Socotra, l’isola dei delfini

Il viaggio a Socotra è nato quasi per gioco, da una disputa fra amici su quale potesse essere l’isola più bella del mondo. Sono saltate fuori tantissime destinazioni ma due, fra tutte, si contendevano il primato per la loro particolarità ...

  • di Kanela
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Il viaggio a Socotra è nato quasi per gioco, da una disputa fra amici su quale potesse essere l’isola più bella del mondo. Sono saltate fuori tantissime destinazioni ma due, fra tutte, si contendevano il primato per la loro particolarità ed unicità: Fernando de Noronha, al largo delle coste brasiliane e Socotra, isola dello Yemen nell’Oceano Indiano.

Guarda caso ero appena tornata da un viaggio in Brasile e Perù e, guarda caso, avevo trascorso una settimana a Fernando. Dovevo assolutamente vedere con i miei occhi l’isola che poteva competere con la bellezza dell’isola brasiliana, per me un vero paradiso. E così ho proposto alla mia compagna di avventure un viaggio verso lo sconosciuto Yemen, destinazione Socotra Island.

Prenotiamo il volo per Sana’a con la Turkish e riusciamo anche a farci un giro per la splendida Istanbul, in serata volo per Sana’à e arrivo in piena notte nella capitale yemenita. Sbrighiamo le formalità del visto e incontriamo Mohammed, titolare della socotraguide, che avevamo contattato tramite internet grazie ai consigli riportati nei diari di viaggio di TPC.

Il giorno dopo visitiamo la meravigliosa città, Patrimonio dell’Unesco e luogo magico che ci proietta in una dimensione senza spazio né tempo, in una atmosfera da Mille e una notte che risveglia in noi il desiderio di visitare il resto del Paese. Ma sarà per un’altra volta, dobbiamo scoprire qual è l’isola più bella del mondo! Dal finestrino dell’aereo ( a proposito, sedetevi nella fila a sinistra entrando) il primo impatto non è stato dei migliori. Ci troviamo di fronte ad un’isola enorme, un altipiano desertico, senza vegetazione, un paesaggio totalmente diverso dalla lussureggiante verdissima isola brasiliana. Ma non facciamo in tempo a scambiarci le nostre opinioni che improvvisamente, fra le nuvole, ci appare un turchese incastonato fra le montagne e una spiaggia bianchissima: la laguna Ditwah uno dei posti più belli dell’isola. L’agitazione aumenta e non vediamo l’ora di arrivare.

Dall’aeroporto ad Hadibu, centro principale dell’isola, abbiamo obbligato Mohammed a fermarsi almeno dieci volte per le prime foto ai villaggi, alle montagne, agli scorci sul mare turchese, alle piante dalle forme incredibili, ai palmeti..

Hadibu non è proprio un gran che, quindi lasciamo al volo il bagaglio in hotel e con la jeep raggiungiamo la spiaggia più vicina, Delisha, dove facciamo il primo bagno fra le onde del Mare Arabico. La spiaggia è piena di coralli e conchiglie enormi (guai a portarle via..) fotografiamo le più belle e camminiamo verso la duna di sabbia bianchissima che si appoggia sulla scogliera..Che spettacolo! Ci godiamo la prima giornata al mare e vediamo passare in lontananza un branco di delfini. Buon segno, sarà sicuramente una vacanza meravigliosa.

Il giorno dopo partiamo per il tour dell’isola con la jeep carica di cibo, acqua, le tende e persino tavolo sedie e ombrelloni che si riveleranno utilissimi per evitare scottature che avrebbero rovinato la vacanza.. Insomma tutto il necessario per una settimana di vita spartana a contatto con la natura ancora incontaminata. L’eco-sistema dell’isola è sicuramente molto fragile, nuove costruzioni tipo resort stanno prendendo forma direttamente sulla spiaggia e la corsa allo sfruttamento turistico potrebbe creare danni irreparabili. Le piccole agenzie locali di eco-turismo come la nostra sono consapevoli del pericolo e si battono affinchè il turismo rimanga di nicchia, per i veri viaggiatori che non cercano le comodità del villaggio ma preferiscono un turismo solidale verso le popolazioni locali e a stretto contatto con la natura

  • 2349 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Michela Zanoni 2
    , 4/10/2012 13:13
    Ciao Kanela!! Se è possibile vorrei alcune info sul vostro bellissimo tour! Ad esempio l'agenzia locale a cui vi siete affidate... Ti lascio il mio contatto mail Miky.Zano.91@hotmail.it

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social