Zanzibar: consigli pratici per una vacanza di coppia

Consigli pratici per organizzare una vacanza di coppia indimenticabile, frutto di ricerche su Internet e di quanto vissuto

  • di Delago
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La nostra decisione di partire per Zanzibar è maturata pochi giorni prima della partenza, quando abbiamo trovato su internet un'offerta imperdibile. Volo andata-ritorno con l'ottima compagnia aerea Quatar Airways a soli 380 euro con partenza da Roma Fiumicino. La modesta spesa è giustificata dai due scali dell'andata (il primo a Doha, in Qatar, della durata di tre ore, e il secondo nel piccolo aereoporto di Kilimanjaro in Tanzania, della durata di un'ora) e di uno al ritorno a Doha (ma con un’attesa di nove ore in aeroporto). Non ci siamo lasciati scoraggiare e abbiamo prenotato! L'aeroporto di arrivo era quello di Kisauni (già sull'isola) e non quello di Dar Es Salaam.

Di seguito riporteremo alcuni consigli che vi potranno essere utili per preparare il vostro viaggio, frutto di ricerche su internet e di quanto vissuto.

Prima della partenza abbiamo prelevato in Italia ca. 280 dollari (sufficienti per coprire le spese del visto in entrata, il primo spostamento in taxi dall'aeroporto alla nostra sistemazione ed alcune escursioni). Appena arrivati a Zanzibar dovrete pagare per il visto 50 dollari a persona (conviene pagarlo in dollari piuttosto che in euro: chiederebbero 50€ e, con il cambio, si risparmia qualcosina). Il pagamento della tassa di uscita da Zanzibar invece è previsto solo per i voli charter e NON per i voli di linea come il nostro.

La moneta locale è lo scellino tanzaniano (potrete cambiarli in aeroporto). Il cambio ufficiale alla data del nostro arrivo era equivalente ad 1€ = 2.400 scellini ca.

PRIMO CONSIGLIO FONDAMENTALE: dovrete CONTRATTARE per ogni singola cosa. In aeroporto, per esempio, il cambio che volevano applicare era di 1€ = 2.100 scellini. Noi siamo arrivati a 2.300 scellini. Per cui, INSISTETE! Abbiamo cambiato 350 euro in tutto e questi sono stati sufficienti per pagare: ristoranti, escursioni, souvenir e spostamenti (la nostra è stata una vacanza low-cost, ma abbiamo risparmiato solo nell’alloggio e non nelle escursioni e nei pranzi e cene al ristorante). Ricapitolando: sono sufficienti per il soggiorno ca. 600 euro per la coppia (volo ed albergo/resort esclusi). NON PAGATE MAI IN EURO. Occorre premunirsi di spina elettrica “all’inglese”.

Tra i vaccini è consigliata, ma non necessaria, la profilassi antimalarica (noi abbiamo fatto un ciclo di malarone, costoso, ma per quanto riguarda la salute è meglio non risparmiare). Nonostante le precauzioni, non siamo mai stati punti da alcuna zanzara e non abbiamo mai utilizzato il relativo spray antizanzare.

Non dimenticate maschera e boccaglio (siamo riusciti ad imbarcare anche le pinne). Per le escursioni vi prestano tutto, ma non so quanto sia igienico/sicuro utilizzare un boccaglio, non lavato, precedentemente utilizzato da chissà quante altre persone.

La balneazione è ovunque libera: non ci sono nè lettini nè ombrelloni. Potrete fermarvi a prendere il sole ovunque vogliate!

Protezione solare: ragazzi, il sole picchia, anche per chi come noi si abbronza facilmente. Per cui i primi giorni proteggetevi MOLTO E RIPETUTAMENTE! Tornerete comunque nerissimi.

Clima

Il nostro è stato uno dei periodi ideali per visitare Zanzibar. Si è verificato un solo acquazzone una mattina, della durata di dieci minuti, poi il sole ha continuato a splendere in cielo. La temperatura del mare è ottima, anche per bagni serali. Durante il giorno ci sono 33/34 gradi. La sera non c'è mai un’escursione termica considerevole (portate per sicurezza un maglioncino leggero, anche se la temperatura non scenderà mai sotto i 24/25 gradi).

Località alloggio

Noi abbiamo alloggiato a Nungwi, piccolo paese di pescatori, all'estremo nord dell'isola. La scelta è stata effettuata unicamente perché, da quanto abbiamo appreso dalle ricerche su internet, si trattava di una località dal mare incredibile, non particolarmente soggetta al fenomeno delle maree, e che quindi consentiva una facile balneazione durante tutta la giornata. Non abbiamo sbagliato!! Il mare è davvero da sogno. L'unico inconveniente del soggiorno a Nungwi è dettato dal fatto che per molte escursioni il tratto di strada da effettuare, partendo sempre da nord, è maggiore e conseguentemente cresce anche il prezzo richiesto per l'escursione stessa

  • 224638 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social