Anversa ed Amsterdam: due città diversamente fantastiche

Tulipani, zoccoli, biciclette, mulini a vento: la magia di Amsterdam dal vivo. E se poi, en passant, si scopre la bellezza di Anversa.... la magia è completa!

Diario letto 4057 volte

  • di micky76
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

22/6 Amsterdam Centro

La giornata odierna, è dedicata alla visita del centro storico: arriviamo in metro alla stazione centrale, e di lì ci tuffiamo nell’atmosfera sui generis di questa città. La prima cosa che salta all’occhio è l’uso, quasi indiscriminato delle biciclette: ci sono parcheggi con centinaia di bici, che solo al pensiero di chi debba trovarne la propria, rabbrividisco :-). Bici di ogni tipo, incluse quelle che permettono alle mamme di portare a bordo i propri figli. Il centro nevralgico è piazza Dam su cui si affacciano il Museo delle cere Madame Tussauds, il Palazzo Reale, la Chiesa Nuova e di lì in pochi minuti si arriva ad uno degli appuntamenti imperdibili di Amsterdam: la casa di Anne Frank. Vedere dal vivo il rifugio in cui Anne e la sua famiglia erano costretti a nascondersi per sfuggire alla persecuzione nazista e sentir narrare la storia fino alla loro triste morte, ti lascia con una sensazione di sgomento e di amaro in bocca…. Qualcosa di veramente toccante recepito anche dalle nostre bimbe che quest’anno a scuola hanno trattato il tema della shoah. Attenzione: i biglietti per la casa di Anne Frank sono acquistabili solo online e vengono resi disponibili due mesi prima di ogni data e solitamente vanno a ruba in un batter d’occhio.

In zona abbiamo approfittato per vedere il museo dei tulipani (poco interessante) e il museo del formaggio (da provare soprattutto perché ti permette di assaggiare gratuitamente diverse tipologie di formaggio). Tornando indietro e rioltrepassando piazza Dam ci imbattiamo nel Red Light District, con le signorine in abiti discinti che adescano clienti. Fortunatamente è pieno pomeriggio e c’è poca domanda e poca offerta, pertanto la situazione passa quasi sotto traccia. Alle spalle della suddetta via si estende il quartiere Chinatown che anche ad Amsterdam non può mancare. Tappa successiva, con un battello gratuito che parte continuamente alle spalle della stazione centrale, è la zona dell’A’Dam Tower dove spicca una sensazionale altalena che dondola nel vuoto. Pur non salendo sulla torre, la zona merita una visita perché è un centro di aggregazione ed anche per scattare qualche foto con la celebra maxi-scritta “I amsterdam”.

Di ritorno, prima di tornare in albergo, approfittiamo della vicinanza dello stadio Amsterdam Arena, intitolato alla leggenda del calcio olandese Johan Cruijff, per scattare, anche qui, qualche foto ricordo.

23/6 Zaanse Schans-Amsterdam ad est dei canali

La gita di oggi è un’altra di quelle tappe obbligate: la visita alla cittadina di Zaanse Schans, celebre per i suoi mulini a vento. Ci arriviamo in treno da Amsterdam Bijlmer Arena (ma ci si arriva anche da Amsterdam Centrale) e dopo una passeggiata di 10 minuti sembra di essere in una fiaba olandese: casette tipiche, animali che pascolano liberamente nel verde, mulini (tra l’altro visitabili al costo di 2,50 euro l’uno), fiori e zoccoli olandesi ovunque. Fra le varie attrazioni meritano una visita il museo dello zoccolo olandese e quello del formaggio, anche qui con degustazioni di varie tipologie (ne ho provato persino uno alla lavanda!). Che dire: un’atmosfera magica.

Per visitare Zaanse Schans è sufficiente una mattinata; di ritorno ad Amsterdam abbiamo provato ad addentrarci nella zona ad est del centro: zona ebraica (sinagoga portoghese, museo ebraico), casa di Rembrandt, Waterloplein (anche se il mercatino era chiuso in quanto domenica). Nulla che mi abbia colpito particolarmente. Invece molto caratteristica è la Rembrandt Square per la presenze di statue di soldati a dimensioni reali ispirate al dipinto “La ronda di notte” del pittore a cui è intitolata la piazza

  • 4057 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social