Vietnam e un tocco di Bangkok

Viaggio autogestito nell'estremo sud est asiatico

  • di gianni gravante
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Vietnam ed un tocco di Bangkok

Gianni e Maria Cristina Gravante

22 novembre 13 dicembre 2013

Questo è il piccolo resoconto di un viaggio che è nato un po' così, con molti dettagli poco curati giacché il periodo doveva essere gennaio, anticipato per necessità a novembre/dicembre.

Il diario sarà forse poco “tecnico”, ma non concepiamo scrivere senza tentare di riportare anche quelle che sono state le sensazioni provate e le esperienze vissute. Tuttavia, se qualcuno è intenzionato ad effettuare un viaggio simile e desidera delle informazioni mirate, siamo a disposizione.

Il volo Qatar, prenotato con buon anticipo, ci è costato € 1.030 per due persone A/R su Bangkok, lì ci siamo fermati due notti, perché Bangkok è sempre Bangkok ed anche se ci sei già stato fa sempre piacere tornare. Pernottamenti al True Siam Hotel, vecchia conoscenza, posizione comoda accanto al BTS fermata Phaya Thai, anche terminale della corsa dell'airport expressTrain, direttamente dal Suvarnabhumi in zona Siam bypassando il traffico caotico della metropoli.

Sabato 23 novembre

Arrivo alle 7 circa del mattino, stanchi ma con poca voglia di andare a riposare, quindi bagagli in hotel, cambio d'abito e via a Chatuchak market, fermata BTS Mho Chit, dove pranziamo e ci abbandoniamo ad un'oretta di feet massage, il primo di una lunga serie. Rientro in hotel di pomeriggio, doccia e via in taxi in quello che ancora oggi è uno dei posti più piacevoli di Bangkok: Khao San. Ricco di guest house, questo posto riesce ancora a regalare sprazzi di autenticità, frequentato com'è da fricchettoni dai 18 ai 78 anni.

Domenica 24 novembre

Leggera pioggerellina, che non ci scoraggia dall'infilarci in un van destinazione Domsouadek ed il suo floating market. Davvero turistico, troppo. Piacevole, tuttavia, la parte dei canali all'interno dei villaggi abitati dai locali, lontani dal caos del mercato galleggiante vero e proprio.

Lunedì 25 novembre

Lasciamo il True Siam Hotel ed a piedi in 10 minuti raggiungiamo il terminal Express Airport Train che ci porterà direttamente al Suvarnabhumi dove ci attende il volo per Hanoi, prenotato con Vietnam Airlines, compagnia puntuale, economica, consigliata!All'arrivo troviamo ad attenderci l'addetto al transfert per l'hotel, piccolo lusso che ci siamo concessi a dollari 15…

Arriviamo al Graceful Hotel di Hanoi, in ottima posizione nella città vecchia. Accoglienza davvero eccellente, non un minuto perso, ogni informazione fornita in maniera professionale eppure molto amichevole. Doccia, cambio di una banconota da 50 euro con qualche milionata di Dong e via, alla scoperta di questa città sognata ed immaginata sulla scorta di quanto letto nei mesi precedenti il viaggio, la città sospesa nel tempo, i profumi di incenso dalle pagode ed i rumori dei mille mestieri svolti tra le mura coloniali lasciate dai francesi…

Pochi minuti e ci accorgiamo che quella città non esiste, Hanoi è invasa e deturpata da un traffico indescrivibile, con migliaia di motorini che non hanno nessun riguardo per chi circola a piedi lungo i margini delle strade, poichè i marciapiedi sono parcheggi per centinaia di scooter che non lasciano un centimetro (uno!) per la circolazione pedonale, e dove non possono sostare le moto si dorme, si mangia, si lavora o semplicemente si amplia il negozietto esponendo di tutto. Occhi e gola che risentono dei gas di scarico. Traumatico! Certo, anche noi abbiamo realizzato le nostre belle riprese dal terrazzo dei ristoranti per immortalare il traffico che agli amici non si riuscirebbe mai a spiegare a parole, abbiamo cercato di vedere delle attrattive in quel caos immane, ma la sensazione è quella di una città semplicemente rovinata dalla mancanza di ogni regola viabilistica, un vero peccato

  • 6135 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social