Affascinante Vietnam

Il nord del Paese è affascinante, con i villaggi etnici nelle montagne, le donne nei loro abiti colorati, il misticismo della baia di Ha Long, le lanterne illuminate di Hoi An…

  • di Dodi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Le vespe di Hanoi

A Bangkok c’è cordoglio. Pochi mesi fa è morto Bhumibol Adulyadej, Re della Thailandia, ed è stato indetto un anno di lutto. E’ impossibile non notare la gente vestita di nero, alcuni con un fiocco attaccato alla camicia o un nastrino fra i capelli, e gli striscioni appesi ai muri. Uomini, donne, ragazze e ragazzi, nessuno fa eccezione. Il Re, amato come una divinità, ha regnato per settant’anni, per cui quasi tutti i thailandesi hanno conosciuto solo il suo regno. Al trono è ora salito il figlio Maha Vajiralongkorn.

Come altre volte prima di un viaggio in Asia, Bangkok è una tappa intermedia, mentre la meta di quest’anno è il Vietnam. Consapevoli che in poco più di due settimane non sarà possibile visitarlo per intero, per iniziare il nostro viaggio atterriamo a Hanoi, nel nord del Paese.

Il desiderio di scoprire anche questo pezzo di sud est asiatico nasce dai bei ricordi di altre visite: le emozioni vissute dagli incontri con la gente, la filosofia buddhista, che infonde tanta serenità, la natura da scoprire, la pace dei monasteri.

L’impatto con il traffico di motorini della capitale, quindi, ci coglie di sorpresa. Sembrano sciami di vespe irritate e ronzanti, pronte ad attaccare gli sprovveduti pedoni come me, che si azzardano a passarci in mezzo. L’unico modo per attraversare le strade, seguendo con un certo timore il consiglio di altri viaggiatori che mi hanno preceduto, è non fermarsi e lasciare che siano loro, le vespe, pardon, i conducenti, a schivarmi. Facile a dirsi. Questa situazione si ripresenterà in tutte le città, quindi tanto vale farsene una ragione.

Sono anche sorpresa da tutto quanto riescono a trasportare sui loro mezzi: bidoni, casse di frutta, mobili. In pratica la casa. Gli adulti portano quasi tutti dei caschetti sulla testa, mentre i bambini, spesso tenuti in braccio dai genitori, sono protetti solo da una mascherina anti-smog, che è senz’altro utile, visto l’inquinamento delle città, ma mi pare del tutto superflua in un caso, insperato, d’incidente.

Tornando a Hanoi, la zona intorno al lago Hoan Kiem è un’oasi di pace. In tanti si ritrovano sulle panchine a chiacchierare mentre i bambini si divertono con gli artisti di strada o gustando un gelato.

Per visitare la città senza perdere troppo tempo decidiamo di seguire un tour organizzato che ci ha portato, fra l’altro, al Mausoleo di Ho Chi Mihn, solo per passare intorno alla salma imbalsamata dell’ex leader comunista, scortati e guardati a vista dai soldati. Per fortuna nel tour erano incluse anche visite ad alcuni templi buddhisti, che erano molto più interessanti e illuminanti.

Invece, lo spettacolo delle marionette sull’acqua della compagnia Thang Long Water Puppet, a cui abbiamo assistito nell’omonimo teatro, è stato un piacevole momento di svago. Dietro a un paravento, immersi nell’acqua fino al petto, gli artisti muovevano i loro burattini attaccati a dei pali orizzontali. Le scene, soprattutto rivisitazioni di leggende e di vita quotidiana, erano accompagnate da un gruppo di musicisti e cantanti, e da piccoli fuochi d’artificio.

Dopo alcuni giorni un treno notturno con cuccette ci ha portati da Hanoi a Sa Pa, nell’estremo nord, vicino alla frontiera con la Cina. Questa cittadina ci ha ricordato San Moritz, con il suo piccolo lago, l’aria frizzante e le montagne circostanti. I lineamenti delle persone, di diverse etnie, mi fanno pensare ai popoli himalayani, che hanno avuto un’influenza sulla regione in passato. Le donne portano ampie gonne, spessi calzettoni e sciarpe colorate in testa

  • 1002 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social