Diario "vintage" di un tour del Sahara autogestito

Questo diario risale ad anni passati, ma è il ricordo di uno dei più bei viaggi che abbiamo fatto, quindi desidero condividerlo con tutti quelli che amano luoghi solitari e spettacolari come il deserto del Sahara

Diario letto 3187 volte

  • di Lurens55
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Fino a 500 euro

Questo diario era scritto su un quaderno a quadretti e mentre lo trascrivevo su Pc ho rivissuto momenti splendidi. Allora non c'erano le fotocamere digitali. Un vero peccato. Così i ricordi sono confinati in un centinaio di diapositive con i colori ormai anche un po' rovinati.

Mezzi utilizzati

Noi: camper Joker Westfalia – motore 1600 Diesel (non turbo e quindi un chiodo bestiale)

Compagni di viaggio: furgone Ducato FIAT 2500 Diesel (decisamente meglio)

22/12/88 - Giovedì

Verso le 17 si parte via Cuneo, Ventimiglia alla volta di Marsiglia dove arriviamo alle 24. Prima di riuscire a trovare il porto (non c'è una indicazione) sono le 0.40 del ...

23/12/88 - Venerdì

Ore 0.45 ci mettiamo a dormire

Ore 4.00 iniziano le operazioni di intruppamento!

Ore 7.30 siamo in coda per l'imbarco

Ci sono macchine di Tunisini stracolme di ogni cosa sia dentro l'abitacolo sia sulla bagagliera. Un'auto avrà 3 metri cubi di roba tra dentro e fuori. Compresa una lavatrice.

Ore 10.00 ci imbarchiamo sulla bellissima motonave Libertè della SNCM.

Ore 11.30 (cioè 7 ore e mezza dopo che il pulotto francese ci ha svegliati per farci mettere in coda) salpiamo

Ore 12 pranzo luculliano e poi un sonnellino in cabina, visto che non abbiamo dormito troppo questa notte.

La giornata scorre nella tipica monotonia di un traghetto.

Ore 19 cena di livello ottimo e alle 21.30 a dormire.

24/12/88 - Sabato

Ore 7.30 sveglia, colazione e poi sul ponte ad aspettare l'arrivo. Alle 11 finalmente l'attracco a Tunisi.

Grazie ad un inaspettato colpo di fortuna siamo tra i primi ad uscire dalla nave e fortuna delle fortune le formalità doganali per noi sono rapidissime. Non si può dire altrettanto per i tunisini a cui fanno tirare giù tutti i bagagli. Poveretti!

Così alle 12 siamo già fuori dal porto sulla strada per Tuburbu Majus dove facciamo la nostra prima sosta. La vacanza è ufficialmente iniziata. Tuburbu Majus è una città di origine romana e sono ancora presenti delle vestigia ben conservate. Regaliamo ad un tunisino un paio di sacchi di vestiti usati che abbiamo portato proprio per questo scopo e lui ricambia con un paio di lanterne in terracotta. Al primo distributore riempiamo le taniche di gasolio per eventuali emergenze carburante. Proseguiamo fino a Gafsa dove ci fermiamo (siamo già nel deserto) per dormire. Prima di dormire però abbiamo festeggiato il Natale con biscottini, droneresi al rhum, falò nel deserto e gioco del frisby alla luce di una bellissima luna. Tutto questo si è svolto entro le ore 20.30. Alla faccia del veglione. Fa freddo. Ci rintaniamo nei rispettivi camper.

25/12/88 - Domenica

Natale. Alle 7.15 siamo già svegli. Veloce colazione e siamo già in viaggio per Tozeur. Dove arriviamo in mattinata. Dato che sono musulmani, non festeggiano il Natale e quindi oggi è un giorno come tutti gli altri. Ne approfittiamo per andare al mercato e fare provvista di datteri (dei deglet nour semplicemente favolosi), frutta e verdura. Approfittiamo del telefono pubblico per chiamare i genitori e fare gli auguri. Visitiamo il palmeto e poi via verso Nefta dove c'è una enorme pozza di acqua calda usata come bagno pubblico. Essendo il giorno delle donne solo Franca e Renata hanno potuto andare a vederlo. Poi il viaggio è proseguito verso la frontiera Tunisia-Algeria. Prima sosta alla dogana tunisina. A parte che ci è voluto un eterno per compilare quintali di moduli in numerose copie, i doganieri hanno cercato di venderci un calendario musulmano. Fatto qualche Km di strada eccoci alla dogana algerina dove avendo davanti a noi un gruppo di circa 10 persone che avevano pressoché finito tutte le formalità doganali, siamo stati la bellezza di 2 ore e mezza. Ci dirigiamo verso El-oued, facendo delle soste lungo il percorso in zone di dune favolose. Visita superveloce della città e poi ci spostiamo verso El-ogla per la notte. Dopo cena, sotto un cielo stellato nerissimo e una luna quasi piena brillante come mai l'abbiamo vista, ci facciamo una passeggiata sulla pista che va verso Gadames (Libia). Tornati al camper si va a dormire, ma negli occhi sono impresse le immagini di un paesaggio di dune stupende

  • 3187 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social