Correte in Albania!

Una meta ancora trascurata dai più (e questo è un altro suo punto di forza) ma capace di offrire un mare da favola e città ottomane di grande fascino.

Diario letto 30871 volte

  • di yoshino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Prima di partire ho trovato pochissime notizie in rete sull'Albania, quindi mi sono ripromessa che avrei fatto una relazione della mia vacanza da condividere on-line.

Ed eccomi qui, di ritorno, purtroppo, da quel bellissimo viaggio.

Prima di cominciare credo sia necessaria una premessa: l'Albania non è la Svizzera, non è l'Italia. Quindi, se ci andate con la pretesa di trovare degli standard pari a quelli che abbiamo noi, restate a casa. E' chiaro che in un Paese dove c'è ancora grande povertà e che ha sofferto molte difficoltà negli anni passati non si può pretendere il nostro livello e stile di vita. Se vi manda in crisi non sapere gli orari degli autobus, se volete tutto pulito e ordinato, se non sapete destreggiarvi un minimo appena c'è qualche inghippo, allora non andate in Albania. C'erano certi turisti italiani lamentosi che erano da prendere a pugni! Se invece amate viaggiare nel senso profondo della parola, con mente e cuore aperti, allora fate subito le valigie e correte nel Paese delle Aquile!

Detto questo, passo a delle considerazioni generali prima di entrare nel dettaglio del mio itinerario di viaggio.

- TRASPORTI: noi ci siamo affidati a quelli locali. Gli autobus che sono i più economici ma i meno flessibili; partono quasi solo la mattina e quindi vanno bene per i grossi spostamenti unidirezionali. Di solito c'è un assistente a bordo che si occupa di caricare i bagagli, raccogliere i soldi e mollarvi alla fermata che volete (non è fissa. Se chiedete di lasciarvi in qualsiasi punto X sul tragitto, vi fanno scendere). Se il viaggio dura molto (7 o 8 ore) sono previste delle pause. Poi ci sono i minibus che sono una via di mezzo fra gli autobus e i furgon. I furgon sono dei furgoncini sgangherati e meno rigidamente organizzati: partono solo quando sono pieni (ma se di gente ce n'è riescono a infilarci ben più persone di quanto sia pensabile!) costano un pochino più dei bus, ma sono più veloci (Korca-Gjirokastra fatta in 5 ore invece che in 7) e sono anche più numerosi dei bus, quindi di solito si ripiega sui furgon perchè si è perso il bus, o non vi ha raccolto perchè era pieno, o passerebbe fra troppo tempo. Chiedete il prezzo PRIMA di partire.

Per raggiungere le spiagge più isolate, siamo ricorsi ai taxi; per un viaggio di circa 20 minuti vi chiederanno circa 1000 lek (7 euro) e potete anche farvi venire a riprendere a un'ora fissata; anche in questo caso, conviene accordarsi in anticipo sul prezzo.

La diffusione dei trasporti è abbastanza capillare, l'unico problema è che si può viaggiare solo al mattino, nel pomeriggio sono coperte solo alcune delle tratte principali. Mal che vada potete ricorrere ai taxi o all'autostop.

Sarete certo più liberi con la vostra auto, ma tenete ben presente che il traffico nelle grandi città è mostruoso, guidano tutti ad alta velocità, fanno sorpassi ai limiti dell'assassinio, non rispettano il codice della strada, ci sono pochissimi semafori e comunque non fanno testo. Nelle strade sperdute sulle montagne non c'è traffico, ma in compenso spesso non sono asfaltate o sono piene di buche profonde come voragini (non a caso l'Albania è piena di gommisti!)...e se passa qualcuno starà in mezzo alla carreggiata (quindi occhio alle curve...) e vi sorpasserà strombazzando (credo lo facciano per avvisarvi) stile formula uno. Abbiamo incontrato turisti disperati dai tempi di percorrenza (non crediate di fare 200 km in meno di 5 o 6 ore).

-ALLOGGI: alla partenza avevamo prenotato solo l'ostello della prima sera. Non volevamo irrigidire il nostro itinerario e volevamo essere flessibili al massimo. Non abbiamo avuto problemi particolari a trovare un alloggio: arrivavamo in città, cercavamo uno degli hotel consigliati dalla guida o di cui avevo letto in internet, e spesso ci è andata bene. Altre volte lo stesso hotel già tutto occupato ci ha segnalato altre sistemazioni. Un paio di volte siamo entrati in alberghi a caso o siamo ricorsi a una camera in affitto (vedrete ovunque la scritta 'dhoma me quera'). In questo caso consiglio di andare a verificare le condizioni della camera prima di dire sì, e chiarire subito il prezzo

  • 30871 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Flori 1
    , 27/9/2011 22:55
    Bravo

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social