Weekend in Albania tra gente fantastica

Che gente splendida! Gentilezza, disponibilità, altruismo e senso dell'ospitalità. Ho amato l’Albania perché il suo popolo è meraviglioso

Diario letto 12012 volte

  • di supercalifragilistic
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Rewind... Mi accorgo quasi all'improvviso che dopo pochi giorni ci sarebbe stato il ponte del 2 giugno, che fare? Ho tanto desiderio di un anticipo d'estate, di viaggi spensierati e un po'improvvisati ... insomma quelle belle traversate in nave, un po' arrangiati che subito ti fanno dimenticare il conformismo. Finisco di lavorare il venerdì alle 19.30 e il martedì successivo devo essere nuovamente al lavoro. Vorrei andare in Grecia ma la nave parte alle 20.00 e , dunque, ci rinuncio perché per arrivare al porto di Brindisi ci impiego almeno 3 ore e mezzo, scarto la Sardegna perché il biglietto è troppo caro, uffa! Poi scopro che da Bari c'è una nave alle 23.00 per Durazzo. Bingo! Ho dei pregiudizi xhe mi rendono incerta, poi leggo i vostri diari e scelgo di partire. Convinco un paio di amici ma proprio il giorno della partenza ho la più grande delusione, scopro che il terminal al porto di Bari chiude un'ora prima della partenza e dunque rischio di non arrivare in tempo. La voglia di partire e troppa . Non riesco proprio ad arrendermi. Scopro che da Brindisi c'è una nave che dovrebbe partire alle 2, 30 ( in realtà partirà due ore prima). Comunque è tutto organizzato, in auto fino a Brindisi e poi nave. La fortuna sembra non essere dalla mia e in ufficio mi intrattengono una ora in più. I miei amici impazienti mi aspettano e appena uscita corriamo via mangiandoci i 350 km che ci separano dal porto. Arriviamo in tempo, facciamo i biglietti e finalmente si parte. Scegliamo la cabina al costo di 70 euro a persona (10 euro in più rispetto al ponte). Arriviamo a Valona sotto una pioggia battente, siamo disorienrati, e ci chiediamo come raggiungere Tirana che dista 150 km. Chiedo informazioni ad una ragazza che parla perfettamenre l'Italiano che ci dice di uscire dal porto e prendere un taxi per farci portare alla stazione dei furgon (molto utilizzati im Albania). Usciamo dal porto ma ancora pieni di pregiudizi non ci fermiamo dai taxisti abusivi e proseguiamo. Fermiamo un ragazzo per chiedere informazioni e lui immediatamente ci aiuta a trovare un taxi e parla con lui spiegandogli di portarci ai furgon. Qui abbiamo il primo riscontro dell'estrema gentilezza degli albanesi. Paghiamo il taxi 4 euro, lo stesso autista ci porta al furgon giusto. I furgon sono furgoncini di una decina di posti che partono quando sono pieni, ci mettono circa mezz'ora per riempirsi ma il viaggio è comodo ed economico. 5 euro a testa per percorrere i 150 km che ci separano da Tirana in circa un paio di ore.

