Ognissanti a Strasburgo e Colmar

Piacevole break autunnale in Alsazia , buon vino, ottimo cibo e bei posti .

Diario letto 2782 volte

  • di Luisella Tremolada
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

E rieccoci qui... sperando di potervi essere utili con le nostre informazioni... Avevamo programmato da Settembre che per il week end dei morti saremmo saliti a Strasburgo a trovare un amico che si è trasferito là per qualche mese a lavorare. Abbiamo prenotato IBIS Strasbourg stade de la meinau e deciso di intraprendere il nostro viaggetto in macchina. La durata non è proprio irrilevante però, per una permanenza di 4 giorni si può anche fare. Partenza alle 5,30 dalla ridente Brianza direzione Como-Chiasso. Sosta per colazione a Ponte Chiasso e poi entriamo in Svizzera, ci eravamo già muniti di vignetta in precedenza. Attraversiamo Mendrisio, Lugano, il San Gottardo, Lucerna, Basilea e arriviamo dopo poco in Francia. Da Mulhouse prendiamo l'autostrada che ci porta, dopo un centinaio di km, a Strasburgo. Arrivati un bel sole ci dà il suo benvenuto, nonostante un 'aria piuttosto frizzantina. Deposito bagagli e subito in centro con il comodissimo tram. Poche fermate e arriviamo alla fermata "homme de fer" dove scende la maggior parte dei passeggeri ...e in pochi secondi ti ritrovi nella piazza Kleber. Place Kléber è la piazza centrale di Strasburgo, nel cuore dell'area commerciale della città, prende il nome dal generale Jean-Baptiste Kléber. Le sue due fontane in questo periodo non sono funzionanti causa lavori in corso in previsione dell'evento che sta per arrivare e che raccoglie ogni anno turisti da tutta Europa: i mercatini di Natale. Dopo un giretto in piazza scaldandosi al sole, una capatina da Galeries Lafayette e una in libreria, ci facciamo il nostro primo pranzetto al ristorante Kohler-Rehm proprio in Place Kleber. Vino e birre non mancano sul nostro tavolo e anche le pietanze sono subito apprezzate.

Pomeriggio lo trascorriamo per le viuzze del centro, ammiriamo la Cattedrale, ci compriamo un cappellino che ci ripari da queste folate di vento che ogni tanto ci saluta e con il tram raggiungiamo il Parlamento. Questo edificio di vetro, metallo e legno è stato ultimato nel 1999. Di forma slanciata, colpisce subito per la sua ampiezza. Appena si varca la soglia e ci si reca al centro della torre ellittica se ne comprendono le dimensioni. La visita all emiciclo con le cuffiette per la spiegazione non possiamo perdercela. È emozionante trovarsi lì... realizzare che siamo in un luogo dove vengono prese delle importanti decisioni. Frequentato dai deputati europei eletti dai Stati membri dell'Unione europea. Il Parlamento Europeo rappresenta la più grande assemblea parlamentare del mondo eletta a suffragio universale diretto. Usciti dal Parlamento, non prima di esserci fatti immortalare dalla macchinetta automatica per avere un ricordo simpatico di questa esperienza, costeggiamo il canale e attraverso una rilassante passeggiata, raggiungiamo il Consiglio d Europa. I diversi edifici del Consiglio d'Europa sono la dimora di un’ampia collezione di opere d'arte. Stati membri e non ed artisti vari hanno donato opere d'arte al Consiglio. Questi doni simboleggiano l’attaccamento dei donatori a una delle più antiche organizzazioni politiche d'Europa. Sono testimonianza del sostegno nei confronti di un'organizzazione che mette i diritti umani al centro della società e riconosce l'importante ruolo degli artisti creativi nel plasmare attitudini e comportamenti. Approfittiamo di questi momenti e apprezziamo pienamente ciò che ci circonda. Usciti dal Consiglio una bella e lunga camminata al tramonto ci riporta verso il centro dove ci gustiamo un bell'aperitivo in un locale pieno di gioventù chiamato Caupona Taverne e infine ci avviamo verso il ristorante della nostra prima cena a Strasburgo: Steakhouse district

  • 2782 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social