In giro fra Cambogia, Vietnam e Thailandia

Tre settimane alla scoperta di Cambogia e Vietnam per finire con un po' di relax al mare a Ko Thao

  • di skossa23
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Dopo aver chiesto un paio di preventivi ad agenzie Vietnamite decidiamo di organizzare il viaggio autonomamente. Prenotiamo tutti gli hotel, i voli, il treno e la crociera sulla Baia di Halong tramite internet dall’Italia. Per i voli internazionali Milano – Bangkok abbiamo scelto Emirates, e attraverso il loro gentilissimo call center abbiamo aggiunto le tratte Bangkok – Siem Reap e Ko Samui Bangkok pagandole meno di quello che avremmo speso prendendole separatamente. Per i voli interni in Vietnam abbiamo prenotato con la Vietnam Airlines che si è rivelata molto efficiente mentre da Hanoi a Bangkok abbiamo volato con la Qatar Airways.

Per gli spostamenti interni preferiamo quasi sempre delle auto private prenotate tramite gli hotel (spendendo circa 60/70 $ a tratta) in modo da essere più flessibili e risparmiare tempo.

Giorno 01. (30/7/13) Siem Reap arrivo

Arriviamo a Siem Reap dove troviamo ad attenderci un autista dell'hotel Royal Crown Hotel & Spa**** prenotato via internet. Oggi abbiamo la giornata libera, piove così ci rilassiamo un po' in hotel poi andiamo al Bodia SPA per un massaggio rigenerante. La sera ceniamo in hotel (prenotando 3 notti abbiamo incluso una cena omaggio.) Pernottamento in hotel.

Giorno 02. (31/7/13) Siem Reap – Angkor Wat - Angkor Thom

Dopo un’abbondante colazione in hotel troviamo ad attenderci il nostro autista di touk-touk Sam (contattato dall’Italia tramite internet) e la guida. Con il senno di poi sarebbe bastato l’autista poichè la guida non si è rivelata così utile...

Iniziamo la visita di Angkor Thom (La Gran Città). Dal portale del Sud, passiamo per il famoso Bayon composto di 54 maestose torri dalle 216 facce di Avalokitesvara proseguendo con la visita della terrazza degli Elefanti, lunga 350m, dove si svolgevano le udienze reali e le cerimonie pubbliche, la terrazza del Re Lepproso, piattaforma del XII° S., con le moltitudine ed ammirevoli figure scolpite di Apsara; Phimean Akas (il palazzo celeste), una piramide a tre livelli che rappresenta il monte Méru. Pranziamo in un ristoranti nei pressi del sito e nel pomeriggio proseguiamo con la scoperta del meraviglioso tempio di Angkor Wat, iscritto al patrimonio mondiale dell'umanità dell’Unesco, con le sue torri slanciate ed i suoi bassorilievi straordinari. Prè Rup. Ceniamo al The Touich Restaurant Bar dove mangiamo dell’ottimo filetto! Si trova un po' fuori dal centro e per raggiungerlo bisogna percorrere una stradina sterrata ma è raggiungibilissimo in tuk tuk e ne vale veramente la pena!

Giorno 03. (1/8/13) Siem Reap – Gran Circuito – Banteay Srei

La mattina, sveglia presto per vedere l'alba ad Angkor Wat (con il senno di poi avrei evitato la levataccia perchè non si è rivelata così spettacolare). Rientriamo poi in hotel per colazione e per rinfrescarci, verso le 10.00 passano a prenderci il nostro autista e la guida per l’escursione al tempio di Bantey Srey, ovvero la cittadella delle donne, famoso per gli splendidi bassorilievi scolpiti quasi tutti in arenaria rosa.

Proseguiamo poi con la visita dei tempi del Gran Circuito con Prè Rup datato del X secolo, Mébon del X secolo, tempio induista, sorti sull'isola centrale di Baray Orientale; Ta Som, tempio buddista costruito alla fine del XIIo secolo; Neak Poan (Negas slanciato), e Preah Khan (spada sacra) incastrato dagli alberi rampicanti.
 Purtroppo io non sto bene quindi mio marito cena in hotel.

Pernottamento in hotel.

Giorno 04. (2/8/13) Siem Reap – Phnom Penh

La mattina, dopo colazione, partiamo verso Phnom Penh con un autista privato trovato tramite Sam, il nostro autista di tuk-tuk. Arriviamo a Phnom Penh verso l’ora di pranzo. Ci sistemiamo al Pavilion*** prenotato via internet, l'hotel è delizioso, situato all'interno di una villa coloniale con una piscina contornata da un giardino tropicale. Inoltre la posizione è in posizione centrale, proprio dietro il Palazzo Reale. Nel pomeriggio visitiamo la Pagoda d’Argento e il Palazzo Reale. Ceniamo al Malis, uno dei ristoranti migliori di Phnom Penh, buono ma un po' pretenzioso e con prezzi ingiustificatamente alti

  • 58091 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social