Un weekend nella "Divina"

Un anticipo d'estate, in uno dei luoghi più belli d'Italia..tra l'azzurro del mare, il verde rigoglioso della vegetazione, i paesi incastrati tra la roccia e l'acqua, tutti vicini ma pure così diversi tra loro..

Diario letto 8782 volte

  • di Lelas
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

Decidiamo di fuggire (io e Anto, il mio boyfriend) un po’ dalla routine e dalla frenesia della città, per immergerci in uno dei luoghi più belli: la Costiera Amalfitana.

La partenza da Roma è il venerdì, di buon’ora. Percorriamo l’autostrada, fino a giungere l’uscita Vietri sul Mare. Subito dopo il casello, quello che lentamente si scopre ai nostri occhi è un paradiso naturale indimenticabile. La strada statale 163 percorre a strapiombo tutta la costiera; ad ogni curva puoi deliziarti a vedere un paesino arroccato in lontananza, un chioschetto che vende limoni, l’acqua azzurra e limpida che si riflette in un lato, la parete rocciosa dall’altro, ovunque piante profumate e fiori colorati.. così, la prima cosa da fare è, lasciarsi andare all’”ondeggiare” dello slalom lunga tutta la Costiera, scoprendola pian piano, lentamente.

Man mano, ecco arrivare tutti i paesini, uno dopo l’altro, uno più bello dell’altro. In ordine, troverete: CETARA, MAIORI, MINORI, RAVELLO, AMALFI, CONCA DEI MARINI, PRAIANO, POSITANO.

In breve presenterò le diverse località della Costiera e qualche info su ognuna di esse, tralasciando l’ordine con cui io e Anto le abbiamo visitate perché poi, alla fine, ognuno il viaggio se lo gusta e costruisce a suo modo.

AMALFI: Parcheggiamo nel Garage appena all’ingresso della città (Parcheggio , 3,50 euro/ora) e, attraverso il sottopassaggio, siamo direttamente in piazza Municipio. Passiamo dal Lungomare; la breve passeggiata ci consente di vedere il lido attrezzato, già pieno di persone intente a fare il bagno o a prendere il sole, e il porto. Amalfi è la più antica repubblica marinara, incastonata tra i Monti Lattari e il mare. La porta d’ingresso (“Porta della Marina”) e le iscrizioni affisse, ci ricordano la sua storia, le sue bellezze.

"Per gli amalfitani il giorno in cui andranno in Paradiso sarà un giorno come tutti gli altri: perchè il paradiso ce l'hanno già qui, a casa loro."

Ed effettivamente, questa piccola città è davvero un paradiso. Ci perdiamo tra le sue viette, ammaliati dai tanti negozietti che vendono prodotti locali, dai turisti, dalle persone del luogo. Appena entrati nella piazza principale ci si imbatte nel monumento simbolo della città: il Duomo, realizzato nel IX secolo e, ancora oggi, accompagnato da un’antica leggenda popolare: le coppie che saliranno i suoi gradini dovranno farlo senza tenersi per mano, se vorranno riuscire a sposarsi! (ad ognuno, la libertà di crederci o meno..io, personalmente, sganciata da ogni tipo di superstizione, penso proprio di aver afferrato la mano di Anto più volte!). Ma Amalfi è anche il Chiostro del Paradiso, il Museo della Carta, gli Antichi Arsenali della Repubblica Amalfitana.

POSITANO: è di una bellezza inconfondibile, forse anche più di ciò che ti aspetti. Arrivando dalla statale, è stupendo scoprirla piano piano, curva dopo curva. Completamente arroccata nella roccia dei monti Lattari, si incastra fino a giungere direttamente il mare; la sua spiaggia è abbastanza grande, frequentatissima. L’interno del paese è un susseguirsi di vie strette e bianche, costituite per di più da gradoni e discese, piene di negozi di souvenir, vestiti, sandali, generi alimentari; le abitazioni sono arrampicate sulla roccia, abbellite dai colori della vegetazione: il verde carico e soprattutto l’inconfondibile (e bellissimo) viola delle bouganville. Noi siamo stati molto fortunati nel trovare un parcheggio non a pagamento proprio all’ingresso del paese, sulla statale. Ma, c’è da dirlo, è stata davvero una grande eccezione; anche qui, infatti, i posti sono tutti a pagamento (3 euro/ora, se non sbaglio). Comunque, la seconda cosa da fare è sicuramente quella di "perdersi" passeggiando per le sue strade, i suoi vicoli.

  • 8782 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social