Il viaggio di una vita in Argentina: Buenos Aires, Iguazù, Patagonia e Terra del Fuoco

Viaggio di nozze in Patagonia semi-organizzato

Diario letto 46579 volte

  • di silvia979
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Io e mio marito Stefano condividiamo da sempre la passione per i viaggi, Lonely Planet in tasca e tanto entusiasmo con cui progettare le nostre vacanze fai da te, possibilmente in luoghi a stretto contatto con la natura. E con lo stesso spirito abbiamo iniziato a progettare il viaggio di nozze per la tanto desiderata Patagonia!

Fin da subito ci è stato chiaro che il viaggio, un po’ per le distanze, un po’ per le condizioni geografiche e lo scarso tempo a disposizione (3 settimane non sono tante per una terra sterminata come l’Argentina!) andava studiato in maniera dettagliata dal punto di vista logistico in modo da ottimizzare costi e spostamenti…tuttavia non volevamo affidarci ad un tour organizzato standard, ma vivere un’esperienza costruita su misura da noi e per noi!

E così leggendo qualche diario di viaggio su Turisti per Caso abbiamo trovato il riferimento di “Argentina con noi” (http://www.argentinaconnoi.com/italiano/chi_siamo.htm), un’agenzia di Buenos Aires, specializzata in viaggi in Argentina e Patagonia, ma anche in altri paesi del Sud America, con la quale abbiamo deciso di prendere contatti… ci convincevano alcuni commenti che spiegavano come non organizzassero i classici tour, ma fornissero il supporto organizzativo e logistico che noi volevamo ricevere..

Certo affidare il proprio viaggio di nozze a qualcuno di cui hai letto su internet può sembrare un po’ avventato, ma Andrea (il titolare di “Argentina con noi”) è di origini genovesi “doc” come noi e ci ha fornito referenze che abbiamo opportunamente

Verificato (ottime!) ed a posteriori possiamo dire che il viaggio è stato assolutamente perfetto…abbiamo dettato noi l’itinerario, perfezionato ovviamente con i suoi preziosi consigli; Andrea ci ha seguito per tutta la parte di organizzazione, prenotazioni, trasferimenti, escursioni ed è stato un punto di riferimento costante sul posto per tutta la durata del viaggio! Dovessimo ritornare ci affideremmo sicuramente a lui, perché, oltre ad aver fatto funzionare tutto perfettamente, ha la capacità di adattare il suo supporto alle tue necessità.

Ma veniamo al diario dell’avventura!

Siamo partiti il 29 Novembre da Genova, via Parigi con arrivo a Buenos Aires al mattino del 30 Novembre; dopo il trasferimento all’Hotel Reino del Plata (zona micro centro) ed il meeting organizzativo con Andrea, partiamo per il giro della città: Plaza de Mayo , la Catedral, il Caminito, Recoleta ed il quartiere di Palermo..un assaggio di Buenos Aires che non può non concludersi con un assaggio di gelato al Dulce de Leche (gusto di caramello che troverete ovunque in Argentina)! La sera passeggiata lungo l’area moderna di Puerto Madero e parrillada di carne a “Siga la Vaca”…poi tutti a nanna..

Il giorno successivo, 1 Dicembre, la giornata è dedicata alla passione di mio marito: il calcio. Passando attraverso il quartiere di San Telmo (è domenica e troviamo il famoso mercatino dove compriamo qualche souvenir!), arriviamo al quartiere della Boca dove Stefano si scatena in mille fotografie dello stadio e del Museo de la Pasión Boquence… se vi piace il calcio imperdibile.

Come imperdibile è l’opportunità di assistere ad una partita nella capitale! E noi riusciamo a vederne ben due: al pomeriggio siamo al Nuevo Gasometro a vedere il San Lorenzo De Almagro contro Estudiantes e la sera al mitico Monumental per River Plate - Argentinos Juniors! Emozioni completamente diverse: il San Lorenzo gioca per il titolo di apertura del campionato argentino e l’entusiasmo è alle stelle (poi in realtà il San Lorenzo pareggerà 0-0 e andrà a vincere il titolo la domenica successiva), mentre al Monumental un River in crisi di risultato non riesce ad entusiasmare il pubblico, pur vincendo 1-0. Per fortuna il Boca giocava fuori casa altrimenti mi toccava la tripletta!!!!! In tutto questo sono riuscita a ritagliarmi un pranzo al ristorante “Estilo Campo”, sempre in zona Puerto Madero, consigliatissimo.

Il 2 e 3 Dicembre sono dedicati a las Cataratas del Iguazú, le cascate al confine tra Argentina, Brasile e Paraguay, dove, in una splendida scenografia potrete avvistare iguane, tucani, scimmie, coates, farfalle multicolori e tante specie di uccelli…percorrete il paseo superiore ed inferiore e raggiungete la Garganta del Diablo…se poi siete fortunati provate a raggiungere l’Isla San Martin (quando ci siamo stati noi non era possibile a causa del livello dell’acqua…)

  • 46579 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Diego Núñez
    , 19/9/2014 03:12
    Non perdetevi la escurzione alle cascate con la luna piena. Secondo gli italiani e' uno spettacolo mai visto da nessuna parte. Io abito a Buenos Aires, se avete bisogno di qualche consiglio da un argentino parlante italiano.
    Cordialita',
    Diego

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social