Tra Laos e Vietnam

Un tour tra Vientiane, Pakse, Champasak, Bangkok…

  • di saby ivo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 
Annunci Google

SABAI-DEE .... sento che l'importante è nel cuore... Laos + Vietnam - Summer 2010

Routing nelle terre di mezzo:

29/07 Milano 30/07 Bkk 31/07 Vientiane 01/08 Vientiane - Pakse - Isola Di Khong 02-04/08 Isola Di Khong 05/08 Champasak 06/08 Pakse - Luang Prabang 07-09/08 Luang Prabang 10/08 Phonsavan 11/08 Piana Delle Giare 12/08 Vientiane - Ho Chi Minh City 13/08 Ho Chi Min 14/08 Ho Chi Min - Phu Quoc 15-18/08 Phu Quoc Island 19/08 Phu Quoc - Ho Chi Minh City 20/08 Saigon - Bkk 21/08 Bkk - Milano

Per quest’estate abbiamo cercato un viaggio importante, in due paesi Speciali : Laos e Vietnam .

Due terre cosi vicine eppure cosi contraddittoriamente diverse tra loro.

Nel primo ci è parso si viva ancora nell’era degli ideali. La filosofia buddista coinvolge ed abbraccia ogni gesto dolcemente. Nel quotidiano non esiste frenesia. Questo paese è tanto piccolo quanto carico di meraviglie. Ha uno straordinario patrimonio naturale e culturale ancora estraneo ai flussi del turismo di massa, il tempo sembra davvero essersi fermato ! Si vive seguendo i ritmi e le tradizioni legate a un poetico passato. Laos è la traduzione francese di Lan Xang, che in lingua lao significa Paese del Milione di Elefanti.

Nel secondo invece gli strascichi della guerra e il vivere a stento ci mettono di fronte ad estreme situazioni. La Verità che vediamo coi nostri occhi è fatta ancor oggi di tante brutture, conseguenze logiche dell'orrore che esiste a distanza di tanti anni. Per le città ci sono molti storpi e mutilati, bimbi che si prostituiscono, ragazze che si svendono. La confusione regna sovrana e viaggia veloce tanto quanto il consumismo dilagante. IL nostro Viaggio è stato in ogni modo completo perchè abbiamo assaporato in entrambi i Paesi tanto distanti dalle nostre consuetudini, immagini nuove, suoni , gente e sopratutto Emozioni indelebili.

"Per favore, usate la vostra libertà per promuovere la nostra"

AUNG SAN SUU KYI, premio Nobel per la Pace 1991

*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*-*

29-31 LUGLIO - VIENTIANE

Volo Milano-Vietniane via Bangkok, arriviamo per sera. La città riecheggia immagini esotiche di diverse culture lao, thai, cinese, francese che si fondono a formarne un’originale ed affascinante realtà. L'atmosfera pare irreale e tranquilla da subito. Solo pochi taxi e qualche tuk tuk circolano tra le vie, mentre tantissima gente gironzola a piedi nel buio e decine , decine di bici e risciò transitano ai lati delle strade. Accesi qua e la troviamo dei falò, dove ammassati stanno le famiglie e piccoli gruppi di ragazzi. Mangiano per terra intorno a bracieri che ardono. Tutti gesticolano e chiacchierano ad alta voce.

Qui esattamente qui, mi sembra di iniziare a tornare indietro nel tempo. Non so perchè... ma la sensazione è unica, poetica. Mi pare di essere ancora nella bellissima e primitiva Cambogia del nord.

Da subito capisco che Vientiane è un posto che richiede ai viaggiatori di rallentare e conformarsi al suo ritmo fiacco, distaccato e sonnolento .

Il significato del nome Vietniane ( che in lingua Pali si pronuncia Wiangchan ) è “città del legno di sandalo”. Arriviamo alla "nostra" guest house Villa Sisavad prenotata via internet e ci sistemiamo per la notte. L'indomani sveglia prestissimo. Il modo migliore per girare la capitale è sicuramente noleggiare un risciò oppure un motorino, perchè sono molto economici ed è facile raggiungere i molti punti di interesse, soprattutto i "wat"

Annunci Google
  • 9157 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social