita le tre mummie inca trovate nel vulcano Llullaillaco. La loro storia è agghiacciante: i bambini venivano selezionati come i più puri e sani del villaggio, prelevati dalla propria casa, nutriti del cibo migliore e, dopo mesi di preparazione, condotti in cima a una montagna, a 6000 metri di altitudine, quindi sacrificati agli dei, soffocati, uccisi con un colpo alla testa o bruciati vivi. Accanto al museo vi è un interessante mercato/esposizione di prodotti di artigianato locale. Dopo un buon caffè abbiamo deciso di vedere la città dall’alto, in cima al Cerro San Bernardo dal quale si gode di un’ottima vista panoramica. Vi era la possibilità di salire con una teleferica ma abbiamo optato per una passeggiata a piedi: giunti in cima eravamo madidi di sudore! Bella comunque la vista da lassù. Ridiscesi dopo una doccia rigenerante in albergo siamo andati a mangiare una ottima parrilla (grigliata) al Viejo Jack II, distante un paio di chilometri. Il clima caldo e umido, insieme alla nottata in aereo, ci ha sfiancati. Intorno alle 22.30 eravamo tutti a letto

  • 484 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social