Viaggio nella terra di Al-Andalus

Viaggio di due settimane alla scoperta dell' Andalusia, attraverso le città di Sevilla, Cordoba, Granada, Malaga.

Diario letto 3105 volte

  • di Ludovico Cesetti
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

1° Giorno 07 LUGLIO - SIVIGLIA Partenza da Roma con volo Vueling destinazione Siviglia. Arriviamo verso l'ora di pranzo all' Hostal Monet in pieno centro (proprio dietro Plaza Nueva), albergo a due stelle molto carino e pulito con bagno in camera e soprattutto con aria condizionata, una salvezza in questa città d'estate!(40 € una doppia). Posiamo le valigie, ci riposiamo un po' e poi subito giro in centro, verso le 3 del pomeriggio, ma il caldo è davvero soffocante. Riusciamo a girare solamente un'oretta e mezza per poi rifugiarci di nuovo in camera con il condizionatore, però le piccole viette del barrio Santa Cruz e la bellissima cattedrale gotica con la sua antica torre, la Giralda, ci affascinano sin dal primo momento. La sera beviamo due fresche granite in un bar sulla strada principale, Avenida de la Constituciòn, vedendo la semifinale Spagna - Germania!

2° giorno 08 LUGLIO Di mattina verso le 9 visitiamo la cattedrale, il suo interno è molto suggestivo in puro stile gotico con successivi elementi in stile barocco, al suo interno ospita la tomba di Cristoforo Colombo. Saliamo poi sulla Giralda dopo un'infinita rampa, ma la fatica è ripagata dallo spettacolo che ci si offre una volta arrivati in cima al campanile: da qui tutta siviglia è ai nostri piedi, dal barrio Santa Cruz, al fiume Guadalquivir, a Plaza de Toros per finire con il ponte di Calatrava in lontananza. Terminata la splendida visita, ci spostiamo di poco e andiamo a visitare il complesso del Real Alcazar proprio di fronte. (biglietti d'entrata scontati per studenti con tessera universitaria in entrambi i monumenti). Questo palazzo ci sorprende con i suoi colori delle maioliche con disegni geometrici, con i suoi stucchi simili alle moschee arabe e con i chiostri straordinari dove ci colpiscono i giochi di luce e ombra. Molto belli anche i giardini, sopratutto dopo una giornata faticosa.

3° giorno 09 LUGLIO La mattina sempre di buon ora (per non girare nelle ore più calde) raggiungiamo dopo una passeggiata di circa 20 minuti Casa Pilatos, un edificio del XV secolo dove si può apprezzare lo stile arabo mescolarsi con quello rinascimentale in uno stile detto Mudejar. Belli anche i due giardini e i piani superiori (biglietti non scontati perché fondazione privata, circa 7€). Pranziamo nel Barrio di Santa Cruz in un ristorante di tapas molto caratteristico chiamato Doña Lina, conveniente e squisito (tapas a 2-3€). Scegliamo i tavolini nel chiostro centrale, più arieggiato e affascinante, un posto che ci rimarrà nel cuore e nel quale ritorneremo successivamente. Il pomeriggio lo trascorriamo perdendoci per le vie del centro..

4°giorno 10 LUGLIO Usciamo come sempre per le 9 e raggiungiamo a piedi (mezz’ora circa) il barrio della Macarena passando per una zona ancora inesplorata del centro più trasandata ma sempre affascinante. Attraversiamo la piazza Alameda de Hercules e arriviamo al mercato che delude in parte le nostre aspettative, niente a che vedere con quelli di Valencia o Barcellona. Proseguiamo verso le antiche mura per poi tornare in hotel con l’unico autobus che attraversa il centro, ovvero il 5. Il caldo non ci abbandona mai, le temperature sono sempre fisse sui 42°, anche alle 8 di sera, conviene bagnarsi spesso la testa nella fontanella di Plaza Nueva, l’unica del centro. Nonostante il caldo questa città ci resta nel cuore.

5°giorno 11 LUGLIO - CORDOBA Dopo 45 minuti di treno arriviamo alla stazione di Cordoba, prendiamo l’autobus 3 che ci lascia in centro vicino Plaza de la Corredera dove alloggiamo nell’ Hostal Fonda La Corredera, molto più semplice rispetto al precedente e con bagno condiviso (34€ una matrimoniale), nel complesso pulito ma senza aria condizionata (caldo asfissiante perenne). Il ragazzo della reception molto gentile, ci fornisce di cartina e ci mostra le principali attrazioni della città. Questo giorno lo trascorriamo interamente passeggiando e conoscendo la città, molto più piccola rispetto a Siviglia ed il centro storico (patrimonio dell’Unesco!). Ci colpiscono soprattutto le piccole stradine che costeggiano la Mezquita, con piccole casette bianche che ricordano vagamente la Grecia. Anche qui il caldo non ci abbandona, le temperature sono costanti intorno ai 40-42°. La sera ci aspetta la finale dei mondiali, con conseguenti festeggiamenti e notte insonne!!

6°giorno 12 LUGLIO Sempre di buon ora visitiamo la splendida Mezquita, biglietti non scontati (7,5€). Appena entriamo siamo colpiti dalla bellezza dell’antica moschea ad archi rossi e bianchi, dalle molteplici file di colonne che si sviluppano intorno alla navata centrale che racchiude la cattedrale barocca di epoca successiva. L’insieme dei diversi stili di epoche differenti è molto affascinante e fa della Mezquita un edificio veramente unico, forse il più bello insieme all’Alhambra di Granada che visiteremo successivamente. Dopo la visita pranziamo in un bar di tapas proprio di fronte alla Grande Moschea (Calle Magistral Gonzalo Francès), dove si mangia in piedi, ma il rapporto qualità prezzo è davvero ottimo e soprattutto assaggiamo la tortilla di patate più alta e buona della Spagna! Continuiamo la nostra visita della città passeggiando sul ponte romano (caldo incredibile!) che porta alla torre de la Calahorra al di là del fiume che non ci incuriosisce più di tanto

  • 3105 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social