Breve fuga in Abruzzo

Terra dalle mille sfaccettature, mare, montagna, città d'arte, l'Abruzzo è sempre piacevole da visitare in qualsiasi stagione dell'anno

Diario letto 8141 volte

  • di girovaga54
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

E’ ormai ora di tornare in agriturismo dove ci aspettano per la cena. Siamo gli unici ospiti, ci godiamo una ottima cena e la compagnia dei gestori, molto disponibili a fare quattro chiacchiere.

Martedì 2 luglio

Stamattina visiteremo PESCARA, raggiungibile in circa mezz’ora. Sistemiamo l’auto in un grande parcheggio proprio di fronte alla stazione, e in breve siamo sul corso Vittorio Emanuele, ricco di negozi di ottima qualità. Pescara sarà per noi una sorpresa: la città è moderna, ma il suo superstite nucleo antico è delizioso. Ed è qui, in Corso Manthoné 116, che si trova la Casa Natale di Gabriele D’Annunzio dove è allestito, in nove sale, un museo con oggetti e mobili appartenuti alla famiglia. Si visitano la sua camera da letto, quella dei genitori e della zia a cui era molto legato. Il biglietto di ingresso è di € 4,00 a persona e la visita è preceduta da un breve filmato sulla personalità dello scrittore.

Visitiamo la Cattedrale di San Cetteo, notando la pulizia e l’ordine che regnano nelle vie della città. Raggiungiamo infine il lungomare veramente ben attrezzato, con spiagge ampie e gazebo e ombrelloni ben distanziati tra loro. In Largo Mediterraneo possiamo ammirare la famosa scultura di Pietro Cascella, conosciuta come la Fontana Nave, che rappresenta appunto una nave, una galea, a rievocare la tradizione marinaresca della città e i patimenti dei prigionieri della fortezza borbonica costretti a fare i rematori.

Ci fermiamo a pranzo in un ristorante sul mare “Sole e Luna”, in lungomare Matteotti 112, consigliato.

Fa molto caldo, riprendiamo l’auto e ci dirigiamo a TERAMO, impiegando circa un’ora. Qui la sorpresa è ancora maggiore: una città che avevo sempre sottovalutato, ma che mi piace tantissimo. Piccola, con un centro storico suggestivo oltre che pulitissimo, viuzze, chiese e la splendida cattedrale intitolata a Santa Maria Assunta, di fondazione romanica e poi gotica. Gironzoliamo un po’, notando anche qui i segni del terremoto e poi troviamo la cioccolateria Centini, in via Vittorio Veneto 28, di cui avevamo letto la particolarità: il creativo capofamiglia, anni fa, ha sperimentato vari tipi di cacao inventando il Tatù, una variante di panpepato da godere sia sotto forma di biscotti secchi che immersi nel mosto. Una vera eccellenza nella pasticceria.

Rientriamo in agriturismo con difficoltà perché troviamo molte strade interrotte e alcune così malmesse da doverle percorrere a passo d’uomo. Ci consoliamo con una deliziosa cena.

Mercoledì 3 luglio

Il nostro soggiorno nell’agriturismo è già finito, ma abbiamo tutta la giornata davanti per vedere ancora altre meraviglie.

Ci dirigiamo verso SULMONA attraverso bellissimi panorami: vorremmo visitare l’Eremo di Celestino V sul Monte Morrone, ma fa molto caldo e la salita risulta veramente faticosa (in realtà è accessibile a tutti, seppure ripida e tortuosa in un sentiero sconnesso), ma ci scoraggiano la temperatura elevata e il cartello che avverte che l’eremo è chiuso, si può vederne solo l’esterno.

Visitiamo invece, adagiato ai piedi del Morrone, lo splendido complesso dell’Abbazia di Santo Spirito, nota anche come Badia Morronese. Fu proprio Pietro Angelerio, monaco benedettino, eremita e fondatore dell’ordine dei Celestini, poi papa Celestino V, ad iniziarne la costruzione ampliando la chiesetta di Santa Maria già esistente, a cui si aggiunsero nel tempo il Refettorio splendidamente decorato da pitture murali monocrome, la Sala Capitolare, la chiesa settecentesca e una serie di ambienti di grande importanza storica e di fascino. Ammiro, oltre alle opere d’arte, la suggestiva posizione: da alcuni angoli del vasto cortile antistante la facciata della chiesa, sembra che la stessa sia appoggiata ai monti che si ergono alle sue spalle

  • 8141 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social