Viterbo e la Tuscia

Un tour tra Viterbo, Civita di Bagnoregio, il Sacro Bosco di Bomarzo e il lago di Bolsena

  • di sabrina62
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Visita di Viterbo, Civita di Bagnoregio, Bosco Sacro di Bomarzo, Villa Lante a Bagnaia, Palazzo Farnese a Caprarola e prova Ferrari all'autodromo di Viterbo. Ultima tappa: lago di Bolsena.

Primo giorno

Siamo partiti intorno alle 9.30 con le previsioni meteo che avevano messo pioggia per tutti i quattro giorni in cui saremo stati fuori. Infatti per strada abbiamo trovato pioggia, proprio a conferma delle previsioni. Dopo un veloce spuntino portato da casa, siamo arrivati a Viterbo intorno alle 14.00; avevamo prenotato all’albergo Hotel Residence Viterbo Inn: pernottamento e prima colazione. Buona scelta: l’albergo è in centro con possibilità di parcheggio nelle immediate vicinanze ed a piedi è possibile visitare tutto il centro città; la camera era spaziosa con un insolito bagno panoramico. Il pomeriggio quindi l’abbiamo dedicato alla visita di Viterbo nonostante la pioggia: quartiere San Pellegrino, piazza San Lorenzo, piazza Crispi, piazza Della Rocca, via Santa Rosa; anche se nelle vie medievali il traffico non era piacevole, siamo riusciti comunque a goderci alcuni scorci davvero molto caratteristici. La città è proprio bella; abbiamo visitato anche un tratto del percorso sotterraneo appena restaurato e da poco aperto al pubblico (ingresso da piazza Della Morte). Per cena abbiamo trovato un piccolo ristorante in via Del Pavone, la Buca di San Faustino vicinissimo all’albergo, che offre cena con menù fisso a E. 10,00 a testa escluse bevande: ambiente carino e con circa 15,00 euro a testa al massimo abbiamo mangiato abbondantemente tutte e tre le sere, prendendo oltre a quanto previsto nel menù anche il vino ed il dolce. Dopo cena siamo andati a vedere il Palazzo dei Papi in notturna: bellissimo, davvero merita la visita perché di notte tutta la piazza è affascinante. Rientrati in albergo stanchissimi.

Secondo giorno

Avevamo appuntamento alle 10.00 all’Autodromo di Viterbo per la prova su pista della Ferrari, prenotata ad inizio anno. E’ stato entusiasmante anche per me che semplicemente accompagnavo chi doveva guidare: macchine bellissime ed una buona organizzazione hanno fatto sì che la mattina sia proprio volata. Per fortuna il tempo era migliore del giorno prima, non pioveva e la giornata era accettabile. Abbiamo quindi deciso di dedicare il pomeriggio alla visita di Civita di Bagnoregio che avevamo visto in foto e che ci aveva sempre meravigliato. Abbiamo parcheggiato al parcheggio del belvedere di Bagnoregio e ci siamo incamminati verso Civita; involontariamente credo che abbiamo scelto il modo migliore di arrivare al borgo perché andare a piedi dal belvedere a Civita permette di capire quanto sia stupefacente la posizione di questo borgo. Si gode in pieno del panorama e dello strapiombo su cui poggia il borgo: ovviamente devono essere messe in conto due salite e due discese non indifferenti fra andata e ritorno. Il pranzo lo abbiamo risolto in un piccolo ristorantino vicino alla porta di ingresso di Civita che serve piatti unici a cifre più che ragionevoli (con E. 10,00 a testa offre una buona scelta comprensiva di bevande) e che è ricavato all’interno del vecchio mulino del paese: ambiente davvero carino. Visto il tempo e l’ora non tarda abbiamo deciso di visitare anche il Sacro Bosco a Bomarzo. Il parco non è tenuto benissimo ma le statue sono davvero imponenti e l’insieme molto pittoresco, nonostante il muschio che ricopre per buona parte le sculture; imperdibile la casa pendente, entrandoci si perde la cognizione dello spazio. Rientrati a Viterbo in tarda serata e, dopo la cena nel solito ristorante, a letto presto causa gli svariati chilometri fatti a piedi

  • 25098 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social