Andalucia, tra sole e pioggia

Una settimana tra Siviglia, Granada, Ronda e Cordoba

Diario letto 2523 volte

  • di atena82
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

13-20 novembre

Partenza da Venezia alle ore 7,00 con volo diretto a Siviglia, in perfetto orario. Preleviamo da Hertz l'auto prenotata tramite booking.it (non ci consegnano quella prenotata ma una più piccola) e partiamo... Non avevo programmato "ufficialmente" se andare subito a Granada, nostra prima tappa, oppure fermarci in qualche località alternativa prima di dirigerci li. Decidiamo sul momento di visitare Carmona, cittadina a pochi chilometri da Siviglia. Case bianche, piastrelle dipinte dietro ai portoncini aperti, inferriate alle finestre, un concentrato di quello che vedremo nei prossimi giorni! Ben conservato il centro storico, vediamo le mura con le porte di accesso e la Cattedrale.

Pranzo con un bocadillo da 100 Montaditas e riprendiamo l'auto. Ci aspettano 2 ore di viaggio circa in paesaggi bucolici. Parte dei chilometri sono su strade a una sola corsia per senso di marcia, ma non incontriamo molte altre autovetture e così giungiamo a Granada tranquillamente. Lasciamo l'auto al Park Alsina vicino al centro e ci dirigiamo a piedi al Hostal prenotato tramite booking: Rodri. Avrebbe un parcheggio interno ma non fidandoci delle strette strade del centro abbiamo deciso di non approfittarne. Il personale dell'hostal si rivela molto gentile e si prodiga nel darci consigli utili anche su dove cenare. Noi ci sistemiamo un attimo e usciamo subito perché alle 17,30 avevo prenotato da casa via web la visita gratuita alla Capilla Real. Ci andiamo di corsa e la visitiamo. In occasione dell'entrata gratuita non è possibile avvalersi dell'audioguida pertanto leggiamo quanto scritto nella guida che abbiamo portato con noi, gentilmente prestatami da un'amica (Erica).

Torniamo in camera dopo una visita intorno alla cattedrale e un salto veloce all'Alcaiceria, ci cambiamo e usciamo per la cena. Seguendo il consiglio del proprietario dell'hostal ci rechiamo da Entrabrases un tipico tapas bar affollato, ordiniamo una birra e un bicchiere di vino e chiediamo un piattino di carne che vediamo dare agli altri avventori, il cameriere ce lo porta dicendoci che è gratis, si conferma quindi quanto ho letto: a Granada persiste la tradizione di dare gratuitamente una tapa con quanto viene ordinato da bere. Decidiamo di restare per la cena e quando si libera un tavolo, ce ne sono 4 in tutto, ci accomodiamo...su quegli alti sgabelli che detesto... Fortunatamente ciò che ordiniamo ci soddisfa molto e usciamo contenti. Facciamo una breve passeggiata e poi andiamo a dormire.

Giovedì 14 novembre ci svegliamo presto, il tempo non promette nulla di buono ma noi abbiamo tante cose da vedere così usciamo e dopo una colazione in un elegante bar andiamo verso l'Albaycin passando per Plaza Nueva. Camminiamo prima lungo il Duoro, ammirando alcuni scorci, poi ci inoltriamo nello storico quartiere arabo, raggiungendo il Mirador de Sant Nicolas dove alcuni gitani stanno suonando musica tipica. Facciamo alcune foto al panorama sull'Alhambra che apre il cuore e riprendiamo la nostra passeggiata. Mentre stiamo per tornare verso il Dauro inizia a cadere qualche goccia di pioggia. Ci fermiamo a bere una cioccolata calda e, dopo, raggiungiamo il centro dove andiamo a visitare la Cattedrale, prendiamo l'audio guida. Sicuramente una bella chiesa anche se non è il genere di quelle che piacciono di più a me. Ha però al suo interno tante bellissima opere d'arte.

Dietro la Cattedrale prendiamo un bus che ci porta all'Alhambra, intanto la pioggia è aumentata. Arrivati li sbagliamo clamorosamente strada e ci bagniamo sempre più. Arrivati alla biglietteria, presentiamo i nostri biglietti acquistati un mese prima via web e compriamo le audio guide e iniziamo con la visita del Generalife

  • 2523 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social