Yemen a bordo del Boreas of Katharina

Partenza da Roma Fiumicino e arrivo a Sana'a dopo 5 ore. Dopo un giorno e mezzo di visita a Sana'a e dintorni, partenza per il porto di Salif. Questo percorso attraversa un altopiano che raggiunge i 3000 metri, ed è ...

  • di carlascarsi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Partenza da Roma Fiumicino e arrivo a Sana'a dopo 5 ore. Dopo un giorno e mezzo di visita a Sana'a e dintorni, partenza per il porto di Salif. Questo percorso attraversa un altopiano che raggiunge i 3000 metri, ed è abbastanza lento data la tortuosità delle strade. Proprio per quello è affascinante, e ti fa scoprire le falde dei monti totalmente coltivate con terrazzamenti degni delle nostre liguri Cinque Terre. Dal porto di Salif partenza a bordo del Boreas of Katharina per l'esplorazione delle isole del Mar Rosso yemenita, dalla grande Kamaran alle piccole sporgenze vulcaniche. Organizzato dalla Kel12.

Eravamo noi 4, due genitori e due figlie di 8 e 12 anni, e abbiamo trovato a Fiumicino come compagni di viaggio una coppia disponibile e tollerante verso i bambini, anche se le nostre figlie sono obiettivamente molto sopportabili e straeducate. Abbiamo avuto una fortuna sfacciata che il comandante decidesse di far venire con noi anche il figlio 11enne, che ha marinato la scuola per questa settimana e che ha fatto da istruttore naturale alle figlie. Forse senza di lui le cose sarebbero state differenti e leggermente piu' difficoltose per la gestione delle figlie, ma non di troppo. Si sarebbero forse divertite un po' meno.

Abbiamo esplorato un sacco di fondali, siamo andati tutti sott'acqua con le bombole, noi col patentino, ma anche senza le bombole la coppia che era con noi e la nostra bambina piu' piccola hanno potuto godersi una barriera meravigliosa. Abbiamo visto di tutto, anche lo squalo che temevo tanto anche se tutti ti dicono che non è pericoloso... Coralli di ogni tipo, invasioni di pesci di ogni colore, anemoni piccolissimi ed altri enormi... Scene alle quali è forse abituato chi frequenta mari differenti dal Mediterraneo, ma che per me - pur avendo visitato la barriera delle Antille olandesi - sono state un sogno.

La barca su cui eravamo imbarcati è un 3 alberi di 38 metri, guidata dallo stesso Pazzelli che ha fatto da guida ad Adriatica quando sono andati giu' loro qualche anno fa. Non ci sono parole per descrivere le attenzioni che Pazzelli ed il suo equipaggio ci hanno riservato. Disponibilità totale, passione per il loro lavoro, i siti dove lo citano parlano del burbero comandante.. Niente di piu' lontano dalla verità.

Abbiamo mangiato le cose preparate da un cuoco a 5 stelle e non siamo mai riusciti neanche a finirne la metà. Abbiamo fatto il pieno di pesce crudo e gamberi per i prossimi 30 anni. Ci siamo abbronzati e divertiti, il tempo è stato gentile con noi perché non c'è stato mai ne' sole cocente ne' brutto tempo. Durante il transito fra Sana'a e il mare e al ritorno abbiamo visitato alcuni villaggi dell'altopiano che hanno dato a noi e alle figlie soprattutto un quadro abbastanza preciso delle genti e degli stili di vita yemeniti. E dei bambini. Sana'a... Che dire? Sana'a va vista almeno una volta nella vita, nonostante la paura che ci avevano messo addosso tutti per eventuali pericoli. Le persone ovunque sono state incredibilmente accoglienti, sia che parlassero inglese come quasi tutti bambini piccoli che lo studiano a scuola, sia che non avessero assolutamente modo di comunicare con noi. Protetta dall'Unesco, la stanon restaurando un po' per volta rispettando lo stile oroginario, e il centore storico lascia senza parole. Viaggiare in epoca di Ramadan inoltre ci ha avvicinato ulteriormente alla cultura yemenita, anche se per quello ci pensavano già i muezzin da tutte i minareti cittadini... Alcuni di noi hanno vissuto le preghiere notturne con fastidio, io personalmente le ho trovate molto affascinanti e insolitamente melodiche

  • 822 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social