In Vietnam con la famiglia

Tour fai da te di 10 giorni: da Hanoi a Ho Chi Minh, passando per Halong Bay e Hoi An

  • di Dansal
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Itinerario

21 ottobre: partenza con volo Emirates per Hanoi

22 ottobre: pomeriggio e 23 Ottobre Hanoi

24 e 25 ottobre: Halong Bay, in serata volo per Da Nang

26 ottobre: Hoi An

27 e 28 ottobre: Hue, in serata volo per Ho Chi Minh City

29 ottobre: Mekong

30 ottobre Ho Chi Min City, in nottata partenza con volo Emirates

22 Ottobre

Arriviamo ad Hanoi il 22 pomeriggio, dopo quasi 18 ore di volo, incluso lo scalo di 4 ore a Dubai. Abbiamo prenotato il trasferimento con taxi privato tramite Indochina Junk www.indochina-junk.com, travel agency con la quale faremo la crociera di Halong Bay, ed arriviamo abbastanza rapidamente al nostro Hotel, La Siesta www.hanoilasiestahotel.com, prenotato qualche settimana prima con l’efficientissimo e conveniente sito Agoda.com, che non conoscevo e che sicuramente raccomando a chiunque voglia recarsi in Asia. L’hotel si trova nel centro della città vecchia, è un boutique hotel molto carino, la nostra tripla è su due piani ed e’ molto bella ma piuttosto costosa, un consiglio che vorrei dare a chi si accinge a fare questo viaggio in famiglia od in un gruppo di 3 persone è che è meglio prenotare una doppia con letto aggiunto invece che una tripla, le stanze doppie sono comunque ampie ed il prezzo è molto più conveniente. Lasciati i bagagli in stanza, ci addentriamo nel labirinto di vicoli del quartiere dei 36 mestieri dove ogni strada ha un tema dominante, il mio consiglio è di godersi l’atmosfera piacevolmente caotica, lasciarsi trasportare dalla folla e di vagare senza meta, alla fine si riesce sempre a ritrovare la strada, indispensabile portare sempre con se’ un biglietto da visita dell’Hotel da mostrare al tassista o a chi sa parlare Inglese per ricevere indicazioni sul come ritrovare la strada. La nostra meta è un sarto suggerito dall’hotel dove commissioniamo una camicia da uomo identica ad un’altra che avevamo portato da casa, ce la porterà il giorno dopo in Hotel, il tutto per 35 $. Durante il nostro girovagare c’è tempo per uno spuntino e dopo aver chiesto indicazioni almeno 10 volte, arriviamo al Bun Bo Nam Bo, dove secondo Anh, di Alotravel Asia http://alotravelasia.com, l’ottima agenzia con la quale abbiamo prenotato dall’Italia qualche pernottamento ed una escursione, fanno il miglior Street Food di Hanoi. Effettivamente il Pho bo è delizioso, da provare!

Stanchi anche per il viaggio fermiamo un risciò (esperienza da provare almeno una volta) e dopo breve contrattazione ci facciamo portare in albergo, il che’ non sarà facile perché il nostro autista non parla una parola di Inglese e non sa dov’è L’albergo... in qualche modo arriviamo a destinazione, ed è già ora di andare al ristorante Cau Go che abbiamo prenotato su consiglio di Anh. Il ristorante offre una vista spettacolare sul lago di Hoan Kiem nel centro della città, mangiamo sulla terrazza cibo Vietnamita, non economico per essere Vietnam ma comunque prezzo irrisorio paragonato all’Italia, la vista è impagabile e questa prima serata resterà tra i ricordi più belli della vacanza.

23 Ottobre

Lunedì abbiamo appuntamento alle 9 con Gaia, la ragazza contattata tramite l’associazione ciaovietnam, www.ciaovietnam.org. È una studentessa 22enne che studia Italiano all’università di Hanoi e nel tempo libero aiuta i turisti Italiani a scoprire la città. La prima tappa è il Mausoleo di Ho Chi Minh, ci andiamo in taxi e ne approfittiamo per osservare una città diversa da quella che ci ha accolto ieri. I quartieri attorno al mausoleo sono eleganti, sembrano sono sedi di ambasciate con viali ampi e verdeggianti. L’interno del mausoleo non si può visitare perché siamo nel periodo dell’anno nel quale la salma è oggetto di cure speciali e quindi ci accontentiamo dell’esterno, spianate imponenti, geometriche ed ordinate, assistiamo al suggestivo cambio della guardia mentre la guida ci spiega il significato della bandiera vietnamita. Ci attardiamo passeggiando tranquillamente ed ammirando la moltitudine di visitatori, tutti Vietnamiti che sono venuti ad ossequiare l’eroe nazionale e lo statista più amato di questo paese. Riprendiamo un taxi e andiamo al Palazzo Presidenziale, di un bel giallo ocra, immerso in un bellissimo e curatissimo giardino, una delle cose che ricorderò del Vietnam è la vegetazione subtropicale, i fiori coloratissimi, gli alberi da frutto, tra i quali mi colpiscono le piante di pompelmo con i frutti verdi che sembrano grosso meloni. Anche se il palazzo non si può visitare il parco e la piccola casa su palafitta dove viveva Ho Chi Min valgono la visita, per me è un posto bello e suggestivo che consiglio assolutamente. La nostra prossima tappa è il bellissimo tempio della letteratura uno degli edifici più antichi e belli di questo paese, dove studiavano i mandarini, anche qui curatissimi giardini ed immersi in essi, templi suggestivi. Il posto più bello che abbiamo visitato ad Hanoi. Durante la visita incrociamo delle signore accompagnate da un fotografo professionista vestite con l’AO Dai, abito tradizionale, sembra che qui sia usanza farsi foto ufficiali vestiti con l’abito tradizionale ed a me sembra una cosa molto bella, i vestiti sono elegantissimi e le signore molto curate

  • 10462 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social