Arrivati a Tirana ci sentiamo ancora più spaesati, è una metropoli, con strade larghe, centri commrrciali, uffici, università, parchi e tante caffetterie bellissime. Ci fermiamo in una di queste per un cappuccino ed un cornetto e, soprattutto, per la wi-fi perché dobbiamo chiamare a xasa con Skype. Non abbiamo prenotato nesun albergo, volevo farlo, ma le avversità mi avevano fatto desistere. Però ne avevo adocchiato uno su booking.com e mi ero anche scaricata la piantina ripromettendomi di prenotarlo appena avessi messo il sedere sulla nave, ma poi me ne ero dimenticata. I ragazzi del bar non parlano italiano ma si fanno in 4 per aiutarci, non conoscono la via dell'hotel ma la cercano con internet. Facciamo un trambusto, tanto che tutto il bar tenta di aiutarci, compresa una signora albanese che lavora a Napoli, terrona come noi -è lei a dirlo- e noi condividiamo. "Noi terroni siamo gente di cuore", dice parlando perfettamente l'Italiano e insinuandoci il dubbio che fosse albanese. Ci spiega cosa dobbiamo fare, ferma un autobus e si offre di pagarci il biglietto. Noi la ringraziamo e seguiamo le sue indicazioni, scendiamo dopo tre fermate, facciamo qualche metro a piedi e...ci perdiamo nuovamente. Fermiamo un passante per chiedere informazioni e...l'intero quartiere ci aiuta. Arriviamo finalmente all'hotel Areela, alla reception c'è giovane che parla fiorentino, se non fosse stato per qualche leggerissima inflessione avremmo pensato che era italiano. Prendiamo due camere, una matrimoniale ed una singola, per 30 e 25 euro ed andiamo a farci una doccia. Giu' quasi subito ad ammirare lo slendore di questa città. In serata scegliamo un ristorante, mangiamo antipasti, carne, vino fino a scoppiare e paghiamo l'equivalente di 8 euro. Ancora un giro nelle affollate vie della movida albanese fino a fernarci in un bar con musica e tanti giovani. Prendiamo due birre Tirana ma dopo 10 minuti non sono ancora arrivate, assolutamente normale in Italia. Il cameriere si accorge del disguido senza che noi dicessimo nulla e ci porta le birre dicendoci che sono offerte da lui perché sono arrivate tardi. Proviamo comunque a pagarle, ma non c'è verso. Torniamo in hotel in piena notte attraversando la città a piedi senza avere nai la sensazione di insicurezza.

La mattina successiva dopo un'abbondande colazione ci incamminiamo verso il centro, prendiamo un bus che ci porta a Kruje per soli 60 leke (più o meno 40 centesimi) per fare 30 km, di lì un altro che ci porta al castello per 20 centesimi. Prima di arrivare in cima prendiamo un caffè seduti al prezzo di 35 centesimi (50 leke) . Visitiamo il castello ma ci vien fame e ci fermiamo in uno dei ristoranti accanto al castello. Sì, proprio quelli spennaturisti che in Italia avremmo scartato. Il posto è bellissimo, i camerieri eleganti e gentili. Pranziamo e paghiamo anche qui 1200 leke a testa, cirxa 8 euro a testa. Prima di andar via compriamo gadget sulle bancarelle e c'è anche il tempo per fermarci da un varbiere perché il mio compagno vuole farsi la barba (2 euro), Torniamo a Tirana per recuperaee le caligie in hotel, scegliamo la soluzione più veloce ossia un'auto con autista privato. Costox1500leke (circa 10 euro) che ci aaccompagna in hotel. Adesso ci tocca arrivare a Durazzo per prendere il traghetto, l'albergatore ci consiglia un furgon e quindi andiamo proprio dietro l'hotel dove c'è la srazione dei treni, aspettiamo un paio di minuti e ascoltiamo qualcuno che urla "Durres, durres" ci avviciniamo e lui ci conduce al furgon nascosto in un vicolo. Arriviamo a Durazzo e prendiamo la nave che in 8 ore ci porta in Itaoia... e qui iniziano i guai! Sbarchiamo a Bari alle 8.40 ma non ci sono autobus per la stazione fino alle 9, 29, aspettiamo pazientemente e riusciamo a prendere a volo un regionale per Brindisi ( abbiamo lasciato li' la macchina). Se l'avessimo perso il treno, quello successivo sarebbe partito dopo tre ore e poiché era un frecciaargento sarebbe costato più del doppio. Arriviamo a Brindisi e scopriamo che non ci sono collegamenti con il porto che dista almeno 5 km. Un tassista si offre di accompagnarci per 20 euro, non accettiamo. Percorriamo a piedi alneno 4 km e poi un signore con una Ape ci vede, frena bruscamente e stile Pechino Express ci accompagna al porto fadendoci salire sul suo tre ruore, lì accovacciati nella parte scoperta

Che esperienza stupenda! In conclusione l'Albania è spettacolare, la gente straordinaria e la vita economica. Cibo e trasporti a prezzi irrisori: nei migliori bar il caffè costa massimo 70centesimi (seduti al tavolo), il gelato 20 centesimi, il trasporto urbano 20 centesimi.

  • 12012 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social