Un viaggio nell'incanto (Prima parte)

Dedicato alle persone a me care che in questo periodo della mia vita, hanno avuto la costanza d’essermi vicino incoraggiandomi a proseguire nella mia strada personale e professionale con motivazione e ottimismo facendomi sempre mantenere una visione volta al futuro ...

  • di lelebanfi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
 

Dedicato alle persone a me care che in questo periodo della mia vita, hanno avuto la costanza d’essermi vicino incoraggiandomi a proseguire nella mia strada personale e professionale con motivazione e ottimismo facendomi sempre mantenere una visione volta al futuro con obiettivi e scopi, ma sopratutto con tanta energia positiva che è la capacità mentale di migliorare e migliorarsi.

Raffaele Banfi Il programma turistico Martedì 9 ottobre Roma / San'à Partenza con volo di linea Alitalia da Milano Linate. Arrivo a Roma e proseguimento con volo di linea Yemen Airways diretto a San'a. All’arrivo disbrigo delle formalità doganali, trasferimento in hotel, sistemazione nelle camere. Cena e pernottamento.

Mercoledì 10 ottobre Sana’à / Bayt Bows / Sana’à Pensione completa. Intera giornata dedicata alla scoperta della città. Partenza per BAYT BOWS, un bellissimo villaggio, quasi completamente abbandonato, posto sulla sommità di un piccolo affioramento roccioso verde. Pranzo in hotel e nel pomeriggio visita alla splendida capitale dello Yemen, che conserva l'aspetto di un borgo medioevale con le mura di fango, che racchiudono le stupende costruzioni in pietra e mattoni decorate da arabeschi e stucchi bianchi. Le caratteristiche finestre sormontate da lunette con vetri colorati o di prezioso alabastro, donano un aspetto fiabesco a tutto l’insieme. La vecchia città, con il colorato souk ricco di mille mercanzie e il brulicare di gente dal tipico abbigliamento, crea con le fantastiche costruzioni un insieme di perfetta armonia tra l’uomo e l’ambiente. Cena e pernottamento in hotel.

Giovedì 11 ottobre San’à / Seyun / Shibam / Seyun - km 100 Pensione completa. In mattinata trasferimento all'aeroporto e partenza con volo per SEYUN. Arrivo, inizio della visita alla città, tra le più importanti dell'Hadramout, immersa in una grande oasi con oltre 1 milione di palme. E’ l'ultima città del sud. La zona dell'Hadramout, stupisce per il contrasto tra il colore della terra, la montagna, il cielo blu e il verde delle palme. In quasi tutte le città del sud, i colori maggiormente usati e, che ritroviamo sulle case o sulle cupole delle Moschee, sono i colori naturali del paesaggio, il verde, il blu e la terra. Uno splendido e unico esempio di architettura in fango, rivestito di intonaco bianco, è il grande Palazzo del Sultano, attualmente accoglie 2 musei, uno etnografico, interessante poter osservare i costumi, gioielli, armi, attrezzi che ancora attualmente vedremo usare; l'altro Museo, archeologico, con dei pezzi importanti trovati a circa 100 Km da Seyun da missioni russe e yemenite. Interessanti i cimiteri, che a differenza di quelli arabi dove troviamo un insieme di pietre, questi hanno al loro interno piccoli mausolei, e tombe simili alle nostre. Visita al souk e al piccolo mercato dell'artigianato locale. Rientro in hotel per il pranzo. Pomeriggio dedicato a SHIBAM, la famosa “Manhattan del deserto”, la stupenda città è racchiusa da mura, un blocco di 500 grattacieli di fango che sembrano toccare il cielo. Splendide le porte e finestre intarsiate. Molto interessante l’urbanistica della città, suddivisa tra piazze, vicoli e palazzi armoniosamente inseriti. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Venerdì 12 ottobre Seyun / Tarim / Inat / Seyun - km 140 Pensione completa. Tra paesaggi di oasi, di donne dagli alti e caratteristici cappelli a punta che coltivano i campi, si visita la tomba di Bin Isa, un Santone venerato dagli abitanti dell’Hadramaut. Proseguimento per la città santa di TARIM caratterizzata dalla grande moschea bianca e dall'altissimo minareto quadrato, da grandi e splendidi palazzi con influenze architettoniche orientali. Proseguimento per INAT attraverso oasi, forni per la calce, orti coltivati, castelli di fango. Inat è un’ interessante cittadina con belle case e cimiteri con Marabut. Rientro in hotel, cena e pernottamento

  • 1183 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social