I berberi pastori e guerrieri tra il deserto e il mare

Un viaggio tra i berberi, nella regione dell'Aures in Algeria, dove ancora le tradizioni e i costumi di un popolo antichissimo sono vive. Un popolo fiero, ospitale e orgoglioso della sua storia

Diario letto 2158 volte

  • di berbera
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Un volo da Roma per Algeri, cambio con un altro volo per Batna, e finalmente siamo arrivati nella regione dell'Aures, in Algeria. Mentre ero sul secondo aereo guardando dal finestrino ho avuto la netta sensazione del passaggio dall'aerea mediterranea cioè Algeri, affacciata sul mare alle montagne dell'atlante, alle zone rocciose e quasi desertiche. La regione dell'Aures è chiamata così perchè il massiccio più alto si chiama appunto Aures, un nome datogli dai romani, questa regione racchiude paesaggi molto pittoreschi e città antiche e bellissime.

Il giorno seguente abbiamo visitato un antichissimo villaggio berbero a soli 10 kilometri da Timgad, il suo nome è un pò difficile ma grazioso, si chiama IIcchoukane. Qui si trovano dei monumenti megalitici di forma circolare caratteristichi di questa zona. La nostra terza tappa è stata El Kantara, da qui cambia nuovamente l'aspetto del paesaggio, si lasciano le montagne per avvicinarsi al deserto, al grande Sahara, chi è che non subisce il fascino e il mistero del deserto, le sue infinite dune, le notti stellate, le tende dei nomadi, le loro usanze, noi siamo arrivati ad El Kantara immaginando già il deserto, vedendo le prime palme, attraversando gole terribili e pittoresche. La guida ci ha portato a visitare una fabbrica di ceramica, abbiamo assistito alla lavorazione di vasi, piatti e bicchieri e non ho potuto resistere ad acquistare quegli oggetti dai colori meravigliosi per me e per alcuni parenti e amici. Il villaggio era quasi vuoto, ho incontrato soltanto qualche anziano e una signora con un agnellino in mano vestita con gli abiti tradizionali berberi colorati e allegri!

Ultima tappa l'oasi di Biskra

E' una delle più belle oasi dell'Algeria, i romani la chiamavano Vescera, apprezzandola per il suo clima dolce e mite, una dele attrazioni più famose della città è il palmeto, migliaia palme da dattero chiamato dito di luce per la sua bontà. Siamo saliti sul forte turco dove abbiamo potuto ammirare un paesaggio splendido sia sulla vecchia Biskra che sui villaggi vicini. Una bellissima gita, piena di emozioni e ricordi! Il nostro viaggio è finito, si ritorna a Roma, ma prima si assiste ad una festa tradizionale berbera, con musiche, danze, cibi e ospitalità, berbera... avete mai assistito ad un matrimonio berbero? Io si, al mio, ma questa è un altra storia...

  • 2158 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social