In viaggio con guida locale: da Socotra allo Yemen

Ho comprato il biglietto aereo per Sanàa il giorno prima dell’attentato nel Marib contro il pulmann di turisti spagnoli. Probabilmente senza il biglietto in mano avrei rinunciato al viaggio nello Yemen come ha fatto la maggior parte di chi aveva ...

  • di sheeba
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Ho comprato il biglietto aereo per Sanàa il giorno prima dell’attentato nel Marib contro il pulmann di turisti spagnoli.

Probabilmente senza il biglietto in mano avrei rinunciato al viaggio nello Yemen come ha fatto la maggior parte di chi aveva in programma la visita dell’Arabia Felix...E mi sarei persa uno dei viaggi più affascinanti e ricchi d’emozioni che abbia mai fatto.

Parto da Malpensa con la Turkish via Istanbul. Arrivo a Sanàa all’1 di notte e faccio il visto direttamente in aeroporto per 30 $, non male considerando che le agenzie in Italia mi avevano chiesto 50 euri... In aeroporto mi attende M., la guida che avevo conosciuto qualche mese prima sull’isola di Socotra. Eh si, sono recidiva! A Marzo avevo già assaggiato parte della bellezza dello Yemen con Fabio, il mio fantastico compagno di viaggi indimenticabili. Allora avevamo deciso di dedicarci esclusivamente alla scoperta delle bellezze naturali di Socotra dove abbiamo trascorso 3 settimane da favola.

E’ d’obbligo aprire una piccola parentesi su questa isola meravigliosa. Avevamo grandi aspettative e nessuna è stata delusa, anzi. La bellezza selvaggia, le spiagge bianche incontaminate, il mare cristallino, le dune appoggiate sulle scogliere a picco sul mare, i delfini, il trekking in montagna fra le popolazioni che vivono ancora nelle grotte...Tutto questo e molto altro rende l’isola di Socotra un vero Paradiso Terrestre.

. Al ritorno dall’isola e dopo la breve visita di Sanàa e dintorni, Fabio e io ci eravamo promessi reciprocamente che saremmo ritornati a visitare lo Yemen nel più breve tempo possibile.. Purtroppo Fabio non poteva muoversi ad Agosto e io l’ho egoisticamente abbandonato al suo destino lavorativo e ho deciso di partire da sola. Temo che non me lo perdonerà mai.. Mi ha lasciata comunque in buone mani. M., che ci aveva accompagnati fra le bellezze dell’isola e che nella stagione dei monsoni lavora in Yemen, è stata una guida e un compagno di viaggio impagabile.

Trascorriamo la prima giornata a Sanàa, città di una bellezza e di un fascino incredibile che da sola vale un viaggio nello Yemen.

Ci rechiamo negli uffici della polizia turistica per avere il permesso di viaggio senza il quale non è possibile girare il Paese. Abbiamo dovuto stilare un itinerario preciso delle 3 settimane di tour e dopo qualche difficoltà dovuta alla lobby dei tour operator che non amano il turismo individuale otteniamo il pass.

Il giorno dopo alle 7 del mattino siamo già sul bus che ci porterà a Ibb. Il paesaggio che si gode dal finestrino è spettacolare: canyon, campi terrazzati verdissimi e i paesini di fango arroccati sulle rocce. I posti di blocco della polizia sono numerosi lungo la strada, per fortuna avevamo provveduto a fotocopiare il pass e le procedure di controllo risultavano veloci. Nonostante lo spiegamento delle forze di polizia, i kalashnikov e le camionette con i mitra, non ho mai percepito nessuna sensazione di minaccia o di pericolo. A Ibb dormiamo a casa di una famiglia di amici di M.. La cordialità e l’ospitalità delle gente yemenita è talvolta commovente. N., amico di M. Ci accompagna a visitare i dintorni, Jibla, le campagne coltivate a qat e ci porta a fare un “giro visita parenti” che dura una giornata intera. C’è un fortissimo senso della famiglia in questo Paese, grande rispetto per gli anziani, per le donne capofamiglia e per i numerosissimi bambini. Avremmo molte cose da imparare da questa vituperata società islamica... N. Mi accompagna nelle case delle sue sorelle che mi presenta come “this is sister number 5” “this is sister number 9” e in tutte le case dovevo accettare qualcosa da mangiare o almeno un chai, il tè speziato yemenita

  • 1916 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. hamtaro
    , 24/4/2010 19:45
    complimenti per il viaggio deve essere stato veramente molto bello anch'io e tanto che penso di andarci prima o poi arrivera anche il mio momento. e chiedero informazioni a te. grazie

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social